fbpx
Recensioni VideogiochiVideogiochi

La recensione di GreedFall su PlayStation 5, cosa c’è di nuovo?

Ritorniamo nella misteriosa isola di Teer Fradee su PlayStation 5 con la versione Gold Edition di GreedFall. Il gioco di ruolo Action uscito nel 2019 si rinnova in una versione pensata la nuova generazione di console e alcune intriganti novità tra cui il DLC “The De Vespe Conspiracy“. Tutte le novità sono disponibili gratuitamente per chi ha comprato il gioco su old-gen e per i possessori della versione presente su Xbox Game Pass ma come si muove GreedFall sulle nuove console? Scopriamolo in questa recensione della versione su Ps5 di GreedFall.

La nostra recensione di GreedFall su PS5 tra migliorie e novità

Prima di avventurarci nelle potenzialità della PS5, diamo una breve rinfrescata alla trama di GreedFall, ricordandovi che la trovate nel dettaglio nella nostra recensione completa.

GreedFall è ambientato nella Francia del XVII secolo e ci permetterà di vestire di panni di De Sardet, nipote (maschio o femmina) del principe d’Orsay incaricato dalla Congregazione dei Mercanti di Sérène di raggiungere Teer Fradee. Si tratta di un’isola inesplorata che nasconde ricchezze e misteri nonché una possibile cura per la Malicora, la malattia incurabile che sta affliggendo la popolazione del vecchio mondo. Nel tentativo di trovare una cura e spinto dalla voglia di esplorare le terre incontaminate di Teer Fradee, il nostro protagonista partirà alla volta del nuovo mondo in compagnia di suo Cugino Constantin, nuovo governatore dell’isola.

Teer Fradee si rivelerà essere una terra ricca di opportunità ma anche di pericolose minacce. L’intero luogo è infatti abitato da bizzarre e pericolose creature pronte a tutto per difendere il loro territorio. A rendere ancora più difficile la vita del protagonista sono le diverse fazioni in gioco che hanno fondato una propria colonia sull’isola, reclamandone l’autorità. Il modo in cui il protagonista si approccerà alle diverse fazioni dipende solo dalle nostre scelte. Le azioni del giocatore influenzano infatti moltissimi elementi di gioco: dalla politica, ai rapporti tra fazioni e tra i vari personaggi fino ad alcuni elementi della trama che modificheranno il finale di GreedFall.

La nuova veste offerta da PlayStation 5

L’arrivo di Greedfall su PlayStation 5, com’era prevedibile, non ne cambia il contenuto. Il gioco approda su Ps5 con i pregi e difetti che lo hanno caratterizzato e che abbiamo sviscerato nella recensione del gioco. Per quanto il gioco sia sempre stato godibile ed è ora potenziato con le performance offerte dalla nuova PlayStation, è stato davvero un peccato non vedere delle migliorie su animazioni o sull’intelligenza artificiale che forse richiedevano un lavoro diverso e più impegnativo.

C’è da dire però che l’hardware della PS5 da il meglio di se in questa versione. Esiste ora una doppia modalità per giocare a Greedfall: Qualità e Performance. Le due modalità si spiegano presto da sole. Selezionando qualità avremo la possibilità di vivere le avventure di Greedfall in 4K nativi con FPS bloccati a 30, la seconda modalità, invece, si concentra sulla stabilità dei frame che rimangono fissi a 60. Queste opzioni garantiscono un’eccezionale fluidità unità a una grafica migliorata e piacevole da guardare. Tutte queste caratteristiche si incastrano perfettamente con i ritmi action e movimentati di Greedfall.

Migliorie dell’update possono essere viste anche nelle texture e in alcuni modelli di personaggi e mostri che risultano molto più lavorati e limati dai difetti che avevano precedentemente. Piccola nota di demerito va all’illuminazione e ombre che, nonostante l’upgrade, non risultano particolarmente migliorate. C’è da dire però che il colpo d’occhio è più che soddisfacente e Greedfall riesce a donarci scorci paesaggistici notevoli.

Greedfall - Gold Edition - Gold
  • La Gold Edition contiene: gioco base - espansione de vespe conspirancy
  • 3 Litografie - 1 poster doppio - una serie di adesivi
  • Libertà totale di sviluppo del personaggio.

Il supporto del DualSense

Altra novità che riguarda Greedfall su PlayStation 5 è il supporto al DualSense, il controller di nuova generazione di Sony. Troviamo infatti il feedback aptico del controller che riesce a rendere azioni del gioco più vive e coinvolgenti grazie alla vibrazione sempre più sofisticata e precisa. In merito al Dualsense troviamo anche il supporto all’audio 3D ma non ci ha particolarmente emozionato come avrebbe dovuto. La stessa sensazione ci ha dato il trigger adattivo. Usiamo il singolare perché, stranamente, solo uno dei due trigger utilizza questa funzione per gli attacchi più potenti che necessitano una piccolo momento di caricamento.

Ma è con la potenza della PS5 che Greedfall da il meglio di se. I 30 FPS sono sempre garantiti anche nelle situazioni più agitate che garantiscono un ottima giocabilità per tutto il gioco. I 60 fotogrammi al secondo, invece, non sono così stabili ma il ritmo di gioco rende tutto ciò difficile da notare e non intacca la godibilità del titolo. Sbalorditiva invece la differenza dei tempi di caricamento tra una scena e l’altra grazie all’SSD di PlayStation 5 che rende il tutto più rapido, fluido e piacevole da giocare.

La recensione di GreedFall su PS5 in pillole

Greedfall riesce a dare il meglio di se su PS5 grazie ad un hardware potenziato e al supporto del DualSense. La Gold Edition è l’occasione giusta per assaporare nuovamente o per la prima volta la fantastica avventura offerta dal titolo che, seppur con qualche difetto, riuscirà a tenervi incollati allo schermo per parecchie ore. A queste si aggiungono anche le avventure dell’espansione The De Vespe Conspiracy, inclusa in questa edizione, che vi permetterà di esplorare una nuova area della misteriosa isola. Minacce e Tesori vi aspettano, ora anche in 4K.

Daniele Cicarelli

Indigente giramondo con la grande passione per i videogiochi, l'Arte e tutte le storie Fantasy e Sci-Fi che parlano di mondi alternativi senza zanzare. Fermo sostenitore dell'innovazione, del progresso tecnologico e della superiorità del Tipo Erba. Dalla parte dei Villains dal 1991.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button