fbpx
NewsTech

LegalFling: l’app che crea contratti per il consenso sessuale

LegalFling app legalthings

In questi giorni segnati dalle notizie che vedono tristemente protagonisti i divi di Hollywood (ma anche studi di sviluppo di videogiochi come Quantic Dream), un'app nata per dare il consenso prima del sesso non sembrerebbe più un'invenzione fantascientifica. No, non siamo in un episodio di Black Mirror: LegalFling esiste davvero e potrebbe presto approdare sui nostri smartphone.

LegalFling, facile come spedire un messaggio su Whatsapp

Questo singolare progetto nasce dalle menti del team olandese LegalThings. L'idea alla base dell'applicazione, come anticipatovi, sta nel poter offrire agli utenti di LegalFling (qui il sito dell'azienda) la possibilità di generare un contratto in cui si richiederà la firma di un secondo individuo. Lo scopo? Stabilire il consenso preventivo per un rapporto sessuale.

L'app offre inoltre la possibilità di determinare i termini del contratto, che includono l'adozione di metodi contraccettivi, la diffusione online di foto e video, pratiche BDSM e l'utilizzo di un linguaggio esplicito. Accettando tali termini, entrambe le parti saranno coinvolte in un accordo del tutto legale. Il tutto verrà proposto attraverso una semplice richiesta tramite l'apposita interfaccia, quasi come se fosse un normale messaggio inviato su Whatsapp.

Altra curiosità legata al funzionamento di LegalFling riguarda una particolare opzione con cui entrambi gli utenti coinvolti potranno regolare la durata del contratto, per gli appuntamenti occasionali o per vere e proprie relazioni a lungo termine. I fan della serie originale Netflix Black Mirror avranno già notato l'inquietante somiglianza con la trama dell'episodio Hang the DJ.

Per rendere sicuro ciascun contratto generato all'interno dell'applicazione – e per garantire la privacy di tutti gli utenti – LegalFling utilizzerà la tecnologia blockchain, la stessa su cui si basa lo scambio di criptovalute come Bitcoin.

Quella concepita da LegalThings è senz'altro un'idea decisamente originale, ma toccherà a Google e Apple decidere se LegalFling potrà essere scaricato sui nostri smartphone.

Voi che ne pensate?

Team di redazione

L'account della redazione di Tech Princess e Tech Business.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button