RecensioniVideogiochi

Recensione Gridd Retroenhanced – Cyberspazio e novità sbarcano su Switch

Presentato per la prima volta alla Milan Games Week del 2017 ed uscito l'anno dopo su Steam ed Xbox One, Gridd: Retroenhanced, l'indie di Antab Studio e Kongregate,  fa ora il suo debutto su Nintendo Switch.

Ma di cosa parla questo titolo tutto italiano?

In Gridd: Retroenhanced saremo al comando di una navicella spaziale dal design molto essenziale ma non banale, guidandola in uno spazio cibernetico attraverso laser, tempeste di fulmini, spietate I.A. e mostruosità cromate, nel tentativo di hackerare il sistema in cui ci troviamo e sconfiggere appunto questa intelligenza artificiale che cercherà di eliminarci come se fossimo un virus all'interno del suo sistema.

In uno spazio dove la basilarità visiva e di gameplay è l'aspetto principale, sono le meccaniche di gioco a farsi interessanti e sfidanti, poiché non basterà completare per intero il percorso per sconfiggere l'I.A., ma escogitare il metodo giusto (e niente affatto semplice) per distruggere il sistema. Gli ostacoli, i laser e il sistema stesso tenteranno di sferrare quanti più colpi possibili per fermarci, soprattutto quando penseremo di avere in pugno la partita e le sorti verranno capovolte (in maniera anche abbastanza frustrante, se vogliamo).

Passando invece alla novità vera e propria di questa versione, scopriamo dunque la modalità Glove of Power, grazie alla quale potremo tenere in pugno uno dei due Joy-Con e provare ad hackerare la cyber-realtà con una tecnica diversa da quella provata finora.

Il titolo supporta anche il Nintendo Pro Controller, utilizzabile in tutte e tre le modalità di gioco di Nintendo Switch (TV, Tabletop e Portatile), e la possibilità di impugnare il Joy-Con con due mani e di inclinarlo a destra e a sinistra come si farebbe con il volante di un'astronave.

Ma tutto questo come risulta sullo schermo? Il framerate è sempre fluido, grazie anche al lavoro di ottimizzazione che ha accompagnato tutte le fasi di sviluppo del porting, dunque noteremo come la qualità e prestazione grafica non presenti alcun tipo di problema durante il gioco, seppure le immagini non siano nitidissime.

Si tratta forse di un neo che il titolo evidenzia più su questa console che nella versione per PC, forse perché l'aspettativa nei confronti di un titolo per Switch parte da un benchmark già di per sé più elevato rispetto ad altre piattaforme. Notiamo delle imperfezioni nella resa di una schermata di gioco non nitidissima, come se la luminosità dei colori li porti ad essere un po' troppo chiari e poco nitidi, ma poco importa; questa pecca non andrà a intaccare il resto dell'esperienza arcade che vivremo.

Infatti anche il porting su televisione non facilita molto la grafica già in parte compromessa sul piccolo schermo della console di Nintendo, ma ci permette di giocare in maniera fluida e senza intoppi, in un lavoro che si presenta ultimato senza bug o altri ostacoli fastidiosi. Si parlava di versatilità, ed è proprio qui che Antab Studio ha fatto il lavoro più significativo.

Se vi sentite abbastanza "hacker" da voler provare a mandare in crisi il sistema e infrangere il muro della I.A., oltre che essere amanti del genere arcade e siete alla ricerca di un gioco stimolante e non troppo pretenzioso da un punto di vista di tattica e strategia, Gridd: Retroenhanced è il titolo che state cercando, permettendovi di macinare punti su punti e scalare man mano le classifiche e trovando una via di fuga dal sistema.

Tags

Francesca Sirtori

Indielover, scrivo da anni della passione di una vita. A dispetto di tutti. Non fatevi ingannare dal faccino.
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker