fbpx
NewsTech

Ora si può pagare su Messenger con un QR Code

Facebook introduce le transazioni su Messenger tramite QR Code

In questi giorni Facebook sta semplificando il trasferimento di denaro attraverso Messenger. Adesso, infatti, l’App supporta QR Code e collegamenti personalizzati per i pagamenti da persona a persona con Facebook Pay. Grazie ad un aggiornamento, ora gli utenti possono ricevere denaro all’interno di Messenger utilizzando il proprio QR Code. E questa funzione sembra essere disponibile anche per le persone che non sono amiche sulla piattaforma, il che renderà senza dubbio più semplice l’invio o la richiesta di denaro a sconosciuti.

Facebook Pay: un QR Code semplifica le transazioni

A partire da oggi sarà possibile effettuare transazioni su Facebook utilizzando un QR Code su Messenger. Una modifica che può sembrare irrisoria, ma che risulta senza dubbio utile per coloro che acquistano e vendono sul Marketplace di Facebook, dove spesso le transazioni iniziano sul’App di messaggistica. In questo modo, anzichè rivolgersi a Venmo o ad App di terze parti, gli utenti potrebbero essere incentivati ad utilizzare Facebook Pay, senza la necessità di dover uscire dalla piattaforma.

Facebook Pay
Credits: Facebook

Per il momento, la funzione è disponibile esclusivamente negli Stati Uniti, anche se la società ha affermato che “arriveranno presto” nuovi aggiornamenti al riguardo. Ma l’aggiunta della possibilità di effettuare un pagamento tramite QR Code non sembra essere la sola novità che interessa Facebook Messenger. Tra le nuove funzionalità dell’App sembrerebbero esserci anche una nuova barra di “risposta rapida” per commentare foto e video, e nuovi temi per personalizzare la casella di posta. Ma una cosa è certa: il QR Code che abilita i pagamenti è tra le opzioni che speriamo di vedere in Italia quanto prima. Non è forse lo stesso anche per voi?

Chiara Crescenzi

Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button