fbpx
MotoriNews

My BMW App e MINI App arrivano in tanti nuovi mercati

Le applicazioni dei due brand offrono informazioni complete sul proprio veicolo

BMW Group continua ad espandere i mercati di disponibilità delle sue applicazioni, My BMW App e MINI App. Le due applicazioni possono contare su di un’architettura software innovativa, scalabile ed universale che semplifica le procedure di lancio in altri mercati. L’architettura è sviluppata “in-house” dall’azienda utilizzando Flutter, il kit di sviluppo UI open source di Google per il linguaggio di programmazione.

My BMW App e MINI App arrivano in nuovi mercati

Continua il programma di espansione delle app del gruppo bavarese. My BMW App, già disponibile in 30 mercati europei, in Cina ed in Corea, si prepara al debutto in nuovi mercati. L’applicazione è in arrivo in Giappone, Australia e altri 10 Paesi. Da notare, inoltre, che dalla metà del mese di aprile è previsto il lancio negli Stati Uniti ed in Canada. Nel corso di questo mese, quindi, l’app sarà disponibile in cinque diversi continenti.

Per quanto riguarda la MINI App, invece, i programmi di espansione sono ugualmente ambiziosi. L’applicazione, già presente in 33 mercato (principalmente in Europa) è in arrivo in Russia, negli Stati Uniti, in Cina, Giappone, Australia ed in altri 17 Paesi. In questo modo, l’app sarà a disposizione di un gran numero di clienti del brand.

Disponibili per Android e iOS

Sia la My BMW App che la MINI App possono essere utilizzate su Android e iOS. Le due applicazioni, infatti, sono disponibili per il download gratuito dal Play Store di Google e dall’App Store di Apple. Le due applicazioni rappresentano la nuova interfaccia universale per le vetture BMW e MINI. Grazie alle app è possibile ottenere informazioni sul proprio veicolo in qualsiasi momento.

BMW, M Motorsport Design, ombrello tascabile originale
  • Manico morbido al tatto e punta con motivo ispirato ai pneumatici.
  • Apertura rapida e automatica e pulsante di scatto integrato.
  • Asta con logo BMW sul manico.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button