fbpx
AttualitàCulturaNews

Quattro donne che lavoravano per Google fanno causa all’azienda

Le ex-dipendenti sostengono di essere state pagate meno rispetto agli uomini, nonostante ricoprissero gli stessi ruoli

Al momento Google si trova in una situazione scomoda: quattro ex-dipendenti hanno lanciato una class action contro la società. Le quattro donne hanno accusato l’azienda di discriminare le donne offrendo loro stipendi e promozioni più bassi rispetto a quelli garantiti agli uomini.

La class action contro Google da quattro ex-dipendenti donne

Google-class-action-dipendenti-tech-princess

Secondo quanto riportato da Bloomberg, quattro donne che lavoravano per Google hanno vinto lo status di class-action per la loro causa sull’equità di genere contro la società di motori di ricerca. Questo ha permesso loro di rappresentare circa 10.800 donne.

La causa sostiene che Google paga gli uomini più delle donne per lo stesso lavoro, in violazione dell’Equal Pay Act della California. Inoltre, secondo la causa, Google ha pagato le sue dipendenti donne quasi 17.000 dollari in meno all’anno rispetto alle controparti maschili negli stessi ruoli.

Le donne hanno presentato la causa nel 2017, sostenendo di essere state inserite in percorsi di carriera più bassi rispetto ai loro colleghi maschi. Queste cosiddette “scale di lavoro” le hanno portate a ricevere bonus e stipendi più bassi. Le donne si sono poi licenziate dall’azienda.

“Questo è un giorno significativo per le donne di Google e del settore tecnologico. Siamo così orgogliosi dei nostri clienti coraggiosi per aver intrapreso questa strada con coraggio”, afferma Kelly Dermody, un avvocato che rappresenta le donne. “Questo ordine dimostra che è fondamentale che le aziende diano priorità al pagamento equo delle donne piuttosto che spendere soldi per combatterle nelle controversie”.

La risposta di Google

Le querelanti non sono state le uniche ad accusare Google di sottopagare sistematicamente le dipendenti donne nel 2017. Il Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti ha anche citato in giudizio Google quell’anno per aver trattenuto i dati di compensazione. Dopo tre mesi ha concluso che Google era responsabile di “disparità sistematiche di compensazione contro le donne praticamente in tutta la forza lavoro”. Google ha accettato di pagare 2,5 milioni di dollari ai dipendenti e ai candidati all’inizio di quest’anno per la presunta discriminazione salariale e di assunzione.

Un portavoce di Google ha detto in una e-mail a The Verge che la società “crede fortemente nell’equità” delle sue politiche e pratiche. Il portavoce non ha affrontato direttamente lo status di class action della causa, ma ha detto che la società ha eseguito una “rigorosa analisi di equità salariale” ogni anno negli ultimi otto anni.

“Se troviamo delle differenze nella retribuzione proposta, anche tra uomini e donne, facciamo delle modifiche verso l’alto per rimuoverle prima che la nuova compensazione entri in vigore”, ha aggiunto il portavoce. Quest’ultimo ha anche sottolineato che, solo l’anno scorso, Google ha fatto “modifiche verso l’alto” per 2.352 dipendenti in tutta l’azienda, per un totale di 4,4 milioni di dollari.

Dermody, l’avvocato, ha detto a Bloomberg che si aspetta che il processo inizi il prossimo anno.

Source
The Verge

Veronica Ronnie Lorenzini

Videogiochi, serie tv ad ogni ora del giorno, film e una tazza di thé caldo: ripetere, se necessario.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button