fbpx
CulturaTech

La ricetta di Rakuten TV: 4K HDR e grande cinema direttamente a casa vostra

Abbiamo incontrato il team di Rakuten TV ad IFA 2019 per capire qual è la ricetta del loro incredibile boom

BERLINO – Per certi versi Rakuten TV – la divisione del colosso giapponese che si occupa dell’omonima piattaforma – mi ha ricordato una startup: l’entusiasmo, la passione e l’improvviso boom sembrano quelli delle imprese alle prime armi, quelle con tanta voglia di fare e la certezza di avere un prodotto vincente tra le mani.

Il prodotto, in questo caso, è una piattaforma di streaming che ha deciso di puntare due elementi: la selezione ed inclusione di film hollywoodiani e la risoluzione.

Grande cinema e 4K: la ricetta di Rakuten TV

Jacinto Roca, CEO Rakuten TV
Jacinto Roca, CEO Rakuten TV

Lo so, state pensando che tutti i servizi analoghi offrono lungometraggi che, all’inizio della loro “carriera”, sono passati per i cinema italiani ed esteri. Qual è quindi la differenza tra Rakuten TV e la concorrenza? A spiegarmelo Jacinto Roca, CEO dell’azienda, con cui ho avuto modo di scambiare quattro chiacchiere durante l’IFA 2019:Ci siamo posti un obiettivo ambizioso: portare le grandi opere di Hollywood dalle sale cinematografiche alle TV degli utenti in circa 3 mesi.” Un tempo quasi record.

Questo però non bastava. Ecco perché Rakuten TV ha voluto focalizzarsi sul 4K, dando vita ad un catalogo in Ultra HD che, al momento, non ha assolutamente rivali.

Tutto questo, vi ricordo, riguarda unicamente le pellicole cinematografiche, mentre al momento il servizio – pur avendo qualche titolo nella sua libreria – non sembra interessata al fiorente mercato delle serie TV: “Preferiamo concentrarci sui film – mi spiega Roca – Ci sono altre piattaforme che coprono egregiamente questo settore proponendo anche contenuti originali. Produzioni che richiedono investimenti davvero impegnativi”.

Le partnership con i grandi produttori di televisori

Rakuten TV homepage

Nell’ultimo anno – mi racconta invece Fabiana Cumia, Communications & PR Director EMEA dell’azienda – siamo davvero esplosi”.

Come? Puntando sulle partnership con i produttori di televisori. Sono nati così gli accordi con Hisense, Panasonic, Sony, Samsung, Philips e LG, accordi che hanno permesso a Rakuten TV di avere un tasto dedicato sul telecomando che accompagna gli ultimi apparecchi lanciati sul mercato.

Perché è una svolta colossale?

Provate ad immaginarvi questa situazione: avete acquistato un nuovo televisore smart, lo montate, sprofondate sul divano, lo accendete e, ad un certo punto, accanto ai pulsanti di Netflix e Prime Video notato quello di Rakuten TV. Che fate? Non provate a capire di che cosa si tratti?

Basta un clic per passare da ignari consumatori a potenziali utenti interessati al servizio. 

È così che migliaia di persone – sparse in ben 42 Paesi, quelli coperti dal servizio – hanno incontrato Rakuten TV nell’ultimo periodo.

Una volta dentro poi è difficile non apprezzare la selezione fatta dalla piattaforma, una piattaforma che vi consente di vedere le pellicole più amate senza dover aspettare i tempi biblici a cui ci hanno abituati i concorrenti. Pensate che l’11 settembre potrete guardare il live action di Aladdin, uscito nelle sale meno di 4 mesi fa, mentre il 19 settembre potrete godervi X-Men – Dark Phoenix, sbarcato al cinema a giugno.

E il futuro? 

La squadra di Rakuten TV ha i piedi ben piantati a terra: per ora vogliono focalizzarsi sull’ampliamento del catalogo, puntando soprattutto sui contenuti in 4K HDR.

Questo però non gli impedisce di sperimentare: il team sta già studiando l’8K, così da essere pronti quando questa tecnologia riuscirà a conquistare le case dei consumatori.

Tags

Erika Gherardi

Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker