fbpx
NewsTech

Crédit Agricole Italia, TIM e Accenture annunciano un accordo strategico

Crédit Agricole Italia, TIM e Accenture hanno annunciato la sigla di un’importante partnership strategica. Il nuovo accordo è legato alla gestione dell’infrastruttura integrata di tecnologia e telecomunicazione per le attività del Gruppo Crédit Agricole in Italia. La partnership avrà una durata decennale e prevede la creazione, da parte di TIM e Accenture, di una piattaforma integrata per la gestione congiunta dei sistemi tecnologici e delle telecomunicazioni dell’istituto bancario.

Tanti vantaggi per Crédit Agricole Italia dalla nuova partnership

I sistemi di Crédit Agricole Italia entreranno a far parte dei Data Center di Noovle del Gruppo TIM che si occuperà, in collaborazione con Accenture Financial Advanced Solutions & Technology della trasformazione in chiave digitale. La nuova partnership tra le tre realtà si tradurrà in una serie di vantaggi per Crédit Agricole Italia, sia nel breve che nel lungo periodo.

Crédit Agricole , infatti, potrà beneficiare di risparmi significativi e avrà modo di accelerare la capacità di sviluppare la sua offerta digitale. Da notare che TIM sarà anche il fornitore dei servizi telefonici e Internet di rete fissa e di rete mobile. Tra le caratteristiche del progetto, inoltre, si segnala anche il rispetto dei più elevati standard internazionali di sicurezza, privacy e protezione dei dati degli utenti.

Il commento dei protagonisti

Ruggero Guidolin, Chief Operating Officer di CA Italia“Siamo molto orgogliosi dell’accordo siglato con TIM e Accenture, un’intesa basata su un modello innovativo di collaborazione che ci permetterà nei prossimi anni di sfruttare al meglio il potenziale tecnologico delle nostre infrastrutture, a beneficio di tutti i clienti“. Federico Rigoni, Chief Revenue Officer TIM aggiunge “Le nostre infrastrutture e le competenze verticali del Gruppo in ogni ambito tecnologico rappresentano la base sulla quale intendiamo rafforzare il rapporto di fiducia con i clienti, specialmente in un settore in grande trasformazione come quello degli istituti bancari”.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button