fbpx
AttualitàCulturaNewsTech

Epic Games contro Google: ecco cosa succede

Il gigante tech accusato di aver offerto ai produttori di smartphone denaro extra per abbandonare gli app store di terze parti

Nuove sezioni non censurate della denuncia antitrust di Epic Games contro Google rivelano nuovi dettagli sulla faccenda. Scopriamo insieme tutti i dettagli.

Epic Games contro Google: la battaglia continua

Secondo il nuovo testo, a partire dal 2019, Google ha gestito un “Premier Device Program”. Questo programma ha dato ai produttori di telefoni Android una quota maggiore delle entrate di ricerca. In cambio, gli OEM hanno accettato di spedire i loro dispositivi senza alcun app store di terze parti preinstallato.

Hanno seguito una regola che proibiva l’utilizzo di “app con privilegi di installazione APK” senza l’approvazione di Google. Questo ha lasciato il Play Store come unico mercato digitale integrato per il software.

Come notato da Leah Nylen, i prodotti che si sono qualificati come un dispositivo Premier avrebbero ricevuto una quota del 12% delle entrate di ricerca di Google rispetto all’8% che avrebbero normalmente guadagnato. Google ha addolcito ulteriormente l’accordo per aziende come LG e Motorola, offrendo loro tra il 3 e il 6% di ciò che i clienti hanno speso nel Google Play Store sui loro dispositivi.

“Il Premier Device Program di Google non era pubblicamente noto e non era noto a Epic, prima che Google recentemente iniziasse a produrre documenti rilevanti in questa controversia”, hanno scritto gli avvocati di Epic nella denuncia. Google ha cercato di nascondere la sua condotta anticoncorrenziale più restrittiva.

Negli accordi è infatti presente una disposizione che limita i firmatari dal fare “qualsiasi dichiarazione pubblica riguardante l’accordo senza la previa approvazione scritta dell’altra parte”. La denuncia continua a dipingere il Premier Devices Program come un successo clamoroso che ha solo solidificato ulteriormente il dominio del Play Store.

Entro maggio 2020, molti dei più grandi OEM Android avevano accettato l’esclusività di Google Play per la maggior parte dei loro nuovi dispositivi Android. Motorola e LG hanno entrambi impegnato quasi tutti (98% e 95%) i loro dispositivi nel programma Premier.

Il gigante conglomerato cinese BBK – che produce e vende una gamma di dispositivi Android sotto i suoi marchi Oppo, Vivo e OnePlus, tra gli altri, aveva designato circa il 70% dei suoi nuovi dispositivi come “Premier”.

Altre aziende come Sony (50%) e Xiaomi (40%) non erano così impegnate nel programma. Eppure, Epic sostiene nella sua denuncia che il programma ha effettivamente inclinato la bilancia contro i negozi di terze parti su Android.

Un’altra sezione pubblica della denuncia mostra quanto sia raro per le persone avventurarsi fuori dalle mura del Play Store. Un rapporto interno di Google del 2017 ha evidenziato il seguente dettaglio.

Le installazioni di app attraverso canali diversi da Google Play (compresi i download diretti e app store concorrenti) ammontavano a un mero 4,4% dei download di app Android negli Stati Uniti.

La misteriosa partnership Android-iOS

I documenti di Epic contro Google rivelano anche alcuni dettagli sorprendenti su un incontro privato tra gli ex CEO di Google e Apple.

La denuncia di Epic contro Google menziona che le due aziende tecnologiche mantengono una stretta relazione, riducendo ulteriormente l’incentivo di Google a competere, innovare e investire nella distribuzione di app perché beneficia della cooperazione con il suo “concorrente” Apple.

La dichiarazione è seguita da dettagli di un incontro del 2010 tra Larry Page e Steve Jobs. In quell’occasione sembra che i due abbiano parlato di una “partnership” tra Android e iOS. “Ci saranno sempre luoghi in cui competiamo e luoghi in cui cooperiamo”, ha riferito Page a Jobs, presumibilmente nel contesto di avere politiche simili per gli sviluppatori.

La denuncia accusa ulteriormente Google e Apple di essere “duopolisti accoglienti”, offrendo termini identici agli sviluppatori e cambiando quei termini in tandem invece di competere veramente l’uno con l’altro. A tal fine, il documento fa riferimento ad alcune note raccolte dopo un incontro tra alti dirigenti di Google e Apple.

“La nostra visione è che lavoriamo come se fossimo una sola azienda”, si legge in un estratto delle note.

Source
The VergeAndroid Authority

Veronica Ronnie Lorenzini

Videogiochi, serie tv ad ogni ora del giorno, film e una tazza di thé caldo: ripetere, se necessario.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button