fbpx
News

AirBnB: creare alloggi per gli sfollati tramite donazioni con Open Homes

A partire da oggi gli utenti della piattaforma potranno effettuare donazioni ad organizzazioni, così da supportare la creazione di alloggi per sfollati

AirBnB

A partire da oggi tutti gli utenti della piattaforma di gestione degli affitti AirBnB potranno scegliere di donare una parte dei propri compensi alle organizzazioni no-profit, così da aiutare gli sfollati a trovare un alloggio temporaneo!

Come funzionano le donazioni su AirBnB

La piattaforma permetterà a tutti gli utenti di scegliere quale percentuale detrarre automaticamente da ogni compenso e, una volta selezionata, quest’ultima verrà inviata come fondo per le organizzazioni no-profit.

A fare da esempio sono alcune associazioni partner di AirBnB, tra cui Hands and Hearts, Make-a-Wish, L’international Rescue Committee e il Mercy Corps. 

Queste ultime, appena ricevuti i fondi, li utilizzeranno per offrire degli alloggi temporanei a sfollati colpiti da disastri, malattie o conflitti.

Tutti coloro che decideranno di aderire a questa iniziativa, facente parte della sezione Open Homes del sito, potranno anche mettere in pausa, cambiare o fermare le donazioni.

Volete essere sicuri che il vostro contributo venga sfruttato nel modo giusto? Nulla da temere, perché la piattaforma ve lo permetterà inviando dei continui aggiornamenti periodici tramite mail, oltre ad un vero e proprio rapporto annuale!

Da dove nasce l’iniziativa

L’idea di aprirsi a questa possibilità delle donazioni è nata dai dati raccolti negli anni dalla piattaforma: stando a questi ultimi, infatti, se ogni host negli Stati Uniti avesse contribuito con l’1% dei suoi guadagni, i partner avrebbero potuto contribuire a trovare un alloggio per ben 2 milioni di persone nel 2019.

A spingere AirBnB ad agire è stato anche il desiderio degli utenti stessi di aiutare i meno fortunati. Spesso gli host vorrebbero infatti aiutare tutti coloro colpiti da una crisi, ma non sempre ne hanno la possibilità o possono aprire le loro case.

L’iniziativa permetterà così a tutti coloro che vogliono fornire un supporto agli sfollati di farlo in modo diretto e semplice, davvero capace di avere un impatto!

Fonte
venturebeat
Tags

Maria Elena Sirio

Videogiocatrice dall'infanzia, innamorata del fantasy e dell'avventura (ma, soprattutto, di Nathan Drake), con una passione per il disegno, il cinema e le serie tv, che tenta di conciliare tutti questi interessi con la facoltà di Biotecnologie.
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker