fbpx
FeaturedNewsTechViaggi

KLM investirà nello sviluppo di un aeroplano Flying-V super-efficiente

Lo sviluppo di un aeroplano super-efficiente a forma di V, conosciuto anche come Flying-V, sarà possibile grazie all’investimento di KLM, la compagnia di bandiera dei Paesi Bassi. L’obiettivo è quello di migliorare l’efficienza e la sostenibilità ambientale dei viaggi aerei, con costi ridotti dovuti al minor utilizzo di carburante.

Flying-V diventerà realtà grazie a KLM?

Il design futuristico del Flying-V è stato concepito da Justus Benad, allora studente dell’Università Tecnica di Berlino, ed è stato sviluppato dai ricercatori dell’Università della Tecnologia di Delft (UT Delft, Paesi Bassi). Nel progetto sono incluse la cabina peri passeggeri, il serbatoio e la stiva.

Questo modello di aereo dovrebbe essere in grado di utilizzare il 20% in meno di carburante rispetto ad un Airbus A350-900, trasportando un numero simili di passeggeri (314 per il Flying-V contro 300-350 per l’Airbus). Anche l’apertura alare è simile, permettendo l’utilizzo delle infrastrutture già esistenti.

KLM Flying-V
Credits: Edwin Wallet, OSO Studio

Negli ultimi anni, KLM si è posta come pioniere della sostenibilità nell’industria aeronautica” ha dichiarato Pieter Elbers, CEO e Presidente di KLM “Siamo fieri della nostra progressiva cooperazione con TU Delft, che si sposa con la strategia di KLM e ci fa raggiunge un importante traguardo nella strada di un’aviazione sostenibile

Il trasposto aereo contribuisce al 2.5% delle emissioni globali di CO2, e l’industria è ancora in crescita, per questo è importante puntare a modelli di aereo più sostenibili” ha detto Roelof Vos, project leader presso TU Delft “Non possiamo semplicemente rendere elettriche le intere flotte, perché gli aerei elettrici sono molto più pesanti [di un aereo normale] e non è possibile trasportarci passeggeri da una parte all’altra dell’Atlantico -né ora, né tra 30 anniDobbiamo quindi trovare nuove tecnologie che riducano il consumo di carburante

I modelli attuali sono in giro da decine di anni ormai, e sembra che, per questa configurazione, si stata ormai raggiunta la massima efficienza energetica. Abbiamo quindi proposto un nuovo design che realizzi una sinergia tra la fusoliera e le ali. La fusoliera contribuisce così attivamente alla portanza del mezzo, creando meno resistenza aerodinamica“.

Vos ha aggiunto che, oltre alla forma, anche il peso ridotto fa la differenza. Sono però ancora necessari molti test, oltre alle simulazioni numeriche e i test preliminari nella galleria del vento. “Dovremo testare il design sia a basse che ad alte velocità, per dimostrare la sua effettiva efficienza”

I ricercatori sperano di far volare un modello in scala già per Settembre. Una replica della nuova cabina sarà visibile al pubblico presso l’aeroporto Schiphol di Amsterdam ad Ottobre, come parte della celebrazione per i 100 anni di KLM. L’aereo vero e proprio dovrebbe entrare in servizio tra il 2040 e il 2050. Insomma, un bel po’ di anni, ma da qualche parte bisognerà cominciare, e quello di oggi è stato già un importante passo nella giusta direzione.

Fonte
CNN Travel
Tags

Giovanni Natalini

Chi mi conosce mi definisce come una persona 'entusiasta' e 'appassionata': scienza, tecnologia, ma anche fumetti, podcast, meme, Youtube e videogiochi. A tempo perso, sto finendo una laurea magistrale in Ingegneria Elettronica.
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker