fbpx
Photo Credit Nick Statt / The Verge

Nest Secure, il sistema di sicurezza di Google, è giunto al capolinea
Google smetterà di produrre e commercializzare Nest Secure, il sistema di sicurezza per la smart home lanciato nel 2017


Nest Secure, il sistema per la sicurezza domestica di Google debuttato nel 2017, non sarà più prodotto. Il sistema di sicurezza domestica da 400 dollari, che durante la sua esistenza è stato amato e odiato – per alcuni problemi di sicurezza – non è più disponibile per l’acquisto ed è giunto al capolinea.

Google abbandona anche il sistema di sicurezza Nest Secure

Google, in una brevissima dichiarazione a The Verge, ha affermato che non produrrà più Nest Secure, ma continuerà a supportare gli utenti che l’hanno acquistato in passato.

Nest Secure è durato relativamente poco, considerando che Google l’ha lanciato nel 2017. A differenza di altri sistemi di sicurezza domestica che richiedono l’istallazione da parte di un tecnico, Nest Secure era abbastanza semplice da configurare. Simile, per dimensioni, ad uno smart speaker, era dotato di un tastierino sul quale gli utenti potevano inserire un codice per attivare o disattivare il sistema, due sensori per porte e finestre e un portachiavi per gestire l’impianto.

Ma il limite era il sistema stesso. Il rilevatore di movimento funzionava solo entro un raggio di tre metri, mentre sensori ad infrarossi e rilevatori di fascia alta coprono un raggio molto più ampio. Inoltre nel corso degli anni ci sono stati dei problemi di sicurezza, come afferma Gizmodo, poiché solo nel febbraio 2019 – quando Google ha integrato Nest Secure con l’Assistente Google – gli utenti hanno saputo che il sistema era dotato di un microfono sempre attivo.

Nest Secure si aggiunge alla lunga lista di prodotti e servizi che il colosso di Mountain View ha deciso di abbandonare. Entro giugno del prossimo anno la società eliminerà completamente Hangouts, migrando le chat e i contatti su Google Chat. Contatti Fidati cesserà di esistere invece a dicembre, mese in cui ci abbandoneranno anche Google Play Music e Cloud Print.

Possono stare invece tranquilli gli utenti che amano i prodotti per la smart home di Google, poiché il colosso continuerà a produrre e commercializzare dispositivi intelligenti e connessi.


Sara Grigolin

Amo le serie tv, i libri, la musica e sono malata di tecnologia. Soprattutto se è dotata di led RGB.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link