fbpx
AutoMotoriNews

Dacia Duster si rinnova: il restyling porta nuovi fari a LED, interni più tecnologici e fino a 150 CV

Dacia Duster 2021, il restyling porta fari a LED, più tecnologia e km a GPL

Dacia Duster è uno dei SUV più venduti in Europa e nel mondo, grazie al appeal e al suo rapporto qualità-prezzo quasi imbattibile. Per rimanere ai primi posti, per il 2021 Dacia Duster si rinnova. Nuovi fari a LED ispirati a Sandero, un piccolo lifting a mascherina e posteriore e più tecnologia all’interno. Sotto il cofano, invece, arriva il 1.3 TCe da 150CV e la versione a GPL ha fino a 1.360 km di autonomia. Scopriamo tutte le novità di Dacia Duster per il 2021.

Il successo di Dacia Duster: in poco più di 10 anni quasi 2 milioni di esemplari prodotti

Dacia Duster è una di quelle auto che non ha bisogno di presentazioni. Nata nel 2010, il SUV romeno ha rivoluzionato il mercato dei SUV e non solo. Duster ha dimostrato che al prezzo di una citycar si poteva avere un SUV spazioso, robusto, molto piacevole esteticamente ma soprattutto con un rapporto qualità-prezzo imbattibile. La prima, diffusissima generazione, soprattutto dopo il restyling del 2014 che ne ha ingentilito gli interni, permetteva di avere una prima auto spaziosa e parca nei consumi a meno di 20.000 euro, senza rinunciare a spazio, sicurezza, consumi bassi (soprattutto con il 1.5 turbodiesel) e tutte le dotazioni che servivano.

Dacia Duster prima serie e seconda serie

La seconda generazione del SUV “popolare”, nata nel 2018, ha limato molti spigoli della prima generazione. Gli interni più curati, un’estetica decisamente più accattivante e nuovi motori, sia diesel che soprattutto benzina, con i nuovi 1.0 e 1.3 TCe, uniti al 1.0 a GPL, che hanno conquistato sempre più clienti. Dopo 11 anni di carriera e ben 1.9 milioni di esemplari prodotti, secondo nella storia Dacia alla sola Sandero, anche la seconda serie ha bisogno di un rinnovamento. Ed ecco che arriva puntuale un ringiovanimento nelle linee e nella tecnologia, che era rimasta uno o addirittura due passi indietro rispetto alla concorrenza. Stimolo per questo restyling è stata la nuova Sandero, lanciata a inizio 2021 che ha introdotto nuovi motori, un nuovo infotainment e una nuova direzione stilistica.

Nuovi fari e firma luminosa a Y: Dacia Duster 2021 ritocca un’estetica apprezzatissima

Ed infatti proprio a Sandero va ad ispirarsi nuovo Dacia Duster 2021. Le linee generali di Duster, apprezzate da qualsiasi tipo di clientela, non sono state stravolte: sarebbe stato folle cambiare uno dei punti forti di questo modello. Sono però state apportate poche, sapienti modifiche da parte del team di Dacia, che ha uniformato Duster ai nuovi silemi di Sandero.

Dacia-Duster-2021-frontale

Il frontale quindi vede la comparsa di nuovi fari che non cambiano nella forma generale ma ricevono una nuova firma luminosa a LED a forma di Y, identica a quella di Sandero e Sandero Stepway. I LED sono poi stati usati negli anabbaglianti, dotati di sensore automatico crepuscolare, e anche nell’indicatore di direzione, che per la prima volta su una Dacia utilizza la tecnologia a LED. Fendinebbia e abbaglianti, invece, rimangono con classiche lampadine alogene.

Dacia Duster 2021 dettaglio frontale

Sempre sul frontale, Duster adotta una nuova calandra, con elementi cromati a Y che riprendono la mascherina di Sandero e la nuova forma luminosa a LED. Per il resto, il frontale di Duster non è cambiato, rimanendo massiccio, aggressivo ma anche elegante e piuttosto curato. Lateralmente si notano i nuovi cerchi in lega da 16 e 17 pollici dal disegno rivisto, mentre le portiere e le maniglie rimangono invariate, non prendendo quelle della nuova Sandero. Per un cambiamento così importante, bisognerà aspettare la nuova generazione.

Dacia-Duster-2021-posteriore

In coda invece ci sono stati i cambiamenti maggiori. Sulla sommità del portellone c’è un nuovo spoiler posteriore. Questo, oltre a dare un non so che di sportivo all’auto, insieme al design dei cerchi in lega progettato in galleria del vento e ad altri accorgimenti permette a Duster di essere molto più aerodinamica, e quindi limitare consumi ed emissioni di CO2. Solo con questo accorgimento, Dacia Duster 2021 in versione 4×4 emette 6 grammi al km in meno di anidride carbonica rispetto alla precedente generazione a parità di motore e cambio.

Totalmente rivisti poi i fari posteriori, ora con firma luminosa a LED a Y come sul frontale e con un disegno totalmente nuovo. In definitiva, le modifiche a Duster non sono state molte, ma quei piccoli ritocchi hanno permesso al SUV romeno di essere ora più moderno, fresco e al passo coi tempi.

Dentro sa un po’ più di Sandero: più tecnologia e qualità

Fuori è cambiata poco, e anche dentro non c’è stata la rivoluzione che ci si poteva aspettare. Le linee della plancia sono rimaste pressochè le stesse, con le tre bocchette dell’aria a vegliare sul sistema centrale d’infotainment. Ed è proprio qui che si sono concentrati i massimi sforzi dei tecnici della Casa di Pitesti. Dacia Duster 2021 guadagna infatti il nuovo schermo da 8 pollici dell’infotainment visto su Dacia Sandero e anche su Renault Kangoo.

Dacia-Duster-2021-interni

Si tratta di uno schermo con finitura opaca, che permette una perfetta visibilità del pannello anche con la luce diretta del sole. Sono due i sistemi disponibili a bordo di Duster oltre alla classica Radio Bluetooth di serie sulle versioni base: il Media Display e il Media Nav. Il primo sfoggia la Radio DAB, la connessione Bluetooth e la compatibilità con Apple CarPlay e Android Auto via cavo. Il Media Nav invece aggiunge a tutto questo il navigatore proprietario e, come su Sandero, la presenza di Apple CarPlay e Android Auto Wireless, senza cavi, una chicca che ancora poche auto possono vantare. Nel resto dell’abitacolo, sono stati aggiunti un bracciolo centrale che nasconde un vano portaoggetti piuttosto capiente, da 1,1 litri, e due prese USB per i passeggeri posteriori (queste ultime presenti o meno a seconda dell’allestimento scelto).

Dacia-Duster-2021-sedili

Per il resto, le finiture della plancia non sembrano cambiare, così come i bei comandi del clima, il volante a 4 razze e il satellite per comandare la radio. Dacia però non ha aggiunto solo il sistema di infotainment: ha cambiato totalmente i sedili. Le sellerie sono infatti nuove al 100%. I tessuti sono inediti, più comodi ma allo stesso resistenti, e anche i poggiatesta sono stati rivisti. Hanno cambiato forma, risultando ora più comodi e con una migliore ergonomia, ma allo stesso tempo sono più sottili. Questo migliora la visibilità dei passeggeri posteriori verso la strada, e quella del guidatore verso il lunotto. Per il resto, rimangono il Cruise Control, il sistema Keyless Entry o Keyless Go, e il quadro strumenti analogico con schermo centrale digitale.

La meccanica: motori a benzina fino a 150 CV, GPL più autonomo e c’è anche il diesel e la trazione integrale

A livello meccanico, le differenze non sono molte. La gamma motori è rimasta pressochè invariata, con poche ma importanti e attese modifiche. Alla base della gamma troviamo il 1.0 turbobenzina 3 cilindri TCe da 90 CV, accoppiato al cambio manuale a 6 marce, una in più rispetto alle precedenti 5. Questo piccolo 1.0 è disponibile anche in versione ECO-G a GPL. A gas, il 1.0 eroga 100 CV, 10 in più della versione a benzina, ed è accoppiato anche lui al cambio manuale a 6 marce. In più, rispetto alla versione precedente non guadagna solo una marcia, ma anche un serbatoio più grande. Insieme ai 50 litri di benzina, infatti, ora la bombola del GPL può contenere 16,2 litri in più, arrivando a ben 50 litri effettivi.

Dacia-Duster-2021-GPL

Parliamo quindi di 100 litri di carburante, per un’autonomia totale di 1.235 km. Quella a GPL, invece, aumenta di ben 250 km, superando i 600 km con un pieno di gas. Abbandonando il GPL e tornando ai motori a benzina, ritroviamo nuovamente il 1.3 TCe 4 cilindri turbobenzina, che abbiamo provato e apprezzato su Renault Arkana. Qui però non è presente il modulo mild hybrid: è solo a benzina, ed è disponibile con un solo taglio di potenza, 150 CV. Addio quindi alla versione intermedia da 130 CV, non più importata in Italia. Ora il motore di punta di Duster è disponibile solo con 150 CV e con il cambio automatico EDC a doppia frizione e 6 marce. Si tratta della Dacia di serie più veloce di sempre, capace di arrivare a 200 km/h e scattare da 0 a 100 km/h in soli 9,8 secondi.

Dacia-Duster-2021-bagagliaio
Il bagagliaio è rimasto invariato: parliamo di 478 l per le versioni a 2 ruote motrici (anche a GPL) e di 467 per le 4WD. Con tutti i sedili abbattuti, si superano i 1.600 litri di capacità.

Rispetto a Sandero, però, anche nel 2021 su Dacia Duster ritroviamo un motore a gasolio. Stiamo ovviamente parlando del mitico 1.5 BluedCi, il 4 cilindri turbodiesel storico del Gruppo Renault. Nato nel lontano 1998 e ancora tra i migliori diesel di medio/piccola cilindrata, su Duster è offerto in un unico taglio di potenza, 115 CV. Questo motore, piuttosto vispo e molto parco nei consumi, è accoppiato al solo cambio manuale a 6 rapporti, ed è disponibile anche con trazione integrale.

Dacia Duster 2021 fuoristrada

Infatti sia il 1.5 BluedCi che il 1.3 TCe sono disponibili in versione 4WD, permettendo a Duster di restare uno dei pochissimi SUV di medie dimensioni disponibili a trazione integrale. In più, questa trazione integrale non è solo lì per fare scena: Duster è anche molto capace in fuoristrada. Dotato di serie di gomme M+S, la trazione integrale di Duster permette di bloccare il 50% della potenza sull’asse anteriore e il 50% sull’asse posteriore, per il massimo della presa anche su fondi difficili. L’altezza da terra generosa, gli ottimi angoli caratteristici per la categoria e il peso contenuto lo rendono una vera sorpresa una volta messe le ruote lontane dall’asfalto. Per chi fosse poi intenzionato a usarlo spesso fuori strada, Dacia mette a disposizione due dispositivi elettronici dedicati all’off-road.

Uno è il mantenimento della velocità in discesa, utile su fondi scivolosi; poi, nello schermo dell’infotainment si potrà consultare il 4×4 Monitor, una schermata che mostra l’inclinometro, l’angolo di beccheggio, la bussola e l’altimetro. Infine, gli ADAS non sono generosissimi ma si fanno rispettare. A seconda dell’allestimento, su Duster è presente la frenata automatica di emergenza, il cruise control di tipo classico, il sensore dell’angolo cieco e sensori di parcheggio, retrocamera oppure anche il sistema di telecamere a 360 gradi. Una dotazione un po’ povera rispetto ad alcune competitor, obbligata dall’uso della piattaforma B0, di vecchia concezione. Con il debutto della nuova generazione tra qualche anno con una piattaforma più moderna, probabimente la CMF-B, vedremo anche su Duster gli ADAS di ultima generazione.

Entro settembre 2021, Dacia Duster sarà nei concessionari, con il logo attuale

Concludiamo quindi con i prezzi e la disponibilità di questa nuova Dacia Duster. A livello di distribuzione, per Dacia Duster sarà settembre 2021 il momento di arrivare nei concessionari di tutta Europa. Non abbiamo ancora i prezzi ufficiali, ma non dovrebbero discostarsi troppo dalla gamma attuale. Ad oggi, la gamma Duster parte da soli 12.600 euro per la versione Access, super spartana e priva anche del climatizzatore. La versione media Confort, già piuttosto accessoriata, parte invece da 16.300 euro. Infine, come avrete notato questa Dacia Duster non sarà commercializzata con il nuovo logo Dacia. Presentato sul prototipo Bigster all’inizio dell’anno, il nuovo logo non arriverà sul mercato prima della seconda metà del 2022. Duster quindi lo riceverà in corsa, in attesa dell’arrivo del fratello maggiore Bigster, atteso per il 2025.

Queste sono quindi tutte le novità di Dacia Duster 2021. Pochi e mirati interventi per migliorare ulteriormente uno dei cavalli di battaglia della Casa romena, che continua a mietere successi nello spietato mondo dei B-SUV. Siamo curiosi di provarlo nuovamente su strada, per verificare tutte le novità. E voi? Cosa ne pensate? Vi convince questa nuova Duster? Fatecelo sapere qui sotto nei commenti, vi aspettiamo!

Wimypet DO01-FBA - Coperta Impermeabile per Cani, 150 x 144...
  • Taglia XLarge: 150 x 144 cm, la coperta per cani è universale – da auto grandi a piccole auto. Può essere utilizzata...
  • Punto di organizzazione e sicurezza:La parte inferiore antiscivolo riduce al minimo lo scivolamento su sedili in gomma o...
  • Buona qualità e comodità: le nostre amache sono realizzate in tessuto di alta qualità, durevole, resistente ai...
Baseus Caricatore da Auto USB 65W, PD 3.0 e QC 4.0...
  • 【Ricarica rapida efficiente】 65 W PD3.0 e QC4.0 con porta USB-C PD da 65 W e porta USB-A Quick Charge 3.0 da 30 W Il...
  • 【Aspetto elegante】 L'eccellente design della morbida luce LED può trovare facilmente la porta di ricarica al buio....
  • 【Cavo extra da 100 W da tipo C a tipo C quattron Forniamo un cavo extra lungo da USB C a USB C PD100W da 1 m di...

Non perderti i nostri ultimi articoli su Dacia Sandero e Spring!

Lo sapevi? Abbiamo aperto il canale ufficiale di techprincess su Telegram con le migliori offerte della giornata. Cosa aspetti? Iscriviti qui!

Giulio Verdiraimo

Ho 22 anni, studio Ingegneria e sono malato di auto. Di ogni tipo, forma, dimensione. Basta che abbia quattro ruote e riesce ad emozionarmi, meglio se analogiche! Al contempo, amo molto la tecnologia, la musica rock e i viaggi, soprattutto culinari!

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button