fbpx
museo scienza milano

Al Museo della Scienza di Milano ripartono le attività nei laboratori
Accessibile anche la Sala del Cenacolo


Nel rispetto delle disposizioni dell’ultimo DPCM in merito alle misure di contenimento della diffusione del Covid-19, al Museo Nazionale Scienza e Tecnologia di Milano ripartono ogni weekend le attività nei laboratori interattivi e nella Tinkering Zone. Tali attività sono prenotabili contestualmente all’acquisto di un biglietto di ingresso al museo.

Le novità del Museo della Scienza di Milano

Il Museo Nazionale Scienza e Tecnologia di Milano annuncia la ripresa delle attività nei laboratori interattivi e nella Tinkering Zone. Tali attività sono prenotabili contestualmente all’acquisto del biglietto. Nell’i.lab Leonardo è possibile sperimentare le sue macchine e realizzare affreschi con le tecniche del Rinascimento. Nella Tinkering Zone, invece, si potrà giocare con batterie, led, fogli e circuiti di carta per creare particolari messaggi luminosi.

Da notare anche la riapertura delle esposizioni permanenti EXTREME, dedicata alla fisica delle particelle elementari, e Telecomunicazioni, dedicata alle recenti trasformazioni digitali ed alla storia di telegrafi, telefoni, radio e reti. C’è anche un viaggio intorno al cibo con FoodPeople.

Da notare, inoltre, che, per la prima volta, sarà possibile ammirare le bellezze della Sala del Cenacolo. L’antico refettorio del Monastero Olivetano di San Vittore entra a far parte del percorso di visita. Tutti i visitatori del Museo Nazionale Scienza e Tecnologia di Milano, situato in Via San Vittore 21, potranno ammirare le bellezze della sala. +

Biglietti e giorni d’apertura

Il Museo delle Scienze di Milano è visitabile ogni settimana. L’accesso è consentito da martedì a venerdì dalle ore 9.30 alle ore 17 e il sabato e festivi dalle ore 9.30 alle 18.30. Il sabato e la domenica ci sono visite guidate gratuite alla scoperta di alcune icone della collezione. Nonostante sia possibile l’acquisto in biglietteria, è consigliabile acquistare online il biglietto dal sito del museo.

Offerta

Davide Raia