fbpx
NewsTech

Huawei Mate 10 Lite fa il suo debutto sul mercato italiano

Huawei Mate 10 Lite, il più piccolo della famiglia Mate, a partire da oggi è disponibile nei migliori negozi delle catene di elettronica, al prezzo consigliato di 349 Euro.

Il nuovo arrivo della famiglia Mate, grazie alle sue caratteristiche uniche, conferma l'obbiettivo della società di fornire ad ogni utente lo smartphone adatto alle sue esigenze. Lo smartphone sarà infatti il primo disponibile in Italia a poter contare su quattro fotocamere: due da 16MP e 2MP nella parte posteriore e due da 13MP e 2MP frontalmente, munite di flash armonizzante per selfie di ottima qualità, anche in condizioni di scarsa illuminazione. Huawei Mate 10 Lite sarà in grado di fornire un'esperienza visiva senza precedenti, grazie ad un Fullview Display con formato 18:9 su schermo da 5.9 pollici, caratterizzato da un rapporto screen-to-body del 83%, il tutto inserito in un design elegante e intuitivo.

Lo smartphone è in grado di gestire più applicazioni contemporaneamente e in modo fluido grazie al processore octa-core Kirin 659, 4GB di RAM e 64 ROM e alla nuova EMUI 5.1, l'algoritmo machine learning alimentato da Android 7.0 che si adatta all'utilizzo dell'utente. La perfetta integrazione tra hardware e software consentirà anche alla batteria da 3.340 mAh di durare più a lungo, fino a raggiungere un’autonomia di conversazione di circa 20 ore. Le colorazioni disponibili sono Prestige Gold, Graphite Black e Aurora Blue.

Huawei ha approfittato dell'annuncio anche per confermare l'arrivo, previsto per metà novembre, del top di gamma Huawei Mate 10 Pro, adesso disponibile in pre-order. Il modello, pensato per i consumatori più esigenti, potrà contare su un processore Kirin 970 e sarà il primo con intelligenza artificiale integrata.

Maria Elena Sirio

Videogiocatrice dall'infanzia, innamorata del fantasy e dell'avventura (ma, soprattutto, di Nathan Drake), con una passione per il disegno, il cinema e le serie tv, che tenta di conciliare tutti questi interessi con la facoltà di Biotecnologie.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button