fbpx
AttualitàCulturaNews

L’App Immuni potrebbe funzionare anche da passaporto vaccinale

L’App Immuni potrebbe servire non soltanto per il tracciamento dei contagi, ma anche come interfaccia digitale per il passaporto vaccinale. Ebbene sì, avete letto bene. L’applicazione che in Italia non ha riscosso il successo aspettato ora potrebbe cambiare funzionalità. L’idea è di Vittorio Colao, Ministro per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale, che sembrerebbe intenzionato a dare una seconda chance a questo strumento digitale.

Passaporto vaccinale: così Colao propone l’App Immuni

Immuni non ha avuto un grande successo di pubblico, ma potrebbe avere una utilità futura in ottica di passaporto vaccinale“, così il Ministro Colao ha proposto di utilizzare l’App per digitalizzare il documento che permetterà agli Italiani di muoversi liberamente sul territorio nazionale. Laddove necessario, basterà aprire l’applicazione per mostrare il passaporto in formato digitale. Un funzionamento pratico e veloce, senza dubbio.

Al momento, però, non sappiamo quando davvero Immuni potrebbe cominciare a supportare questa nuova funzione. Probabilmente prima di quanto si creda. Soprattutto stando a quanto riferito dal Primo Ministro Mario Draghi, che ha ipotizzato la possibilità di ricominciare a viaggiare tra regioni soltanto per coloro in possesso di un pass che ne attesti la vaccinazione, la guarigione o la negatività. Quando questa fase avrà davvero inizio, sarà necessario avere un passaporto vaccinale digitale da mostrare alle autorità competenti.

Ed è allora che Immuni cambierà interfaccia per garantire agli Italiani di ricominciare a muoversi in totale tranquillità. Certo, è probabile che la proposta del Ministro Colao sia anche legata all’evidente insuccesso dell’App, che finora ha raccolto soltanto 10 milioni e 417 mila download. Complice il meccanismo complesso dell’inserimento dei dati ed altre problematiche legate alla complessa gestione dell’applicazione. In ogni caso, per rendere Immuni il nuovo supporto del pass vaccinale ci sarà bisogno di non pochi aggiornamenti, il che significa che non potremo vederla prima di qualche mese.

Chiara Crescenzi

Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button