fbpx
MobileNewsTech

Huawei: la prima metà del 2021 fa registrare il più grande calo di sempre

Huawei fa registrare il suo più grande calo delle entrate nella prima metà del 2021: il brand è infatti in calo di quasi il 30%. L’azienda ha venduto parte della sua attività di telefonia mobile a seguito delle sanzioni statunitensi, che secondo gli analisti hanno contribuito al trend negativo.

Huawei e il calo delle entrate nel primo semestre 2021

Un trend non certamente positivo quello di Huawei. L’azienda, infatti, nei primi sei mesi del 2021 fa registrare il più grande calo di entrate della sua storia. Secondo molti esperti, le motivazioni dietro al crollo, vanno ricercate nelle sanzioni imposte dal governo USA. Queste rendono difficile, per il brand cinese, acquistare componenti e software utilizzando la tecnologia statunitense.

I ricavi del ramo dell’elettronica di consumo, che include i telefoni, sono diminuiti del 47%. Già all’inizio del 2021, Richard Yu, capo del settore consumer dell’azienda, aveva dichiarato che “le sanzioni statunitensi hanno posto grandi difficoltà alle nostre operazioni commerciali e al lavoro quotidiano”.

Quanto influisce l’infrastruttura 5G sul mercato?

Un portavoce della società ha dichiarato che i problemi del brand sono da ricercare anche nel lento lancio del 5G in Cina. C’è da dire però che nel resto del mondo le vendite di dispositivi Huawei sono in aumento, nonostante la pressione degli Stati Uniti per escludere il marchio cinese dall’infrastruttura 5G a causa delle preoccupazioni sulla sicurezza nazionale.

D’altro canto, Huawei, respinge con vigore le accuse secondo cui le apparecchiature prodotte rappresenterebbero un rischio per la sicurezza. Anzi, l’azienda cinese definisce tali affermazioni come “mosse da interessi politici”.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button