fbpx
NewsTech

Google segue la filosofia di Apple e Samsung: non includerà il caricabatterie nelle confezioni

Google segue la filosofia di Samsung ed Apple

Google non intende includere nella confezione originale dei prossimi Pixel 6 e Pixel 6 Pro il caricabatteria. La scelta segue la filosofia già adottata da Samsung ed Apple, basata sull’idea che si tratti di componenti così diffusi che includerne altri nella scatola sia solo un danno per l’ambiente.

Se ciò è vero, c’è anche da dire che su grandi numeri di vendita questa mancanza comporta un grande risparmio di costi. Il malcontento degli utenti a proposito di questa scelta si è già fatto sentire, soprattutto nel caso in cui uno smartphone sia compatibile con la ricarica rapida ma non venga incluso un cavo adatto a questa funzione.

Google ha abituato i suoi clienti, negli scorsi anni, consegnando nella confezione originale un caricatore 18W USB-C Power Adapter. Sarà venduto anche assieme al Pixel 5a, che sarà spedito ai partire da questo mese, al prezzo di 449 dollari.

google-pixel-6-pro-caratteristiche-min

Il futuro del caricabatterie su Google Pixel 6 e 6 Pro

L’azienda di Mountain View ha però dichiarato, tramite The Verge, che non includerà il componente nei prossimi smartphone. La scelta è in continuità con quanto già proposto dalla concorrenza di Samsung ed Apple. I Google Pixel 6 e 6 Pro saranno i primi telefoni di Google toccati dalla nuova politica.

Riguardo agli smartphone top di gamma, come i Pixel 6 e 6 Pro, è effettivamente molto probabile che i clienti abbiano già un caricabatterie. Tuttavia questo ragionamento fila di meno sui dispositivi della serie A, che per fascia di prezzo e caratteristiche sono rivolti ad un pubblico più giovane e che magari possiede uno smartphone per la prima volta.

Nel caso in cui non si abbia in casa un caricatore adatto, lo si potrà comunque acquistare direttamente da Google. Ovviamente usandone uno che già si ha, non è detto che la velocità di ricarica sia la massima possibile. Bisognerà utilizzare un cavetto e un alimentatore adatto, ed è necessario considerare le specifiche del componente.

Via
9to5google

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button