fbpx

Google Play Pass è la risposta di Big G ad Apple Arcade: un servizio in abbonamento che consente di accedere non solo ad una marea di giochi ma anche ad altrettante applicazioni che, normalmente, sono a pagamento. State già correndo ad attivarlo? Frenate gli impulsi: al momento Google Play Pass è disponibile solo negli Stati Uniti.

Giochi e app disponibili

Google Play Pass per certi versi somiglia al servizio di Cupertino: gli utenti sono chiamati a pagare una quota fissa mensile per accedere ad app e giochi che normalmente sarebbe a pagamento, con pubblicità o dotate di acquisti in-app.

Google Play Pass scheda nel Play StoreIl plus, rispetto ad Apple Arcade, l’avete già intuito: il colosso di Mountain View propone anche applicazioni e non solo videogiochi. Di contro non abbiamo titoli esclusivi o finanziati direttamente dalla società americana come accade invece per i device della Mela.

Ma bando alle ciance! Quali sono i contenuti inclusi nel servizio? In totale abbiamo circa 350 tra app e giochi. Tra questi Terraria, Monument Valley, Risk, Star Wars: Knights of the Old Republic, AccuWeather, Limbo, Monument Valley 2, .projekt, Pocket City ed Evoland.

Naturalmente non dovrete impazzire per trovare i contenuti inclusi nel servizio. Gli abbonati infatti troveranno sul Play Store una scheda dedicata che contiene app e giochi inclusi. Quest’ultimi inoltre saranno contrassegnati dall’icona di Play Pass anche in tutto il resto dello store di Big G, così da distinguerli a colpo d’occhio.

Google Play Pass prezzo

Ma quanto costa Google Play Pass? In realtà il prezzo è piuttosto competitivo: 4,99 dollari al mese. Al momento però è in offerta lancio a 1,99 dollari al mese per i primi dodici mesi. Un vero affare.


Like it? Share with your friends!

What's Your Reaction?

Rabbia Rabbia
0
Rabbia
Confusione Confusione
0
Confusione
Felicità Felicità
0
Felicità
Amore Amore
0
Amore
Paura Paura
0
Paura
Tristezza Tristezza
0
Tristezza
Wow Wow
0
Wow
WTF WTF
0
WTF
Erika Gherardi

author-publish-post-icon
Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.