CulturaNewsTech

Incendi domestici: ecco le sei regole d’oro di Eaton per evitarli

Desiderate una casa connessa, ricca di dispositivi tecnologici pronti a sostenervi anche nelle azioni più quotidiane? In questo caso potrebbero farvi comodo le sei regole d'oro fornite da Eaton, azienda leader nella fornitura di soluzioni all'avanguardia per la gestione energetica, per sfruttare al meglio la tecnologia, evitando allo stesso tempo incidenti e incendi domestici.

Le cause più comuni di incendi domestici

Ad affrontare l'argomento incendi domestici è il Nucleo Investigativo dei Vigili del Fuoco, tramite una ricerca pubblicata recentemente. Secondo quest'ultima, in Italia si verificano tra i 30.000 e i 50.000 incendi all'anno negli edifici civili, per il 20% imputabili a guasti, anomalie o mancata manutenzione dell'impianto elettrico.

Stiamo parlando di cortocircuiti? Non proprio: questo termine è infatti molto utilizzato nel gergo comune, ma non rappresenta bene la realtà. Alla base degli incendi vi sono diverse cause, tra cui spiccano incuria e mancata manutenzione degli impianti elettrici.

Le sei regole d'oro di Eaton

I dati della ricerca vi preoccupano? Non dovete temere perché, a correre in vostro aiuto, è Eaton, tramite una serie di sei regole d'oro per curare al meglio l'impianto elettrico, evitando così spiacevoli sorprese:

  1. Controllare periodicamente l'impianto: per limitare il rischio di incendi domestici la soluzione più banale – ma spesso accantonata – è di far verificare periodicamente lo stato del proprio impianto da un elettricista di fiducia, che potrà così eseguire tutti gli eventuali adeguamenti necessari;
  2. Staccare la spina: non utilizzate un certo dispositivo tecnologico per diverso tempo? Non lasciateli collegati o in stand-by, ma staccate direttamente la spina! Un gesto simile permette infatti di diminuire l'incidenza di cortocircuiti, e di aumentare il risparmio energetico ed economico;
  3. Nascondere i cavi: per evitare gli incendi domestici può essere molto utile tenere i cavi elettrici lontano da fonti di calore che ne potrebbero danneggiare i rivestimenti. Meglio, quindi, sfruttare scatole speciali, ganci per pareti o altri tipi di ancoraggi!
  4. Addio apparecchiature obsolete: il tempo tende a farsi sentire anche sui dispositivi elettrici, che potrebbero arrivare a presentare fili rovinati, prese rotte o parti bruciacchiate. Per questo conviene provvedere nel minor tempo possibile e sostituire l'apparecchio, acquistandone un altro con marchio IMQ, ovvero conforme alle normative europee per la sicurezza;
  5. Evitare di sovraccaricare la rete: prese sovraccaricate possono surriscaldarsi e causare incendi, per questo è buona precauzione non collegare più di due apparecchi e limitare l'uso di prolunghe e adattatori. Un'alternativa più sicura è rappresentata da prese multiple con protezione da sovraccarico, che si spengono automaticamente in caso di surriscaldamento;
  6. La prudenza non è mai troppa: tenere sempre estintori e note con numeri di telefono di emergenza a portata di mano, soprattutto nelle stanze più a rischio di incendi domestici.

Una soluzione specifica firmata Eaton

Una tra le principali cause di incendi domestici, dopo sovraccarichi e cortocircuiti, è il fenomeno dell'arco elettrico. Quest'ultimo è una scarica elettrica di potenza elevatissima che avviene in aria, dovuta a sovratensioni, fusioni di conduttori sovraccaricati e perdita dell'isolamento superficiale di un isolante.

Per evitare fenomeni di questo tipo Eaton ha sviluppato AFDD+, un dispositivo all-in-one di rilevamento e protezione contro tutti i tipi di guasto. La soluzione proposta dall'azienda è infatti conforme alla normativa IEC 62606, ideata per intervenire e interrompere gli archi elettrici poco evidenti ma pericolosi.

Sfrutterete i consigli forniti da Eaton?

Tags

Maria Elena Sirio

Videogiocatrice dall'infanzia, innamorata del fantasy e dell'avventura (ma, soprattutto, di Nathan Drake), con una passione per il disegno, il cinema e le serie tv, che tenta di conciliare tutti questi interessi con la facoltà di Biotecnologie.
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker