fbpx
Modulo autocertificazione per uscire

Modulo autocertificazione per uscire: ora è digitale con un app
Nella fase 2 potremo finalmente dire addio al cartaceo ed usare invece una comoda applicazione


Il modulo di autocertificazione per uscire sta per diventare digitale. Anzi, meglio: sta per diventare un’applicazione. È questa l’evoluzione prevista dall’ormai famosa “Fase 2“, quel periodo di transizione che ci permetterà finalmente di uscire di casa e che anticiperà il ritorno alla normalità. Per ora però, ricordatevi di continuare a stampare l’ultima versione della autocertificazione del 26 marzo 2020.

Modulo autocertificazione per uscire diventa digitale

Non abbiamo ancora la certezza ma la task force guidata dal’ex AD di Vodafone Vittorio Colao, e creata proprio per definire proprio la Fase 2 dell’emergenza, sta valutando l’ipotesi. Niente di complicato. L’applicazione infatti prevederebbe l’inserimento dei propri dati, della situazione sanitaria e dei test effettuati per poi gestire in autonomia le autocertificazioni.

L’app dovrebbe inoltre servire a tracciare gli spostamenti, integrando un utile sistema di allerta per segnalare soprattutto chi è risultato positivo (ve ne avevamo parlato proprio in questo articolo).

Per ora non ci sono altre informazioni sul modulo di autocertificazione digitale. Comprensibile considerando che la 
Fase 2 sarà particolarmente complessa e articolata, potenzialmente più difficile da gestire rispetto a questo primo periodo di clausura forzata. La Commissione Colao sta quindi lavorando su diversi fronti e potrebbe volerci ancora qualche giorno o addirittura settimana prima di vedere questa fantomatica applicazione.

Lo sappiamo, siete preoccupati per la privacy. Vi segnaliamo però che in Corea è stato adottato lo stesso metodo con grande successo, perché quindi non dovrebbe funzionare anche da noi?

In ogni caso non ci resta che attendere per capire come si evolverà la situazione.


Erika Gherardi

author-publish-post-icon
Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link