fbpx
AttualitàCulturaSpettacoli

Lucca Comics & Games è tornata, il diario del primo giorno

Venite con noi tra le strade del Festival toscano...

Lucca Comics & Games 2021 ha aperto ufficialmente le porte oggi 29 ottobre. Dopo gli eventi degli ultimi mesi, ritorna uno dei Festival più amati in Italia (e non solo) dedicati al mondo del fumetto, del gioco e dell’intrattenimento. Noi eravamo presenti e siamo pronti a portarvi per mano in questo mondo, con un diario di viaggio di cui questa è la prima puntata. Salite sulla navicella con noi per partire verso le stelle…

Lucca Comics & Games, primo giorno tra mondi fantasy e leggende del fumetto

Nonostante fosse la prima giornata, l’unica non festiva di questa edizione, non si può certo dire che il Festival si sia risparmiato, anzi. Lucca Comics & Games 2021 è partita decisamente con il botto. Già oggi infatti non mancavano gli ospiti internazionali di grande livello, pronti a incontrare le migliaia di partecipanti presenti.

Oggi infatti la grande attenzione era focalizzata su The Witcher, serie Netflix basata sui romanzi fantasy di Andrzej Sapkowski, da cui già è nata una premiatissima serie di videogiochi. Direttamente dallo show erano presenti la showrunner Lauren Schmidt Hissrich, la costumista Lucinda Wright, il production designer Andrew Laws oltre che Joey Batey e Kim Bodnia, interpreti rispettivamente di Jaskier e Vesemir, che hanno incontrato i fan, per raccontare qualche anticipazione sulla seconda stagione, in arrivo fra poche settimane sulla piattaforma. Il nostro Stefano ha potuto incontrarli in una speciale occasione dedicata alla stampa e potete scoprire cosa ci hanno raccontato.

Non erano però gli unici grandi ospiti internazionali presenti. La mattina infatti era presente al Festival un grande Maestro del fumetto, ovvero Frank Miller. Un autore chiave della storia del medium, che ha contribuito a creare l’immaginario moderno di Daredevil, Batman e molti altri. A Lucca Comics & Games 2021 è stato possibile vedere Frank Miller – American Genius, documentario dedicato a questo grande artista. Alla fine della proiezione poi è arrivato proprio lui sul palco, per raccontarsi al pubblico e regalare un assaggio della sua incredibile esperienza.

E ancora, oggi è stata svelata al pubblico una speciale installazione che unisce due anime solo apparentemente lontane. Si tratta di un progetto di MINI, che per la terza volta torna a Lucca Comics & Games, con un’opera d’arte curata dal duo Solo & Diamond. Vi abbiamo raccontato tutto in questo articolo.

L’atmosfera che era mancata

Al di là degli appuntamenti e degli ospiti (di cui vi abbiamo citato solo qualche proposta, nel grande piatto proposto dal Festival) quello che davvero si è vissuto oggi a Lucca Comics & Games è stato un ritorno. Il significato di questa manifestazione è sempre stato quello di comunità. Ogni anno tornare qui tra le strade lucchesi significa ritrovarsi con amici cari, anche se li vedi solo una volta all’anno o addirittura non li hai mai visti prima.

Essere qui, dopo due anni dall’ultima edizione digitale, è già di per sé un’emozione. Tutto, dalla preparazione alla trasferta a ogni incontro, è stato toccante. Mettersi alla finestra della sala stampa al primo piano e vedere la Piazza Napoleone, luogo che da anni ospita il padiglione principale dedicato ai fumetti e uno dei cuori del Festival, ripopolarsi di persone che sorridevano e tornavano a vivere le proprie passioni in maniera così intensa fa quasi venire le lacrime agli occhi.

Si tratta indubbiamente di un’edizione di Lucca Comics & Games particolare. Rispetto al passato, per ovvi motivi, ci sono spazi differenti e un numero di persone più contenuto. Ma questo non ha inciso in maniera significativa su ciò che davvero rende unica questa manifestazione. Insomma, ora davvero possiamo accantonare i dubbi e dire che Lucca Comics & Games è tornata.

Ora vi salutiamo. Andiamo a seguire gli ultimi appuntamenti della giornata, fare qualche giro tra gli stand e soprattutto ci concentriamo su un aspetto fondamentale di ogni trasferta (soprattutto in Toscana): la cena. Ci risentiamo domani!

Mattia Chiappani

Ama il cinema in ogni sua forma e cova in segreto il sogno di vincere un Premio Oscar per la Miglior Sceneggiatura. Nel frattempo assaggia ogni pietanza disponibile sulla grande tavolata dell'intrattenimento dalle serie TV ai fumetti, passando per musica e libri. Un riflesso condizionato lo porta a scattare un selfie ogni volta che ha una fotocamera per le mani. Gli scienziati stanno ancora cercando una spiegazione a questo fenomeno.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button