fbpx
Fastweb NEXXT

Fastweb NEXXT, il nuovo quartier generale dell’operatore


Fastweb NEXXT è il nuovo headquarter del provider italiano, inaugurato venerdì 13 dicembre dal Sindaco di Milano, Giuseppe Sala, e Alberto Calcagno, Amministratore Delegato di Fastweb.

Fastweb NEXXT: quali sono le particolarità?

Il nuovo quartier generale nasce con l’intento di unire sostenibilità ed innovazione, innovazione che parte dal nome, con una doppia X che rimanda al prossimo ventennio di sviluppo e all’anno, il 2020, in cui Fastweb si dedicherà alla sua infrastruttura 5G. La doppia X inoltre si lega alle due grandi strutture in cemento a forma di X che sostengono l’edificio e che sono ben visibili da Piazza Adriano Olivetti.

NEXXT ospiterà circa 1400 persone, ha una superficie complessiva di oltre 18.000 metri quadri e si colloca all’interno dell’area “Symbiosis“, il progetto della società immobiliare Covivio dedicato alla trasformazione e rivalutazione dell’area situata vicino alla Fondazione Prada.

Fastweb NEXXT quartier generaleAll’interno troviamo soluzioni votate allo smart working e alla volontà di rendere l’ambiente lavorativo più versatile ed agile: niente postazioni quindi, ma aree aperte di condivisione, focus room, phone booth, sale riunioni, aree break e salottini.

La filosofia del Working Smart ha introdotto anche altre novità: sono infatti scomparsi i telefoni fissi, sostituiti da strumenti per garantire un uso esteso delle videoconferenze e per facilitare il lavoro da remoto tramite l’integrazione delle piattaforme.

Dal punto di vista impiantistico invece abbiamo un impianto intelligente di illuminazione che, grazie ad una serie di sensori, attiva attiva automaticamente l’accensione delle luci solo quando rileva la presenza di persone nelle sale riunioni e nelle aree comuni.

Da segnalare infine la scelta di essere un’azienda “plastic free”. Fastweb infatti aderisce alla campagna del Ministero dell’Ambiente #IoSonoAmbiente contro l’utilizzo della plastica monouso.


Team di redazione

L'account della redazione di Tech Princess e Tech Business.