!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js');

Kaspersky Lab: un terzo degli utenti condividerebbe i propri dati per denaro


Secondo la nuova ricerca realizzata da Kaspersky Lab, la condivisione dei dati online per ottenere vantaggi a breve termine sta lasciando i consumatori sempre più esposti ai rischi. Inoltre, è emerso che più della metà degli utenti che utilizza Internet (56% a livello globale, 63.5% in Italia) ritiene che avere una privacy totale nel mondo digitale attuale sia impossibile. Invece di difendere l’integrità dei propri dati e della propria immagine online, molti scelgono di svenderli ma con costi e conseguenze che possono essere potenzialmente rilevanti.

Statistiche globali

In particolare, una persona su cinque tra quelle coinvolte nel nuovo studio di Kaspersky Lab a livello globale (18%) ha affermato di essere disposto a sacrificare volentieri la propria privacy e a condividere i propri dati per poter ottenere qualcosa a titolo gratuito in cambio. La percentuale per l’Italia sale al 29%.

Oltre a ciò, Più di un terzo delle persone (il 39%, sia a livello globale che a livello italiano) sarebbe disposto a dare ad uno sconosciuto l’accesso totale ai propri dati privati in cambio di denaro. Gli utenti condividono sempre più facilmente i propri dati personali se possono ottenere qualcosa in cambio: l’adozione di questo approccio a breve termine potrebbe, però, portare a danni sul lungo termine.

[amazon_link asins=’B074SP8KYW,B07GXPF74J’ template=’ProductCarousel’ store=’gamspri02-21′ marketplace=’IT’ link_id=’ef453665-7dec-4141-b173-4fefb074c6ff’]

Ivan Miralli

Mi dimeno tra lo studio della Medicina e la passione per la tecnologia e i videogiochi. Romano di origini, vivo tra la nebbia della pianura padana da fin troppo.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link