fbpx
CulturaNewsTech

MyLee di MyMilk Labs: un sensore che analizza il latte materno in casa

MyMilk Labs lancia un dispositivo molto utile ai neo-genitori. Scopriamo come funziona!

A molte donne incinte viene detto che l’allattamento al seno arriverà in maniera naturale, ma è spesso un’esperienza particolare, specialmente durante le prime settimane dopo la nascita. I genitori spesso si preoccupano se i loro bambini stanno ricevendo il giusto apporto nutritivo o se le mamme stanno producendo abbastanza latte. MyMilk Labs vuole fornire maggiori informazioni alle madri che allattano con Mylee, un sensore che analizza alcune gocce di latte materno per ottenere informazioni sulla sua composizione e connettersi ad un’app mobile.

Con sede in Israele, MyMilk Labs è stata fondata nel 2014 da Ravid Schecter e Sharon Haramati. I due si sono incontrati mentre lavoravano ai dottorati in neuroimmunologia e neurobiologia, al Weizmann Institute of Science.

Come funziona?

Dispositivo MyleeDurante la presentazione sul palco della compagnia, Schecter ha affermato che il dispositivo dovrebbe fornire a madri e consulenti per l’allattamento informazioni obiettive sul latte materno.

Il latte materno cambia nei primi giorni e nelle prime settimane dopo la nascita, passando dal colostro al latte maturo. Mylee analizza le proprietà elettrochimiche del latte e quindi le correla con i dati basati sulla ricerca di MyMilk Labs. Questa analisi calcola dove si trova il campione sul continuum, quindi dice alle madri se il loro latte è “ritardato” o “avanzato”, rispetto al tempo che è passato da quando hanno partorito.

Quanto costa?

Il Mylee è stato lanciato a Disrupt con un prezzo di pre-ordine di $ 249 (il suo prezzo normale è $ 349).

La prima versione del dispositivo è attualmente in fase beta con i consulenti per l’allattamento che lo hanno utilizzato per scansionare campioni di latte di 500 madri.

Altri kit di MyMilk Labs

MyMilk Labs dispone già di kit per test del latte materno che consentono alle madri di fornire a casa un piccolo campione che viene poi inviato ai laboratori di MyMilk Labs per l’analisi. Uno è un pannello nutrizionale che fornisce informazioni sui livelli di vitamine B6, B12 e A del latte, calorie e percentuale di grasso, insieme a raccomandazioni dietetiche per la madre. Un altro panel si concentra su ciò che sta causando dolore al seno, una lamentela frequente per le madri che allattano. Esamina le infezioni batteriche o fungine e fornisce suggerimenti antibiotici a seconda dei ceppi rilevati.

Sul palco Haramati ha affermato che MyMilk Labs prevede di trasferire eventualmente alcune funzionalità di questi test su Mylee.

[amazon_link asins=’B00SN4GQTY,B01G3JYBJC,B07CWKTBJQ’ template=’ProductCarousel’ store=’gamspri02-21′ marketplace=’IT’ link_id=’05563652-504f-4d4e-9ba3-55040d552b07′]
Via
TechCrunch

Roberta Catania

Da sempre grande lettrice di libri e fumetti, amante della tecnologia, del cinema e delle serie TV. Nella vita di tutti i giorni mi divido tra il Diritto, la Psicologia e la Criminologia. Personaggio preferito: Barbara Gordon - Citazione preferita "I promise loyalty. I promise secrecy and I promise courage" - Oracle

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button