fbpx

Jaguar F-Type: nel 2020 nuova estetica, più tech e addio V6


In un mondo di SUV, Crossover e auto elettriche c’è ancora spazio per le sportive a benzina e per le Gran Turismo?
Per Jaguar si, e lo dimostra presentando il restyling della sua GT, la Jaguar F-Type.
L’estetica viene rivoluzionata all’anteriore, che si allinea alle “sorelle” più tradizionali, fanno il loro debutto nuove soluzioni tecnologiche e viene modificata anche la gamma motori.
Vediamo tutto nel dettaglio!

La F-Type: dal 2013 apprezzatissima GT, campionessa di sound

Per gli appassionati del marchio del Giaguaro la F-Type è un’auto molto speciale.
Sia nel nome che nelle forme, infatti, ricorda la più grande sportiva della Casa inglese di tutti i tempi, ovvero la E-Type.

La F-Type si pone come erede di un’auto che, come nessun altra, riuscì a coniugare eleganza e sportività, prestazioni e capacità di fare lunghi viaggi.
Prodotta dal 1961 al 1975, oltre ad aver portato innovazioni mai viste su auto di serie, prima fra tutte la presenza di un impianto frenante a 4 dischi, fu prodotta con motori 6 cilindri in linea e V12, ed è ricordata per essere una delle auto sportive migliori di tutti i tempi.

Nel 2013 è stata lanciata la versione Convertible, per il primo anno unica interprete della “famiglia” F-Type, dotata di due motori che sono musica per le orecchie di ogni appassionato, in tutti i sensi.
I motori presenti al lancio infatti erano un V6 3.0 con compressore volumetrico da 340 e 380 CV, con al top della gamma un V8 5.0 sempre sovralimentato da 490 CV.
Questi motori sono tra i pochissimi tra quelli ad alte prestazioni che non fanno uso di turbine, e tutti e due regalavano delle ottime prestazioni e, soprattutto, un sound incredibile.

Nel 2014 è stato poi il turno dell’ancor più bella ed evocativa Coupè, e con lei hanno debuttato le sportivissime R e SVR. Entrambe dotate del V8 sovralimentato, raggiungono rispettivamente i 550 e i 575 CV, capaci di entrare di prepotenza nel territorio delle Supercar.

Dopo di loro, sono arrivate le versioni a quattro ruote motrici, con cambio manuale (!) e con un inedito 4 cilindri 2.0 da 300 CV, oltre all’estrema Project 7 del 2015 da sole 250 unità.

Jaguar F-Type 2020: nuova tecnologia ed estetica: migliore o peggiore della precedente?

Dopo 7 anni di onorato servizio, Jaguar ha pensato bene di rinfrescare le features e l’estetica della sua GT per il 2020.

A dir la verità, non se ne sentiva la mancanza, vista l’estetica pressochè senza tempo della F-Type, ma il Centro Stile di Coventry ha uniformato l’estetica della F-Type con le ultime creazioni della Casa inglese.
Il frontale è più aggressivo, con una mascherina più protesa verso l’asfalto e dei fari anteriori Full-LED totalmente rinnovati. Nuove sono inoltre le prese d’aria sul paraurti anteriore, così come le maggiorate prese sul cofano anteriore.

Al posteriore, invece, le novità si registrano nelle rinnovate luci a LED posteriori (con lo stesso disegno di prima) e un disegno diverso del paraurti posteriore. Le modifiche di cui sopra riguardano sia la Coupè che la Spider.

Jaguar F-Type 2020 interni

All’interno, invece, oltre all’assenza degli accenti color rame (tasto di accensione e paddle del cambio automatico in primis), fanno il loro debutto una nuova strumentazione totalmente digitale e configurabile da 12,3 pollici e un nuovo sistema multimediale.
Sono inediti anche altri dettagli estetici e qualitativi, come nuove finiture, plastiche e assemblaggi migliorati.

La meccanica: arriva un V8 “base” e scompaiono cambio manuale e V6

Per quanto riguarda la meccanica, la Jaguar F-Type 2020 porta con sè alcune novità e, soprattutto, una dolorosa dipartita.

La base meccanica rimane invariata, con dimensioni compatte, trazione posteriore e un peso relativamente contenuto (contando che si parla di una GT e non di una sportiva dura e pura).
Nonostante gran parte dei motori siano gli stessi visti sulla precedente F-Type, Jaguar apporta delle modifiche.

Per iniziare, scompare il cambio manuale a 6 marce, mai troppo amato dalla clientela che gli ha sempre preferito l’ottimo automatico “QuickShift” a 8 marce e convertitore di coppia, che ad oggi rimane l’unica scelta possibile nella gamma F-Type.
Rimane la possibilità di scegliere la trazione integrale sulle versioni più potenti, ma la gamma pensata per l’Europa fa notare una grande mancanza.

L’apprezzatissimo 3.0 V6 sovralimentato ha infatti salutato la compagnia, almeno per quanto riguarda la gamma per il Vecchio Continente.
In Italia, infatti, sarà disponibile con l’apprezzato (ma molto meno “speciale) 2.0 4 cilindri turbo della famiglia Ingenium da 300 CV e 400 Nm di coppia.
Sopra di lui, come detto, niente più V6,  ma debutta una versione “depotenziata” del 5.0 V8 sovralimentato con compressore volumetrico.

Questo, infatti, sarà presente in una veste inedita, con 450 CV e 580 Nm di coppia, disponibile a trazione posteriore o integrale.
Al top della gamma si pone la V8 portata a 575 CV e 700 Nm di coppia, disponibile solo a trazione integrale con differenziale posteriore a controllo elettronico.
Le prestazioni di questa versione sono capaci di rivaleggiare con le più estreme Porsche 911 e Mercedes-AMG GT: 0-100 km/h in 3.7 secondi e 300 km/h autolimitati di velocità massima.
Le logiche del cambio QuickShift a 8 marce per tutte le V8 vengono riprese dalla XE Project 8, la incredibile super-berlina da 600CV del Giaguaro, garantendo cambi di marcia più veloci ed incisivi del precedente cambio.

Jaguar F-Type: novità su assetto e scarico attivo

Dove Jaguar però ha lavorato di più è sull’assetto. Jaguar infatti ha modificato sospensioni ed ammortizzatori tramite un fine tuning delle regolazioni.
É presente inoltre la possibilità di dotare la F-Type di sospensioni adattive a controllo elettronico.
Nuovi sono anche i braccetti e i giunti (ora sferici), così come le barre antirollio, con un diametro diverso volto a migliorare il mantenimento degli angoli di camber e una maggiore rigidità dell’assetto senza rendere la F-Type una “spaccaschiena”.

Infine, la Jaguar F-Type è sempre stata apprezzata per il suo sound di scarico tra i migliori nelle auto moderne.
Nonostante la dipartita del godurioso V6, il V8 5.0 rimane uno dei motori con un suono più bello tra quelli in commercio.Rimane, inoltre, uno dei pochissimi V8 che non si è piegato ai turbocompressori.

Per molti, però, è un po’ troppo rumoroso, specialmente nelle prime ore della giornata.
Per evitare di dover andare in tribunale per disturbo della quiete pubblica, allora, Jaguar ha introdotto sulla nuova F-Type la “Quiet Mode”.
Questa modalità, presente solo sulle V8, sfrutta le valvole all’interno dello scarico, di solito volte ad aumentare il sound del motore, lasciandole chiuse e permettendo una accensione e una marcia a basse velocità più silenziosa e meno “in your face”.
Per chi volesse svegliare l’intero quartiere la mattina è possibile disattivare questa impostazione prima dell’accensione, ma sicuramente per chi intende usare la F-Type come daily car sarà una soluzione molto gradita.

Prezzi, disponibilità e… una provocazione: era necessario un restyling così importante?

La Jaguar F-Type restyling sarà disponibile dai primi mesi del 2020 ed è già ordinabile, con un prezzo che parte da 66 330 euro per la Coupè 2.0 da 300 CV.

Vi lasciamo però con una provocazione: se ne sentiva la necessità? Era davvero indispensabile questo restyling?
La F-Type in questi quasi 7 anni di presenza sul mercato non ha mai sentito il peso degli anni, nè dal punto di vista delle dotazioni (i fari Full-LED erano già presenti) nè, sicuramente, dal punto di vista estetico.

L’estetica senza tempo della F-Type, infatti, seppur conservata al posteriore, ha lasciato il posto ad un frontale sicuramente più in linea con l’estetica delle altre Jaguar, ma ha perso parte del suo fascino senza tempo e classico.
La perdita in Europa del V6 (presente in altri mercati, come quello americano) è un altro punto dubbio, una mancanza solo parzialmente consolata dalla presenza del nuovo V8 da 450 CV, motore che però porta con sè costi di gestione e di manutenzione decisamente più alti rispetto al precedente V6.

Essendo la disputa incentrata sul fattore estetico, lasciamo ad ognuno lo spazio di “schierarsi” dove vuole.
Inoltre, non mettiamo in dubbio la bontà delle novità meccaniche, ambito in cui Jaguar non ha mai deluso.
Non vediamo l’ora di provarla per vedere se mantiene il fascino della prima F-Type e, perchè no, cambiare idea sul nuovo anteriore.

E voi? Cosa ne pensate? Preferite la vecchia F-Type? O apprezzate di più la nuova? Quanto siete contenti della presenza nella gamma di un V8 non turbo da “tanto” a “ne voglio 80”?

[amazon_link asins=’B07FL5NG6M,B07FJN5QLR,B001SEWBG8,B07YCSXBPB,B010Q5JK3Q,B07PZ1LQJ4′ template=’ProductCarousel’ store=’gamspri02-21′ marketplace=’IT’ link_id=’5ee6b3c5-c3ca-4cd4-9af0-57e7109d5bcb’]

Giulio Verdiraimo

author-publish-post-icon
Ho 22 anni, studio Ingegneria e sono malato di auto. Di ogni tipo, forma, dimensione. Basta che abbia quattro ruote e riesce ad emozionarmi, meglio se analogiche! Al contempo, amo molto la tecnologia, la musica rock e i viaggi, soprattutto culinari!
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link