FeaturedRecensioniVideogiochi

Recensione Far Cry New Dawn: diciassette anni dopo l’apocalisse

Cosa ci attende in questa nuova Hope County?

Il 15 Febbraio 2019 è stato pubblicato Far Cry New Dawn, spin-off e sequel dell’omonima serie che ha catturato il mondo, disponibile per Xbox One, PlayStation 4 e PC.

Dopo diciassette anni è arrivato il momento di ritornare a Hope County, nel Montana, dove ci attendono nuove sfide e nuovi luoghi da esplorare.

Questa nuova creazione di Ubisoft ci avrà convinti? Scopritelo nella nostra recensione!

LEGGI ANCHE: La nostra recensione di Far Cry 5

Diciassette anni dopo

La storia presentata su Far Cry New Dawn ha luogo diciassette anni dopo gli eventi accaduti su Far Cry 5. Dopo che l’evento nucleare ha devastato il mondo, i sopravvissuti tentano di ricostruire la comunità nella contea di Hope.

I loro sforzi però sono minacciati dagli Highwaymen, un gruppo itinerante di banditi organizzati guidati dalle sorelle gemelle Mickey e Lou. I sopravvissuti sono quindi costretti a formare un’alleanza con New Eden nonostante essi possano rappresentare una minaccia maggiore rispetto agli Highwaymen.

Fin da subito New Dawn si presenta come il suo predecessore, molti elementi sono infatti simili come le armi, le risorse e vari oggetti che potremo usare. Ciò però non significa che il titolo sia uguale a Far Cry 5 anzi, si tratta di un prodotto molto differente sebbene presenti alcune similarità.

La nostra avventura avrà luogo a Hope County, luogo in cui avremo la possibilità di esplorare nuove aree del Montana, “venute al mondo” dopo la guerra nucleare del capitolo precedente. Nuovi personaggi faranno il loro ingresso e volti noti faranno, invece, il loro ritorno.

In questo titolo assumeremo il ruolo di un nuovo personaggio, soprannominato il “Capitano”, che fa parte di un gruppo che viaggia nel paese assistendo altri gruppi di sopravvissuti bisognosi. Il genere e la razza del nostro personaggio sono inoltre personalizzabili.

Simile ma differente

Far Cry New Dawn Tech Princess 3

Far Cry New Dawn, come detto precedentemente, è simile a Far Cry 5: si tratta di uno sparatutto in prima persona ambientato in un open world che i giocatori possono tranquillamente esplorare a piedi o attraverso i veicoli disponibili.

Una delle nostre principali preoccupazioni sarà quella di far prosperare il nostro quartier generale e per fare ciò avremo bisogno di esplorare a fondo la nostra mappa per trovare componenti, etanolo e anche personaggi che intendano aiutarci a far crescere il posto.

Grazie a ciò potremo, di conseguenza, sbloccare nuove armi, oggetti e veicoli più potenti in grado di aiutarci nel corso della nostra avventura. Tra le nuove aggiunte, poi, troviamo nuove armi, modificabili attraverso varie missioni e i veicoli che potremo tranquillamente realizzare a nostro piacimento.

Anche qui potremo aumentare gli slot per le armi e le munizioni, equipaggiare la tuta alare, il rampino e migliorare l’inventario per i kit medici.

Potremo inoltre reclutare sopravvissuti ed animali che ci saranno di grande aiuto durante il combattimento, proprio come in Far Cry 5. Questo significa anche che avremo compagnia nel corso delle nostre avventure.

Abilità e caccia al tesoro

Far Cry New Dawn Tech Princess 5

Un elemento che lascia con l’amaro in bocca riguarda le abilità che si possono sbloccare grazie ai punti esperienza che guadagniamo: esse sono fin troppo classiche e non hanno nulla che possa essere considerato particolare.

Ci sarà anche la possibilità di prendere parte a cacce del tesoro per liberare diversi accampamenti nemici. Si tratta di accampamenti dei Guerrieri della Strada che una volta liberati, diventeranno punti di viaggio veloci che ci consentiranno di navigare in modo più rapido nel mondo.

A questo proposito è bene fare un appunto riguardo la mappa: rispetto a Far Cry 5, oltre ad essere più piccola risulta anche più desolata, quindi ci saranno meno cose da vedere. Nonostante ciò, non mancheranno sorprese interessanti durante le nostre esplorazioni.

Atmosfera e grafica: un tocco di vitalità

Far Cry New Dawn Tech Princess 4

L’atmosfera che si respira fin dall’inizio del titolo non riflette totalmente il luogo che ci ospiterà. La sensazione di angoscia e violenza che ci accompagnerà, si troverà in netto contrasto con l’ambiente che, nonostante abbia attraversato un cataclisma, risulta intensamente pieno di vita.

La natura è l’elemento principale che tiene in vita suddetto ambiente, caratterizzato da fitte foreste verdi, lunghi corsi d’acqua scintillanti e colori vibranti e intensi. I panorami presentati, specialmente quelli notturni, sono incantevoli, in grado di lasciare il giocatore a bocca aperta.

Su console come PlayStation 4 Pro, affiancata da un supporto HDR, la grafica risulterà sicuramente più mozzafiato e intensa di quanto si possa immaginare.

In conclusione

Far Cry New Dawn si presenta come un ottimo prodotto, degno del suo predecessore. La grafica lascia senza parole, i personaggi sono ben realizzati e la storia è in grado di catturare il giocatore, permettendogli di esplorare nuove aree e località.

Non convince invece l’aspetto dell’RPG, che dovrebbe essere alla base di tutto e non riesce, nonostante tutto, a superare il capitolo precedente. Si tratta comunque di un ottimo sequel, in grado di rendere felici gli appassionati della serie.

Far Cry New Dawn

  • Grafica ottima
  • Trama convincente
  • Personaggi interessanti
  • RPG poco convincente
  • Abilità anonime

Tags

Veronica Ronnie Lorenzini

Videogiochi, serie tv ad ogni ora del giorno, film e una tazza di thé caldo: ripetere, se necessario.
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker