fbpx
CulturaNews

“Dear Mom and Dad”, il progetto di momondo e CISV all’insegna della tolleranza

Al giorno d’oggi la tecnologia ci permette di entrare in contatto con persone di tutto il mondo, ma nonostante questo le generazioni più giovani mostrano meno fiducia nei confronti degli altri, secondo un sondaggio globale realizzato da momondo, The Value of Travelling. Solo il 36% dei giovani intervistati, tra i 18 e i 35 anni, sono convinti che si possa dare fiducia alla maggior parte delle persone.

I risultati del sondaggio mostrano anche il potere del viaggio, evidenziando che per il 61% degli intervistati se le persone viaggiassero di più ci sarebbe meno intolleranza nel mondo. La riflessione su questi dati ha portato alla nascita del progetto “Dear Mom and Dad”.

L’iniziativa fa parte della collaborazione tra momondo e CISV, che ha visto il finanziamento di un villaggio Internazionale con lo scopo di riunire bambini da tutte le parti del mondo per trascorrere il mese di luglio insieme in Brasile, a San Paolo.

momondo ha seguito i bambini durante il loro percorso, dall’incontro fino al momento in cui hanno scoperto di essere molto più simili di quanto pensassero. Secondo Rachel Kuck, candidata per un Dottorato presso l’Università del Michigan School of Education e membro della commissione dei programmi educativi di CISV International, è più semplice insegnare a un bambino a non avere pregiudizi rispetto agli adulti: “In qualche modo, per un bambino è più semplice imparare a non avere pregiudizi perché spesso non dispone di esperienze di vita che hanno portato invece gli adulti a sviluppare convinzioni negative rispetto ad altri gruppi di persone o a culture o nazionalità differenti”.

I pensieri dei bambini sono poi stati raggruppati in un breve video che mette in luce l’evoluzione e i cambiamenti positivi affrontati dai bambini protagonisti. “Dal report è emerso che il 70% delle persone crede che i due valori più importanti che i bambini possano imparare a casa siano la tolleranza e il rispetto per gli altri”, commenta Clizia L’Abbate, Head of Markets di momondo.

"Per questo credo sia incoraggiante sentire direttamente dai bambini come questa esperienza abbia contribuito ad aprire le loro menti e cambiato il loro modo di pensare e percepire le diverse culture e nazionalità”.

Francesca Sirtori

Indielover, scrivo da anni della passione di una vita. A dispetto di tutti. Non fatevi ingannare dal faccino. Datemi un argomento e ne scriverò, come da un pezzo di plastilina si ottiene una creazione sempre perfezionabile. Sed non satiata.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button