fbpx
NewsTech

LG guida lo sviluppo della tecnologia 6G sulla banda THz

L'obiettivo è stabilizzare il segnale e ridurre le perdite di potenza

LG Electronics è riuscita a trasmettere e ricevere con successo dati wireless sfruttando una banda 6G terahertz (THz), su 100 metri e in un ambiente outdoor (in esterna). Il risultato è stato raggiunto grazie alla collaborazione con il laboratorio di ricerca applicata più grande d’Europa, il Fraunhofer-Gesellschaft.

La tecnologia 6G THz presenta una portata ridotta, e durante la trasmissione e la ricezione tra antenne si verifica una perdita di potenza. E’ quindi necessario amplificare la potenza per stabilizzare il segnale tramite frequenze a banda ultra larga.

LG e le innovazioni nel campo della banda 6G THz

L’amplificatore di potenza genera un segnale in uscita stabile fino a 15dBm, in una gamma di frequenza compresa tra 155 e 175 GHz. LG ha implementato con successo la tecnologia di beamforming adattivo, così da direzionare il segnale, e la commutazione di antenna HGA (High – Gain Antenna).

La standardizzazione nel mondo è stimata per il 2025, con la commercializzazione prevista entro i 4 anni seguenti. Le reti 6G in futuro dovrebbero garantire una trasmissione senza fili dei dati più rapida, con una latenza bassa e un alto livello di affidabilità.

In questa area, LG sta spianando la strada già da diversi anni. Nel 2019 ha creato il LG-KAIST 6G Research Center, in collaborazione con il Korea Advanced Institute of Science and Technology. La compagnia è stata scelta inoltre per la presidenza dell’Applications Working Group della Next G Alliance, come guida allo sviluppo della tecnologia 6G in Nord America.

Tale ruolo dovrebbe durare per oltre un decennio, a testimonianza dell’impegno di LG nei confronti del nuovo standard tecnologico.

Le parole di DR. I.P. Park

Dr. I.P. Park, presidente e CTO di LG Electronics, ha dichiarato:

“La buona riuscita di questo test dimostra che siamo sempre più vicini al successo dell’applicazione dello spettro di comunicazione THz (terahertz) nell’imminente era 6G. Le nostre partnership con istituzioni e organizzazioni di ricerca locali e globali per far progredire lo sviluppo delle capacità 6G stanno portando ottimi risultati”.

Source
Comunicato Stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button