fbpx
AutoMotoriNews

Renault E-Tech diventa una famiglia: questo il nome delle elettrificate della Losanga

La gamma Renault E-Tech ora comprende tutti i modelli elettrificati della Casa, elettriche comprese

La gamma Renault E-Tech si amplia. Sono previsti infatti tre nuovi modelli dotati dell’ottimo sistema ibrido della Casa francese, ma c’è un’altra novità. Ora infatti E-Tech non sarà più il nome della sola gamma ibrida di Renault, ma andrà a raggruppare sotto il suo “cappello” tutte le proposte elettrificate della Casa, elettriche comprese. Per presentare questa novità, Renault ci ha anche mostrato i risultati ottenuti nel 2020 dai suoi modelli ibridi ed elettrici sul mercato italiano, nonché uno studio sulla mobilità elettrica fatta sulla clientela italiana. Scopriamo tutto insieme.

Il 2020 importante della gamma Renault E-Tech

Renault si affaccia al 2021 con grande fiducia sui suoi modelli elettrificati. Benchè il mercato italiano sia stato uno dei più colpiti in Europa dall’emergenza sanitaria, la Règie è riuscita ad arrivare al proprio obiettivo di vendite in Italia per quanto riguarda la propria gamma Renault E-Tech e Z.E. le elettriche pure.

Renault consolida il primo posto sul mercato delle EV

 Grazie anche allo stanziamento degli incentivi statali per l’acquisto di auto elettriche o poco inquinanti, c’è stata una decisa impennata nelle vendite di vetture elettriche e ibride, e Renault si è posizionata nei primi posti di ciascuna classifica. Partiamo dal settore dove Renault è ormai un’istituzione, quello delle elettriche. Nel 2020 infatti la Casa della Losanga ha consolidato il suo primato nel mercato delle macchine elettriche in un anno che ha rappresentato un vero boom per le auto a zero emissioni. C’è stata infatti una crescita più che triplicata, raggiungendo il 2,2% delle quote di mercato totali con 34.000 unità.

Renault Zoe

In questo settore, le elettriche Renault Zoe, Twizy e la recente Twingo hanno contribuito ad ottenere la prima posizione con 7.000 unità vendute -21% di quota di mercato. Renault Zoe si è confermata l’auto elettrica più venduta con 5.400 immatricolazioni e una quota del 16%. Un successo che continua dal 2012, anno di debutto delle prime elettriche Renault. In 8 anni, la Casa transalpina ha venduto 17.000 veicoli elettrici tra automobili e furgoni.

Il mercato dei veicoli commerciali elettrici vede infatti un dominio di Renault con i suoi Kangoo e Master Z.E, capaci di “catalizzare” il 32% delle vendite di veicoli commerciali elettrici. Il piccolo Kangoo Z.E. si è riconfermato nuovamente veicolo commerciale elettrico più venduto, con il 22,7% di quota.

Gamma ibrida Renault E-Tech, buona la prima (annata)

Se però Renault partiva già da una posizione di vantaggio sul mercato elettrico puro, il 2020 ha segnato il debutto della Losanga nel mondo della mobilità ibrida. E, vedendo i numeri totalizzati dalla gamma ibrida E-Tech, possiamo dire che è stato un debutto convincente.

Renault Clio E-Tech Hybrid R.S. Line

La gamma ibrida della Losanga per il 2020 ha contato Clio E-Tech Full Hybrid e le due Plug-In Hybrid Captur e Mègane, con il debutto di quest’ultima arrivato solo a dicembre. Nonostante il lancio sul mercato sia arrivato dopo il secondo semestre, Renault è riuscita ad issarsi nelle prime posizioni di vendita nei segmenti di ibride “pure” e Plug-In. Sul mercato delle ibride full, Clio E-Tech ha totalizzato buoni numeri di vendita, avvicinandosi alla best seller Toyota Yaris Hybrid, ma è sul mercato Plug-In Hybrid che Renault ha fatto il botto.

Logo Renault Captur E-Tech Plug-In Hybrid

In pochi mesi di commercializzazione, Renault è entrata sul podio dei costruttori di ibride plug-in. Tutto grazie al suo modello di punta, Captur E-Tech, che con 3.455 unità è leader dell’intero mercato 2020 di automobili ibride plug-in. Nonostante poi una presenza sul mercato 2020 di un paio di settimane, Mègane E-Tech Plug-In è diventata comunque leader del suo segmento C SW, più piccolo di quello di Captur ma sempre interessante. Un successo davvero importante, che ha permesso a Renault di raggiungere i temuti target di emissioni della normativa CAFE per il 2020.

Tre nuovi modelli ibridi per la gamma Renault E-Tech: Arkana, Mègane e Captur

Renault allora riparte da questo solido 2020 per continuare a progredire sul mercato elettrificato con la gamma Renault E-Tech. Il futuro della Casa della Losanga è stata segnata dalla “Renaulution”, ovvero il piano di rifondazione della Casa ufficializzato il 14 gennaio dal CEO Luca de Meo. Prima però di addentrarsi all’interno della Renaulution, la Règie punterà sul consolidamento dei suoi modelli forti, sul lancio di macchine già presentate e molto interessanti. Ed infatti, il 2021 di Renault continua a parlare E-Tech.

Quest’anno arriveranno tre nuovi modelli. La compatta di segmento C Mègane a due volumi riceverà la versione E-Tech Plug-In Hybrid da 160 CV come la “sorella” Station Wagon, Sporter. Però per il momento per la rivale di Volkswagen Golf non sembra all’orizzonte l’arrivo della versione full Hybride del sistema E-Tech. Per quanto riguarda la best-seller Captur invece buone nuove: si affiancherà alla Plug-In Hybrid infatti la versione E-Tech Hybrid da 140 CV.  Abbiamo già conosciuto e apprezzato il sistema E-Tech Full Hybrid su Clio: trovate la nostra prova su strada a fondo pagina.

Renault Arkana 2021

La grande novità del 2021 è però rappresentata dall’attesissimo SUV Coupè Renault Arkana. Questa nuova “ruote alte” del Segmento C arriverà nei prossimi mesi e sarà inizialmente solo ibrida, offrendo sia il sistema E-Tech Full Hybrid da 140 CV che il Plug-In Hybrid da 160 CV.

Il futuro della gamma Renault E-Tech e della Casa francese

Il futuro di Renault invece punta a “spostarsi” verso il Segmento C, più florido e proficuo secondo la Losanga. Nei prossimi anni infatti arriveranno due modelli di Segmento C totalmente nuovi, e tutti i modelli che verranno proposti da qui in avanti saranno 100% elettrificati, includendo anche il sistema Mild Hybrid in fase di studio in questo momento. A tutta elettrificazione quindi, con il marchio E-Tech che non sarà più il nome del sistema ibrido di Renault.

E-Tech diventerà infatti “cappello” di tutte le vetture elettrificate del marchio, ibride ed elettriche, senza distinzioni. Nei prossimi mesi quindi E-Tech non sarà più solo il badge apposto sul bagagliaio di Clio e Captur, ma una costante all’interno dei prodotti Renault. Tutto senza dimenticare il GPL, alimentazione dove Renault è leader insieme alla “sorella” Dacia, vera alternativa all’elettrificazione.

Concept Mobilize

Renault quindi abbandonerà progressivamente il segmento A, quello delle citycar, con Twingo che rimarrà in produzione fino al 2025 e non avrà un’erede. Chi ne prenderà il testimone sarà il nuovo brand Møbilize, la Casa che si occuperà della produzione di macchine e soluzioni per la mobilità urbana. Il nuovo brand Renault sta infatti progettando in questi mesi la sostituta della celebre Renault Twizy, che secondo la Casa rivoluzionerà il mondo della mobilità urbana.

Renault r5 2022 e Luca De Meo

Infine, non possiamo non parlare di Renault R5. La concept presentata da De Meo il 14 gennaio è un chiaro segno delle intenzioni di Renault di andare avanti, ma senza dimenticare il suo passato. Una linea che riprende gli stilemi di Renault R5 del 1972, ma che è più moderna che retrò, con linee un po’ maliziose, simpatiche ed evocative. Come ribadito dal CEO di Renault, R5 non rimarrà solo un concept, e verrà lanciata nei prossimi anni sul mercato. Nuova Renault R5 sarà una macchina elettrica urbana, economica ed accessibile a tutti, con un posizionamento tra Twingo e Zoe, tra la mobilità puramente cittadina e quella a tutto tondo di Zoe.

La voglia degli italiani di passare ad ibride ed elettriche: lo studio Ipsos

Chiudiamo con uno studio che Renault ha commissionato alla società di analisi di mercato Ipsos. Il focus? Il futuro della mobilità elettrificata, in Italia ed in Europa. Secondo Ipsos, il motivo principale di preoccupazione per gli italiani è il cambiamento climatico. I modi per risolverlo? La riduzione dell’inquinamento industriale e la nascita di modalità di trasporto meno inquinanti in primis.

Secondo oltre il 60% degli italiani, il futuro della mobilità è elettrificato. Ed oltre sei italiani su 10 prevedono l’acquisto di un veicolo elettrico o ibrido nel prossimo futuro. Le motivazioni? Ridurre il cambiamento climatico e ridurre le spese di carburante. Per queste persone l’elettrificazione non è una moda passeggera, ma una profonda trasformazione dell’industria automobilistica.

L’elettrico convince per la riduzione delle emissioni, per la spesa inferiore di carburante senza però inficiare il piacere di guida. Anzi, per il 74% degli intervistati il divertimento di guida è maggiore su un’auto elettrica rispetto ad un veicolo tradizionale. Numeri ed opinioni sicuramente discutibili, su cui si può aprire un dibattito enorme sulla loro veridicità e condivisione. Sono però opinioni sempre più diffuse, che vanno considerate e tenute in serissima considerazione dalle Case. Aziende che ogni giorno danno tutto per rendere i propri veicoli più virtuosi, più puliti e anche più piacevoli da guidare. Il futuro di Renault è elettrificato, e si chiama E-Tech.

Leggi la nostra prova di Renault Clio E-Tech e le altre news dal mondo Renault!

Giulio Verdiraimo

Ho 22 anni, studio Ingegneria e sono malato di auto. Di ogni tipo, forma, dimensione. Basta che abbia quattro ruote e riesce ad emozionarmi, meglio se analogiche! Al contempo, amo molto la tecnologia, la musica rock e i viaggi, soprattutto culinari!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button