fbpx
Lifestyle

Quante medaglie porteremo a casa da Tokyo 2020?

Tutte le previsioni per il medagliere italiano a Tokyo 2020

Comincia inesorabile il countdown per le Olimpiadi di Tokyo 2020. Dopo tanta attesa, domani l’Imperatore Naruhito inaugurerà la 18esima edizione dei Giochi, in cui i nostri atleti sperano di battere l’attuale record di vittorie del Paese. Stando alle previsioni sul medagliere olimpico dell’Italia, infatti, dovremmo portare a casa un minimo di 29 medaglie – una in più di Rio 2016 -, fino ad un massimo di 41. Un numero importante, ma raggiungibile, soprattutto considerando i numerosi colpi di scena che stanno contraddistinguendo questa Olimpiade. Cerchiamo allora di capire quali sono le discipline in cui saliremo sul podio. E quali gli atleti che coroneranno il sogno sportivo italiano.

Medagliere olimpico Italia: le previsioni per Tokyo 2020

Si avvicinano le Olimpiadi di Tokyo 2020, e con esse anche le previsioni sul medagliere olimpico dell’Italia. Stando ad alcuni esperti, che si sono basati sulle prestazioni dei nostri atleti alle Olimpiadi e Mondiali precedenti, potremmo portare a casa fino a 41 medaglie. Di queste 8 ori, 15 argenti e 18 bronzi. Ben più prudente, invece, la previsione dell’Agenzia AP, che si dimostra molto in linea con le aspettative del CONI. Le medaglie italiane, in questo caso, potrebbero essere 32: 6 ori, 15 argenti, 11 bronzi. Ma quali saranno davvero le discipline in cui i nostri atleti riusciranno a guadagnarsi un posto sul podio?

Scherma

Nonostante la Vezzali e la Di Francisca siano solo un ricordo della disciplina, l’Italia sembra avere più di una possibilità di salire sul podio con gli atleti della delegazione nazionale della scherma. Alessio Foconi è una delle migliori “frecce al nostro arco”: numero uno nel ranking del fioretto, il 31enne romano è pronto a salire sulla pedana di Tokyo per portare il suo contributo al medagliere olimpico dell’Italia. Il team del fioretto femminile, Volpi-Errigo-Batini, sono pronte a riportare a casa una medaglia d’oro nella disciplina a squadre. Rossella Fiamingo, specialista della spada che ha già conquistato una medaglia d’argento a Rio, è pronta a salire sul podio anche a Tokyo 2020.

Nuoto

medagliere olimpico Italia

Sappiamo bene che la piscina olimpionica è il luogo da cui attingiamo il maggior numero di medaglie. E quella di Tokyo non sarà da meno. Federica Pellegrini, all’età di 33 anni, punta alla finale di 200 stile. Ma non è la sola atleta italiana a puntare al podio. Nonostante la sua recente mononucleosi, Gregorio Paltrinieri è più che deciso a vincere una medaglia in tre diverse discipline: 800 e 1500 in vasca, 10 km in acque libere. Forse un sogno italiano, eppure è probabile che il nuotatore di Carpi riesca a guadagnare tre ori su tre. Un bell’incentivo per il medagliere olimpico dell’Italia.

A sognare il podio c’è anche Margherita Panziera, che ha già vinto un oro nei 200 dorso agli Europei di Budapest. E poi Alessandro Miressi e Simona Quadarella, entrambi esperti dello stile libero. Immancabile anche il nome di Benedetta Pilato, specializzata nella disciplina della rana. Infine, come dimenticare il Settebello, che già da anni porta non poche medaglie nel medagliere olimpico dell’Italia. Una certezza, che sarà riconfermata a Tokyo 2020.

Altri sport

Se il nuoto e la scherma sono discipline che da sempre ci regalano medaglie preziose, ci sono tantissimi altri sport in cui gli atleti italiani hanno la possibilità di conquistare una medaglia. Jessica Rossi nel tiro, Manuel Lombardo nel judo, Vanessa Ferrari nella ginnastica e Filippo Ganna nel ciclismo sono solo alcuni dei nomi con cui l’Italia cercherà di incrementare il medagliere olimpico. Non mancano neppure delle ottime possibilità nelle discipline che debuttano quest’anno ai Giochi Olimpici: Luigi Busà nel karate, Ludovico Fossali nell’arrampicata e Leonardo Fioravanti nel surf, il primo italiano a qualificarsi alla World Surf League che potrebbe regalarci una medaglia in uno sport del tutto nuovo per le Olimpiadi. Infine, non dimentichiamoci che la pallavolo ci ha dato grandi soddisfazioni a Rio, e potrebbe regalararcene di nuove. Sia nella pallavolo sia nel beach volley maschile. In ogni caso, lo sapremo solo nelle prossime settimane. Nel frattempo, potremmo aprire qualche scommessa intra nos.

Chiara Crescenzi

Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button