fbpx
FeaturedVideogiochi

Devil May Cry 5: cosa è successo nei capitoli precedenti? Riassumiamo la storia della serie

In attesa del nuovo capitolo in arrivo a marzo, riscopriamo le "puntate precedenti" delle avventure di Dante

La notizia circola da tempo e i fan non possono che esserne felici e in grande attesa per questo evento: il figlio di Sparda e Eva torna sulle nostre console, a quasi sei anni di silenzio dal precedente capitolo. Dopo alcune demo, Devil May Cry 5 arriva l’8 marzo, data in cui potremo tornare a imbracciare le armi con Dante e tornare a combattere i demoni con tecniche esplosive e spaventosamente acrobatiche. Non tutti però saranno a conoscenza di quanto è accaduto finora, durante i diversi episodi usciti finora, nemmeno seguendo l’ordine cronologico della storia.

Per ricostruire al meglio le vicissitudini narrateci da Capcom dal 2001 a oggi, proponiamo un riassunto seguendo l’ordine cronologico dei capitoli, diverso da quello di lancio. Attenzione: queste trame possono contenere spoiler pericolosissimi per chi non conosce ancora la storia, ma vorrebbe scoprirla giocando ai titoli qui elencati!

1.  Devil May Cry 3 – Dante’s Awakening

Nato come seguito di DmC 2, per poi rivelarsi prequel del primo capitolo, è un gioco molto simile a quest’ultimo, sia per giocabilità, che per atmosfere. Si distingue soprattutto per la storia, che vede Dante come un giovane ragazzo spavaldo alla ricerca di suo fratello, narrando le vicende con tratti molto più ironici del primo capitolo. La trama mostra le origini di Dante e del suo potere demoniaco, di cui apprendiamo subito le origini a partire dal filmato iniziale.

Qui Lady, la coprotagonista femminile del gioco, ci parla della leggenda di Sparda, introducendoci alla storia che suo padre le raccontava quando era bambina. Egli era un antico demone degli Inferi, che circa duemila anni prima, alla vigilia di una crociata indetta dalla sua razza a danno del genere umano, decise di prendere le parti degli uomini. Ciò lo portò ad una inevitabile battaglia contro i suoi simili, tra i quali Mundus, noto anche come il Signore delle Tenebre, nonché reggente del mondo degli Inferi.

Sparda riuscì nel suo intento, immolando però una sacerdotessa e ponendo un sigillo alla torre demoniaca Temen-Ni-Gru, un varco inter dimensionale tra il mondo umano e gli inferi, se stesso, il suo potere e tutti i demoni ancora sparsi per la terra. Dopo la sconfitta dei demoni, Sparda continua a regnare sulla Terra, dove fa la conoscenza di un’umana, Eva, dalla quale avrà due gemelli, entrambi mezzi demoni: Vergil e Dante. I due fratelli mostrano due caratteri molto diversi: Dante è un ragazzo turbolento e ribelle, con una naturale propensione verso i guai, mentre Vergil è più calmo e riflessivo, pertanto i due sono spesso discordi. L’unica cosa che accomuna questi due caratteri è la naturale inclinazione per il conflitto e il combattimento.

Alla morte della loro madre, segue un brusco trauma che segna i gemelli, guidandoli su due strade diverse e spezzando definitivamente il loro già flebile legame. Dante rinnega il padre e muove una feroce guerra contro la razza demoniaca, aprendo un’agenzia basata specificamente su questo scopo. Vergil, che si chiude totalmente in sé, inizia a sviluppare una forte ossessione per il potere, perché senza esso non si è in grado di potere nulla.

2. Devil May Cry

Questo secondo capitolo, in verità il primo uscito per console, prosegue con le vicende narrate nel prequel, ma la sua uscita, precedente a quella di Dante’s Awakening, fa sì che la storia porti avanti le vicende in ordine cronologico, ma riproponendo diversi stilemi narrativi. Inseriamo il disco nel lontano 2001 e ci introduciamo in questa storia con un video, dove si mostrano ancora una volta le gesta di Sparda, seguito dalle immagini di una donna che scende dal cielo e atterra in un vicolo di periferia. Qui troviamo un negozio, chiamato Devil May Cry, dove facciamo la conoscenza di Dante (per la prima volta, in termini di uscita dei giochi). In quel preciso momento, la donna vista poco prima irrompe nell’edificio, sfondando l’ingresso a bordo di una moto ed inizia a porre diverse domande.

La ragazza si rivela essere Trish, molto somigliante alla madre di Dante, la quale spiega di essere giunta fin lì per chiedere il suo aiuto. Mundus è risorto 20 anni prima, con l’obiettivo di conquistare il mondo degli umani, ed è pronto ad aprire la porta di Mallet Island, isola su cui sorge un castello, pullulante di creature demoniache dove si dirigono subito i due. Durante il cammino, Dante giunge presso una cappella infestata presso la quale è custodito un manufatto: il ragazzo si appresta ad impossessarne, essendo un oggetto fondamentale per proseguire l’esplorazione del castello. Improvvisamente la spada Alastor inizia a rilasciare alcune scariche elettriche e compare Phantom, subito sconfitto da Dante.

Il riflesso assume la forma di un demone, conosciuto come Nelo Angelo che apre con un incantesimo un vecchio cancello saldato dalla ruggine ed esorta Dante a seguirlo in un cortile dove potranno combattere. Dopo diversi scontri con temibili esseri, il demone aquila Griffon, alleato di Mundus, viene finito da quest’ultimo, dimostrando malvagità estrema. Dante, disgustato da tale gesto, è pronto ad uccidere il re demone in nome di suo padre. Dopo la sconfitta definitiva di Nelo Angelo, questi lascia cadere a terra un pendente uguale a quello di Dante, facendogli capire che egli altri non era che suo fratello gemello Vergil (che si trasforma in demone nel capitolo precedente). Infatti i medaglioni furono donati ai due gemelli dalla madre durante un loro compleanno. Venendo in contatto i due medaglioni si uniscono e trasformano la spada Force Edge, facendole liberare il suo vero potenziale.

Acceduto agli inferi, Dante trova a terra Trish che supplica aiuto, ma si scopre essere alleata di Mundus: era suo compito condurlo lì, affinché il nemico potesse mandargli contro i sottoposti più forti per ucciderlo, tra cui la stessa Trish. Alla fine Dante raggiunge Mundus, il quale ha finto di aver preso in ostaggio Trish (nel filmato si vede chiaramente che è libera) e minaccia di ucciderla qualora Dante reagisca. Poco prima di combattere, i due hanno un breve dialogo: Dante chiede a Mundus perché ha fatto uccidere sua madre e il demone risponde che l’ha fatto per vendetta nei confronti di Sparda e perché non considerava importante la vita della donna, dato che egli può creare esseri viventi dal nulla, proprio come ha fatto con Trish. Quando Mundus è pronto ad uccidere Dante con un colpo energetico, Trish decide di contrastare i piani del suo padrone e subisce il colpo mortale al posto suo.

Tornato nel mondo umano, l’isola sta sprofondando e Dante cerca di fuggire, ma a causa di un crollo cade nelle fogne dove compare Mundus ancora vivo. Questa volta il re demone riesce ad avere la meglio sul giovane, ma torna a sorpresa Trish, sopravvissuta al colpo mortale di Mundus, che dona parte dei suoi poteri a Dante. Prima di scomparire definitivamente, Mundus mette in guardia Dante dicendogli che prima o poi tornerà e che riuscirà governare anche il mondo umano. Dante e Trish riescono a fuggire dall’isola con un aeroplano custodito nel castello, finendo per lavorare insieme all’agenzia, rinominata Devil Never Cry.

3. Devil May Cry 2

Dante non sarà più in compagnia di Trish, ma di Lucia, un’avvenente fanciulla dai capelli rosso fuoco, la quale è anche un personaggio giocabile. Il gioco si apre con un incontro-scontro in un museo, dov’è custodito un pezzo dell'”Arcana”, la Medaglia. Dante irrompe dal soffitto uccidendo diversi demoni volanti, ma non è in grado (ancora) di sconfiggere l’antipatia che Lucia mostra verso Dante. Ciò non le impedirà di chiedergli aiuto per liberare Vie de Marli dal predominio di Arius, proprietario di una multinazionale, e dai demoni da lui creati.

Dante accetta e la segue su una nuova isola, detta di Dumary, dove gli verrà presentata Matier, madre di Lucia che una volta aveva combattuto a fianco di Sparda. Matier promette a Dante di rivelargli un aneddoto sul padre se lui aiuterà Lucia a sconfiggere Arius. Il cacciatore lancia una moneta per decidere, sulla quale vi è impressa l’icona di Trish; in seguito, Dante lascia poi Matier e Lucia a parlare dell'”Arcana”. Da qui il gioco non sarà più in parallelo con quello di Lucia, che parte in ricerca degli altri pezzi dell’Arcana.

I due si incontreranno in seguito e Lucia darà a Dante l’ultimo pezzo dell’Arcana. La ragazza infine affronta Arius, rivelandole che lei non è altro che una sua creazione, e che da un momento all’altro potrebbe attaccare il mondo degli umani. La giovane rimane esterrefatta e Arius la incatena ad una parete. Contemporaneamente Dante rincontra Matier, che lo prega di prendere con sé i pezzi dell’Arcana e andare ad aiutare Lucia. Arriva quindi da Arius, gli cede i pezzi dell’Arcana e deciderà di liberare la bella demone, che intanto sembra iniziare a smussare la sua antipatia e far spazio ad altri sentimenti.

In seguito i due spezzano i sigilli che aprono il passaggio al palazzo di Arius. Dante va quindi da Arius che non è riuscito ad attivare il portale per il mondo dei demoni, rivelandogli che quando aveva dato i pezzi dell’Arcana aveva scambiato la moneta Arcana con la propria. Una volta sconfitto Arius, Lucia prega Dante di ucciderla: gli rivela di essere un demone artificiale creato da Arius e che a causa di questo potrebbe impazzire e attaccare gli umani da un momento all’altro. Un nuovo parallelo con il capitolo precedente, che permette di paragonare Lucia a Trish. Improvvisamente la porta per il regno demoniaco si apre, nonostante il rituale di Arius fosse fallito: Dante si appresta a varcare il portale, ma Lucia lo ferma dicendo che una volta entrato potrebbe non essere più capace di tornare indietro; deve essere lei ad andare perché si ritiene sacrificabile.

Dante dà  la sua moneta a Lucia ed entra nel portale. Lucia si accorge che la moneta di Dante è truccata, dato che in entrambi i lati c’è la stessa figura. Dopo essersi accorta dell’inganno del cacciatore, Lucia affronta e sconfigge Arius, tornato in vita con delle sembianze demoniache. Contemporaneamente, Dante sta affrontando Argosax e solo dopo averlo sconfitto il potente demone rivela le sue vere fattezze: nella sua vera forma prende il nome di The Despair Embodied e si presenta come un angelo di fuoco con le corna, dal corpo androgino che cambia sesso in base agli attacchi. Dante riuscirà a sconfiggerlo per poi ucciderlo definitivamente tramite un colpo energetico proveniente da una delle sue pistole. Il finale ci mostra Lucia che aspetta Dante nel suo negozio, mentre gioca con la moneta; si sente il rombo di una moto fuori dal negozio, ma non sappiamo se si tratti di Dante o meno.

4. Devil May Cry 4

Quest’ultimo titolo si apre con una novità, che ben contrasta il nostro protagonista sotto diversi aspetti: si tratta di Nero, un ragazzo di 17 anni, membro dei Sacri Cavalieri dell’Ordine della Spada, apparentemente una versione più giovane di Dante, in quanto condividono i capelli bianchi e i lineamenti; ma è serio e asociale. Anche se non esplicitato, Nero è il figlio di Vergil, frutto di una relazione con una donna nella città Fortuna, ereditando così le caratteristiche demoniache della famiglia. Poiché non è consapevole della propria parentela con la famiglia di Sparda, considera i poteri demoniaci una maledizione, rendendolo ancora più distaccato dagli altri.

Il gioco vede disputarsi diversi personaggi tra loro, tra cui Kyrie, un’amica di Nero, Sua Santità, gran sacerdote dell’Ordine della Spada, che all’inizio del gioco sta tenendo un sermone sulla fede nel loro dio, Sparda. Annoiato, Nero tenta di andarsene, ma è trattenuto dal suo braccio, che comincia a emanare bagliori. Nel frattempo arriva anche il nostro eroe di sempre, Dante, che uccide Sua Santità e, nel caos generale, Credo, Generale Supremo dei Sacri Cavalieri di Fortuna e fratello di Kyrie, la trascina fuori dalla Cattedrale. Nero tenta di sconfiggere Dante impalandolo alla statua di Sparda, ma non basterà. Dante riesce a scappare poco prima dell’arrivo di Credo coi rinforzi, lasciando Nero con il compito di catturarlo e portarlo al cospetto dell’Ordine.

Comincia una serie di combattimenti tra anime demoniache e dimore infestati, tra cui il Castello di Fortuna, dove Nero ritrova l’ingresso alla struttura di ricerca di Agnus. Qui, viene rivelato che Agnus ha usato i resti della katana distrutta di Vergil, nominata Yamato, e il suo potere per creare portali per il Mondo dei Demoni e raccogliere energia demoniaca per l’Ordine. Con un attacco a sorpresa, Nero viene ferito dagli Angeli Bianchi agli ordini di Agnus e qualcosa si risveglia dentro di lui, che ripristina Yamato, usata per distruggere gli Angeli Bianchi di Agnus. Proprio Agnus ne approfitta per fuggire e riferire a Sua Santità del nuovo potere di Nero.

Nero continua il suo viaggio, sconfiggendo Credo e cercando di salvare Kyrie da Sua Santità, e ancora una volta incontra Dante, che rivuole Yamato, rivelando che questa era la spada di suo fratello e che il suo compito è quello di separare il mondo degli umani da quello dei demoni. I due si alleano e a Nero è concesso di tenere Yamato e di ricominciare la sua ricerca. In seguito, Gloria appare dinnanzi a Dante, rivelando la sua vera identità: è Trish, che ha spiato l’Ordine nei panni di Gloria per l’intero gioco. Infine Dante uccide Agnus, chiudendo l’ultima Porta dell’Inferno, e il Salvatore, prendendo Yamato e conficcandogliela nel torace. In seguito, Nero restituisce Sparda a Dante, oltre a Yamato, che invece gliela affida: Yamato significa tanto per Dante e proprio per questo desidera regalargliela.

Nero e Kyrie si riconciliano tra le rovine di Fortuna, mentre Lady ritorna all’ufficio Devil May Cry, dove aveva precedentemente assunto Dante dandogli il compito di recarsi a Fortuna. Avendo completato il lavoro, Lady offre una ricompensa esigua a Dante e Trish, poiché la loro presenza aveva fatto degenerare il semplice lavoro che lei aveva richiesto. Ora nuove avventure attendono alcuni dei personaggi che abbiamo incrociato finora e ci chiediamo: quale sarà la ricompensa che riceveranno per le missioni che porteranno a termine?

Francesca Sirtori

Indielover, scrivo da anni della passione di una vita. A dispetto di tutti. Non fatevi ingannare dal faccino. Datemi un argomento e ne scriverò, come da un pezzo di plastilina si ottiene una creazione sempre perfezionabile. Sed non satiata.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button