fbpx
News

Fatturazione a 28 giorni: gli operatori dovranno rimborsare gli utenti

Respinti gli appelli di Fastweb, Wind e Vodafone. In attesa TIM.

È ufficiale: il Consiglio di Stato ha respinto gli appelli di Fastweb, WindVodafone sulla questione della fatturazione ogni 28 giorni. Gli operatori saranno quindi costretti a rimborsare gli utenti per i giorni ingiustamente non inclusi nelle tariffe offerte.

Scattano i rimborsi per la fatturazione a 28 giorni

La decisione, che conferma quanto scritto nelle precedenti disposizioni e quanto deliberato dall’AGCOM, predispone che tutte le aziende che hanno obbligato gli utenti ad una tredicesima mensilità annuale dovranno rimborsare gli utenti. Questo include anche quindi le tariffe telefoniche con pagamento ogni quattro settimane, che di fatto portano a 13 le tariffazioni richieste in un anno. Gli operatori avevano provato a fare ricorso alle prime disposizioni, ma sono stati respinti ora dal Consiglio di Stato.

Consiglio di Stato Fatturazione 28 giorni

Le compagnie telefoniche non hanno più scuse e devono adempiere alla delibera dell’AGCOM, altrimenti chiederemo l’ottemperanza delle sentenze” ha commentato Paolo Fiorio, il legale che ha assistito Movimento Consumatori di fronte al Consiglio di Stato.

“La palese illegittimità dell’applicazione dei sistemi di rinnovo e fatturazione a 28 giorni – ha aggiunto Fiorio – riguarda peraltro anche coloro che hanno esercitato il recesso dai contratti successivamente al 23 giugno 2017“. Ha inoltre sottolineato che “gli indennizzi devono essere automatici e immediati e devono prescindere dalle richieste degli utenti“. Le stime dell’associazione parlano di “circa un miliardo di euro” in rimborsi per i consumatori coinvolti.

Gli operatori di telefonia si stanno già muovendo per proporre agli utenti misure di compensazione alternative con lo stesso valore del rimborso in denaro, la cui accettazione comporta la rinuncia da parte del consumatore della restituzione dei giorni persi. TIM, Fastweb, Wind Tre e Vodafone hanno iniziato a offrire servizi gratuiti, Giga aggiuntivi e voucher per lo shopping online. Vedremo se questi “contentini” permetteranno di limitare i danni di questa sentenza.

[amazon_link asins=’B00OVJDCQ0,B011YM0OXU,B07QS3HLLS’ template=’ProductCarousel’ store=’gamspri02-21′ marketplace=’IT’ link_id=’fe586ead-581d-4044-b9b8-20da3773d548′]

Source
DDay.it

Giovanni Natalini

Ingegnere Elettronico prestato a tempo indeterminato alla comunicazione. Mi entusiasmo facilmente e mi interessa un po' di tutto: scienza, tecnologia, ma anche fumetti, podcast, meme, Youtube e videogiochi.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button