fbpx
LifestyleNewsScienza

Apre il Museo di Astronomia di Shanghai, un capolavoro di design

È il più grande museo di astronomia del mondo

È stato aperto a Shanghai il più grande museo di astronomia del mondo, con una complessa forma curvilinea progettata per riflettere la geometria del cosmo. Il Museo di Astronomia di Shanghai da 39000 metri quadrati ospiterà mostre, un planetario, un osservatorio e un telescopio solare alto più di 23 metri.

Apre a Shanghai il museo di astronomia più grande del mondo

La struttura è formata da tre archi sovrapposti che alludono alle orbite dei corpi celesti, senza l’utilizzo di linee rette o angoli. Inaugurato nei giorni scorsi, il Museo di Astronomia di Shanghai da 420.000 piedi quadrati – una filiale del Museo della Scienza e della Tecnologia di Shanghai – ospiterà mostre, un planetario, un osservatorio e un telescopio solare alto quasi 24 metri. È stato ideato dallo studio statunitense Ennead Architects, che nel 2014 ha vinto un concorso internazionale per la progettazione dell’edificio.

Rinunciando alle pareti dritte a favore delle linee ad arco, il capo progettista Thomas J. Wong e il suo team speravano di dimostrare che tutto nell’universo è in costante movimento e governato da una serie di forze. Secondo Wong, il design è influenzato anche dal “problema dei tre corpi”, la questione ancora irrisolta di come calcolare matematicamente il moto di tre entità celesti – come pianeti, lune o stelle – in base alle loro relazioni gravitazionali. Mentre questo calcolo può essere effettuato con due corpi celesti, i percorsi diventano caotici e imprevedibili con tre.

Cupola rovesciata Museo Astronomia Shanghai
La cupola rovesciata del Museo di Astronomia di Shanghai | Photo Credits: Ennead Architects.

Tre grandi elementi di design

Nel design di Wong, l’enigma cosmico si traduce in tre forme ad arco: un oculo, una sfera e una cupola capovolta, che fanno riferimento rispettivamente al sole, alla luna e alle stelle. Ciascuno ospita un’importante attrazione per i visitatori o una funzionalità di design. I visitatori incontrano per la prima volta l’oculo, che si apre sopra l’ingresso principale del museo. Funziona come un orologio, riproducendo un cerchio di luce solare che si muove sul pavimento durante il giorno, indicando l’ora e la stagione. A mezzogiorno durante il solstizio d’estate, ad esempio, si forma un cerchio completo che si allinea con una piattaforma circolare all’interno della piazza d’ingresso del Museo.

Segue poi il teatro planetario, racchiuso in una sfera, che è per metà sommersa nell’edificio. Evoca un’illusione di assenza di gravità. Infine una vasta cupola rovesciata in vetro, sull’apice del tetto, offre ai visitatori la possibilità di vedere il cielo notturno.

La discendenza diretta con un altro edificio di Ennead Architects

Rose Center for Earth and Space
Rose Center for Earth and Space | Photo Credits: Ennead Architects.

Con uffici negli Stati Uniti e in Cina, Ennead Architects è anche responsabile del famoso Rose Center for Earth and Space di New York presso l’American Museum of Natural History, un progetto co-progettato da uno dei fondatori dell’azienda, James Polshek. Wong ha detto che c’è “una discendenza” tra i due edifici. “Polshek ha definito il Rose Center una ‘cattedrale cosmica’”, ha detto Wong. “Questo è molto appropriato per l’esperienza qui al Museo di Astronomia di Shanghai.”

Source
EnneadCNN

Sara Grigolin

Amo le serie tv, i libri, la musica e sono malata di tecnologia. Soprattutto se è dotata di led RGB.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button