!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js');
Huawei P40 Pro fotocamera posteriore lente liquida

Huawei P40 Pro avrà una penta-fotocamera posteriore | Rumor


Il 2020 si avvicina,  e con esso anche la stagione di alcuni dei nuovi flagship Android più amati, come la famiglia S di Samsung e la famiglia P di Huawei. Proprio quest’ultima, incentrata sulla fotografia, cominciano già ora a spuntare i primi rumor riguardanti la fotocamera posteriore di Huawei P40 Pro, che dovrebbe essere un miglioramento sia qualitativo che quantitativo rispetto a P30 Pro, almeno secondo il sito cinese ITHome.

La fotocamera posteriore di Huawei P40 Pro

Il sistema di quattro sensori che compongono il reparto posteriore di P30 Pro, abbinato al software per la fotografia computazionale di Huawei, è già considerato uno dei migliori sul mercato. Con una fotocamera principale da 40MP, una ultra-wide da 20MP, un teleobiettivo da 8MP e un sensore TOF per la profondità, migliorare questa offerta vorrebbe dire offrire un reparto fotografico quasi senza precedenti.

Eppure, secondo i rumors, la fotocamera posteriore di Huawei P40 Pro sembra orientata in questa direzione. Innanzitutto, se è vero che la qualità dei singoli sensori è forse più importante del loro numero, è comunque rilevante sottolineare come P40 Pro avrà ben 5 sensori, uno in più quindi del suo predecessore. Ad essersi aggiunto è un piccolo sensore vicino al TOF. Non sappiamo però di cosa si tratti, se di un altro TOF, per migliorare ancora di più la percezione delle profondità, o magari di una fotocamera dedicata alla modalità Macro.

Sarà mantenuto il sensore a periscopio, stavolta però capace di uno zoom x10 senza perdite. Si tratterà infatti di zoom ottico, e non, come nel P30 Pro, di uno zoom x10 ibrido tra il teleobiettivo e il sensore principale.

Per il resto, non sappiamo molto altro sulle specifiche, fotografiche e non, di questo nuovo modello di Huawei. Ancora non abbiamo ad esempio notizie sulla presenza o meno dei Google Services, presenti su P30 Pro ma assenti invece sull’ultimo top di gamma, Mate 30 Pro. Ne sapremo probabilmente di più in occasione del MWC 2020 Barcellona, e prima di allora molto probabilmente avremo invece altri rumors su cui fare affidamento.


Giovanni Natalini

Ingegnere Elettronico prestato a tempo indeterminato alla comunicazione. Mi entusiasmo facilmente e mi interessa un po' di tutto: scienza, tecnologia, ma anche fumetti, podcast, meme, Youtube e videogiochi.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link