fbpx
facebook fake news e disinformazione in ambito medico

Facebook combatte ancora contro le fake news
Il filtro di Facebook, attualmente, rileva solo il 16% delle fake news e della disinformazione in ambito medico


Secondo una nuova indagine, solo il 16% delle fake news in ambito medico su Facebook vengono rintracciate dal filtro del social network. Il restante 84% non viene mai segnalato come informazione imprecisa, riferisce Business Insider. Ciò significa che innumerevoli utenti di Facebook stanno vedendo informazioni mediche potenzialmente pericolose e fuorvianti senza alcun tipo di avvertimento.

L’algoritmo di Facebook per combattere le fake news non è efficace?

Il report è stato creato da Avaaz, un’organizzazione non governativa internazionale che promuove attivismo su tematiche quali il cambiamento climatico, i diritti umani, i diritti degli animali, la corruzione, la povertà e i conflitti. Ha messo in luce l’incapacità di Facebook di segnalare la disinformazione come “minaccia” per la salute pubblica. Nell’indagine, è emerso che 174 post di disinformazione erano stati condivisi su Facebook per un totale di 3.8 miliardi di visite nell’ultimo anno. Avaaz ha scoperto che le fake news erano passate sotto i radar di Facebook poiché erano state repostate da svariate pagine e tradotte in più lingue.

Facebook si è ripetutamente vantato riguardo i suoi sforzi nel combattere la disinformazione, soprattutto in questo periodo delicato. Il social network ha voluto precisare a BBC News che quest’indagine non vanifica i passi in avanti che ha intrapreso. “Facebook deve ancora applicare efficacemente queste soluzioni per sconfiggere la disinformazione”, si legge nel rapporto di Avaaz, “nonostante le ripetute richieste di medici ed esperti sanitari”.

Nonostante Facebook sia fiero dei suoi progressi nel campo delle fake news, ci auspichiamo che quest’indagine induca il social network a migliorare il suo filtro. Lo scopo finale è quello di combattere definitivamente la disinformazione, soprattutto in campo medico.


Sara Grigolin

Amo le serie tv, i libri, la musica e sono malata di tecnologia. Soprattutto se è dotata di led RGB.