fbpx
Destruction AllStars recensione videogioco

La recensione di Destruction AllStars: è tempo di caos!
Scopriamo insieme qualcosa in più sul nuovo titolo in regalo per gli abbonati a PlayStation Plus


Dopo qualche mese d’attesa, è finalmente arrivato: il videogioco Destruction AllStars è uscito lo scorso 2 febbraio. Annunciato come gioco di lancio per Play Station 5, Destruction AllStars ha avuto uno sviluppo altalenante e, in un recente cambio di rotta, Sony lo ha trasformato da corredo al lancio della nuova console a gradito regalo per gli abbonati alla PlayStation Plus. In questa sua nuova veste, il videogioco ci ha convinto e soprattutto divertito, seppur con alcuni limiti. Troverete tutte le informazioni in questa recensione di Destruction AllStars.

La recensione di Destruction AllStars

Destruction AllStars Destruction AllStars è un gioco  di guida arcade destruction dove la prima regola è: distruggi tutto quel che puoi! Non solo le altre auto, ma anche le persone a piedi. Ebbene sì: gli sviluppatori di Lucid Games hanno introdotto la novità secondo la quale il personaggio può uscire dall’auto e camminare a piedi nell’arena. Ma attenzione: c’è sempre qualche auto dietro l’angolo pronta a investirti!

Ed è proprio investendo qualsiasi cosa ci si trovi davanti che si ottengono i punti e si scala la classifica visibile direttamente dall’hub di gioco. Altro obiettivo molto importante è non farsi colpire dalle auto avversarie. Il rischio è quello di ritrovarsi con il bolide completamente distrutto e farsi sbalzare fuori: a questo punto il tuo personaggio dovrà cambiare veicolo che troverà su delle piattaforme sospese in aria.

Dopo esserci esercitati con il tutorial iniziale, siamo entrati nel vivo di Destruction AllStars. Il gameplay è costituito da una componente di guida arcade destruction e una parte in cui il nostro personaggio è a piedi. Nella prima si gestiscono i tipici comandi di guida, con l’aggiunta dell’accelerazione della vettura per investire gli avversari a piedi o distruggere le auto di fronte a noi.

La parte a piedi, invece, è quella in cui possiamo controllare il personaggio, eseguire basilari acrobazie di parkour per salire a bordo di vetture appena apparse sullo schermo o per rubarle ad avversari in pieno stile GTA. È quest’ultima componente, rispetto alla parte di guida, che ci è sembrata un po’ più debole. Il parkour, i salti e  il movimento del personaggio in generale non sono particolarmente riusciti, ma anzi imprecisi, complice una telecamera piuttosto rigida e l’imprevedibilità delle traiettorie dei veicoli nemici.

I personaggi di Destruction AllStars

Altra particolarità di Destruction AllStars sono i 16 personaggi ben caratterizzati e con caratteristiche peculiari. Ognuno di essi ha una propria abilità chiamata Breaker e un veicolo che ha abilità diverse che cambia da personaggio a personaggio.

Tra quelli che abbiamo notato in termini di unicità e stranezza vi è BoxTop, con la testa a forma di scatola e con indosso dei pantaloncini verde fluorescente. Quando è a piedi, il Breaker di BoxTop lascia cadere dei pacchi che mettono a tappeto gli avversari che vengono colpiti. La sua auto, The Boxmobile, spara un drone che si attacca ai veicoli avversari, infliggendo loro danni da fuoco.

Destruction AllStars recensioneAltro personaggio che ci ha catturato è Twinkle Riot: una ragazza vestita super alla moda con indosso un casco rosa a forma di testa di gatto, sul quale sono proiettate espressioni facciali in stile emoticon. Quando il personaggio è a piedi, corre in maniera buffa e tenera e il suo Breaker le permette di urtare a ripetizione per un breve lasso di tempo. L’abilità dell’auto, chiamata Mr. Sparkles, attiva un paraurti che colpisce gli avversari: più viene colpita e più forte diventa.

Destruction AllStars Infine, un personaggio degno di nota è Genesis. Quando si parla di lei, la prima caratteristica che ci viene in mente è  la velocità: il suo Breaker sia a piedi che in auto è la modalità super-sonica che le permette di superare tutti. Il suo bolide si chiama Callisto ed è utile per infliggere pesanti danni a qualsiasi cosa si trovi sulla sua strada. (Genesis ha una disabilità fisica alle gambe: in seguito alla paraplegia corre con le protesi.)

Destruction AllStarsLe arene futuristiche

A differenza dei giochi classici di demolizione d’auto, come Destruction Derby e Wreckfest, in Destruction AllStars non siamo più su un tracciato, bensì in un’arena dai toni futuristici. Le arene sono collocate in tre città: Barcellona, Tokyo e Los Angeles e sono tutte, a dir la verità,  molto simili tra di loro.

Ed è probabilmente la mancanza di tracciati, e la conseguente assenza della sfida per un posizionamento al traguardo come obiettivo parallelo alla distruzione dei veicoli avversari a rendere l’esperienza di gioco piuttosto breve e velocemente ripetitiva. La meccanica di gioco a piedi, sebbene sia un’interessante scelta di design, non sopperisce a pieno alla carenza di contenuti.

Il fatto di togliere la componente della gara e del traguardo da un gioco di macchine contribuisce alla sensazione di mancanza di contenuti, provato a sopperire con la componente del personaggio a piedi che si sposta perfettamente al sistema di respawn del gioco.

Una vera esperienza next gen?

Destruction AllStarsSotto l’aspetto artistico, Destruction AllStars è piacevole da guardare, con uno stile non particolarmente originale ma che attinge a piene mani da Rocket League e Fortnite (font e stinger transition in game ci hanno piacevolmente portato alla mente quelle di Persona 5). I colori e le luci dei veicoli e dell’arena sono valorizzati da una buona implementazione dell’HDR, che rende l’immagine estremamente accesa e satura.

In quanto a fluidità, il gioco risponde agli standard di questa nuova generazione di console, con 60 fps stabili. La next generation è tastabile anche dalla responsività del Dual Sense e da una buona, seppur basilare, implementazione del feedback aptico dei trigger posteriori.

A livello tecnico non abbiamo riscontrato bug, anzi l’ottimo lavoro sul netcode ha garantito un matchmaking rapido e stabile. Per il comparto sonoro non possiamo esprimere particolari commenti. Il lavoro di Lucid Games si è qui limitato all’effettistica classica di un gioco di auto che risalta però grazie al Tempest Engine della nuova Play Station 5.

La recensione di Destruction AllStars in pillole

I ragazzi di Lucid Games, al banco di prova dopo le esperienze fatte negli anni con titoli come Need For Speed Payback, hanno probabilmente mancato l’obiettivo di approdare al lancio Play Station 5 con un grosso titolo, ma  con Destruction AllStars hanno centrato quello di offrire intrattenimento arcade appagante e divertente che, in fin dei conti, è quello che conta davvero per un videogioco.

 

 

 

 

 

 

 


Roberta Maglie

Laureanda del corso magistrale in Editoria, Culture della Comunicazione e Moda, amo comunicare in vari modi, che sia di fronte a un microfono o un foglio bianco. Mi piace viaggiare, fare sport, ascoltare sempre nuova musica e addentrarmi in mondi più o meno fantastici dei videogiochi.