fbpx
MobileNewsRecensioni TechTech

La recensione di Motorola Edge 30 Pro, potenza e stile

Il nuovo processore Snapdragon 8 Gen 1 vola, Android 12 è più personalizzabile che mai

Motorola ha presentato un nuovo smartphone e non si è posta limitazioni. Il nuovo Motorola Edge 30 Pro ha il più potente dei processori, che fa volare Android 12. E poi un buon reparto fotografico, un look interessante e un ottimo schermo. Senza dimenticare la ricarica rapida. Insomma: un top di gamma, con un prezzo interessante. Ma come si comporta nell’uso di tutti i giorni? Abbiamo testato Motorola Edge 30 Pro per raccontarvi cosa ne pensiamo in questa recensione.

La nostra recensione di Motorola Edge 30 Pro

Nessuno limite (o quasi). Motorola ha voluto il massimo per il suo nuovo smartphone top di gamma, che è veloce. Anzi velocissimo: il nuovo processore Snapdragon 8 Gen 1 fa volare ogni applicazione sullo schermo dal refresh rate che arriva a 144Hz. E poi ha un reparto fotografico di tutto rispetto, con tre fotocamere di alta qualità sul retro e un sensore per i selfie da ben 60MP (ma senza telefoto).

Ma siamo rimasti felicemente sorpresi nel constatare che il nuovo Motorola Edge 30 Pro ha anche un audio Dolby Atmos, nuove funzionalità software e tante altre caratteristiche premium davvero interessante. Motorola ha puntato alla fascia dei top di gamma e non ha voluto lasciare nulla al caso. Con uno smartphone che forse ha qualche cosa in meno rispetto agli smartphone più costosi ma che offre il meglio dove conta.

Un design (quasi) spaziale

Aprendo la confezione del Motorola Edge 30 Pro che abbiamo testato in questa recensione, il colore Cosmos Blue (c’è anche la variante Stardust White) sul retro dello smartphone ci ha colpito subito. Il blu scuro risulta da subito elegante, ma nel togliere lo smartphone dalla scatola abbiamo visto subito come la luce gioca sul retro opaco. Ci sono sfumature davvero spaziali in questo smartphone.

motorola edge 30 pro colore cosmos blue recensione-min

Motorola deve essere consapevole degli accenti piacevoli del proprio smartphone, perché ha messo nella confezione una cover trasparente che continua a mostrare le sfumature del dispositivo. La disposizione del bump della fotocamera invece ci sembra piuttosto anonima. Vista la cura che Motorola ha messo in ogni altro dettaglio, ci saremmo aspettati una soluzione più innovativa.

Nella confezione trovate anche il caricabatterie per il TurboPower, con cavo USB-C. Motorola ha inoltre sopperito alla mancanza del jack audio con un paio di cuffie USB-C. Avremmo preferito avere il caro vecchio jack da 3,5mm, ma bisogna riconoscere che Motorola ha fatto più di quanto fanno la maggior parte degli altri produttori.

Lo smartphone misura 163 x 75.9 x 8.79mm e pesa 196g, un po’ troppo per farsi notare ma nella media degli smartphone di queste dimensioni. In mano non risulta troppo grande e la qualità costruttiva ci è sembrata ottima.

Sulla destra trovate sia il pulsante di sblocco/accensione, dove c’è anche il lettore per le impronte digitali (davvero rapido e accurato). Sopra, trovate il tasto per il volume.

Recensione di Motorola Edge 30 Pro: un grande schermo

Motorola ha dotato il suo Edge 30 Pro di uno schermo Max Vision pOLED da 6,7 pollici, con il refresh rate da 144Hz. Il display piatto ha una risoluzione FHD+ (2400 x 1080), con colori 10bit e il supporto HDR10+. Al di là delle statistiche, ci è davvero piaciuto durante questa recensione. La luminosità adattiva non ci ha mai costretto a strizzare gli occhi, anche sotto il sole. Il contrasto elevata fa brillare i colori senza ‘esagerarli’, con un’ottima fedeltà cromatica.

motorola edge 30 pro recensione-min

I 144Hz brillano soprattutto nei giochi: la differenza con i 120Hz degli smartphone della concorrenza si nota. Ma nell’uso quotidiano non fa davvero la differenza, tanto che la maggior parte degli utenti potrebbe usare la funzione di regolazione automatica della frequenza di aggiornamento.

Se il display risulta di ottima fattura, quello che fa la differenza sono le possibilità di personalizzazione che Android 12 e Motorola lasciano all’utente. Non solo potete usare i nuovi widget, ma potete scegliere se usare colori intensi o naturali a livello di sistema (oltre a regolarne il calore) e moltissime altri tweak. In questa recensione di Motorola Edge 30 Pro abbiamo testato diverse regolazioni e le possibilità sono davvero moltissime.

Un concentrato di potenza

Motorola ha deciso di collaborare con Qualcomm, portando lo Snapdragon 8 Gen 1 sul suo Edge 30 Pro. Stiamo parlando del processore Android più potente per quest’anno, almeno nelle prestazioni CPU. Il nostro dispositivo in prova ha 12GB di RAM (c’è anche la versione da 8GB) e 256GB di memoria UFS 3.1 (ci sono anche 128GB e 512GB).

Come potete aspettarvi da queste specifiche, il nuovo top di gamma di Motorola è velocissimo. Non abbiamo mai avuto un rallentamento nemmeno nei giochi più intensivi, anche passando da un’applicazione all’altra velocemente non abbiamo visto ritardi significativi.

Nell’uso quotidiano lo smartphone risulta davvero responsivo e quando giocate Motorola attiva automaticamente la modalità gaming, che oltre ad aggiungere alcuni comandi e personalizzazioni, attiva il campionamento del tocco a 360Hz. Potete giocare al massimo, anche sfruttando l’audio Dolby Atmos (davvero ottimo e con un volume potente) per immergervi nei giochi.

Per scrupolo abbiamo anche effettuato qualche benchmark con Geekbench 5, che hanno confermato tecnicamente quello che si nota nell’uso: questo smartphone può fare tutto e farlo al massimo della potenza.

motorola edge 30 pro benchmark-min

Recensione Motorola Edge 30 Pro

Un altro aspetto nel quale Motorola non si è risparmiata è il reparto fotografico. Infatti sul retro trovate un sensore principale 50MP (f/1.8, 1.0μm) con stabilizzazione OIS, un ultra-wide 50MP (f/2.2, 0.64μm) e un sensore di profondità da 2MP (f/2.4, 1.75μm). La mancanza di un sensore telefoto potrebbe far storcere il naso a qualcuno, ma crediamo più importante l’avere due fotocamere di qualità simile come wide e ultra-wide risponda alle esigenze della maggior parte degli utenti.

La funzionalità All-Pixel Focus promette una messa a fuoco velocissima e dobbiamo dire che Motorola mantiene le promesse. Se volete fare foto rapide e senza pensare troppo alle regolazioni, sarà un alleato formidabile. La stabilizzazione ottica aiuta moltissimo specie quando registrate video HDR10+, che Motorola promette possa mettere in luce un miliardo di sfumature di colore. Non le abbiamo contate tutte, ma la qualità ci sembra decisamente buona.

motorola edge pro recensione 30-min

Il software della fotocamera di Motorola Edge 30 Pro suggerisce quando passare alla fotocamera ultra-wide per le macro, che sono di ottima qualità. Abbiamo notato tuttavia che la lente ultragrandangolare risulta leggermente più calda nei colori rispetto a quella principale, quando passate da una all’altra in un video. Inoltre la mancanza di OIS si nota, se avete le mani poco ferme come le nostre.

Il reparto fotografico risulta di ottima qualità, ma è la fotocamera selfie a sorprendere davvero. La scelta dei 60MP (f/2.2, 0.6μm) permette di fare il ‘binning dei pixel’ anche nei selfie, permettendo ottimi scatti anche in diverse condizioni di luce. Inoltre, diventa una webcam davvero eccezionale quando fate le videochiamate.

Infine, ci è piaciuto davvero moltissimo il software della fotocamera, semplice ma con la possibilità di utilizzare tantissime funzionalità diverse. Come gli scatti Dual Capture o i selfie di Gruppo, fino ad arrivare alle impostazioni professionali. L’intelligenza artificiale aiuta a migliorare ancora gli scatti e i video, anche se soprattutto nei selfie ci sembra che intervenga un po’ troppo. E la modalità notte espone un po’ troppo.

Fotocamera recensione motorola edge 30 pro
Fotocamera principale
macro fotocamera recensione motorola edge 30 pro
Macro
Dual Capture
recensione motorola edge 30 pro
Modalità Hig res

 

recensione motorola edge 30 pro
Fotocamera Selfie
Fotografia notturna (senza Night Mode)
fotografia recensione motorola edge 30 pro
Modalità notte
fotocamera motorola edge 30 pro
Effetto ritratto
Macro con obiettivo ultra-wide

    Autonomia e ricarica

    Motorola ha dotato il suo Edge 30 Pro di una batteria da 4.800mAh, che durante questa recensione non ci ha deluso, ma nemmeno esaltato. Anche durante le fasi di test più intense, quando passavamo da un gioco all’altro, guardavamo video in streaming e sfruttavamo al massimo il 5G, siamo comunque arrivati alla fine della giornata. Usandolo di meno potete anche arrivare al giorno e mezzo. Una prestazione solida, anche se non eccelsa: c’è chi fa meglio. Ma difficilmente vi servirà di più.

    La ricarica TurboPower a 68W permette di recuperare metà dell’autonomia in un solo quarto d’ora. Noi abbiamo anche provato una mini ricarica prima di uscire di casa: in cinque minuti (forse anche meno) siamo arrivati dal 5% al 17%, arrivando a casa con ancora un po’ di autonomia. Un’ottimo risultato.

    C’è anche la ricarica wireless a 15 watt, che non è affatto male. Così come la possibilità di reverse charging ad altri smartphone o dispositivi a 5W.

    Android 12 puro, ma con grandi personalizzazione

    Motorola ha deciso di fornire un’esperienza Android 12 molto vicina a quella che trovate sui Pixel, applicazioni comprese. Non trovate app inutili, Google Lens è integrato nella fotocamera per le ricerche per immagini e dei QR Code. Abbiamo apprezzato moltissimo soprattutto la gestione delle notifiche, comoda ed elegante.

    Dall’app Moto sul vostro Motorola Edge 30 Pro potete personalizzare al massimo l’interfaccia. Noi abbiamo subito abilitato la Material You che adatta il colore delle notifiche e dei menu allo sfondo del telefono, un tocco di classe apprezzatissimo. Potete inoltre gestire le gesture in maniera davvero completo, lo stesso vale per le impostazioni dello schermo.

    recensione moto-min

    L’esperienza utente è fra le migliori che potete desiderare su uno smartphone Android, il sistema risulta rapido, ben congegnato e con la possibilità di tantissime personalizzazioni. Se vi piace modellare il vostro smartphone su voi stessi, difficilmente potete trovare di meglio.

    Non mancano poi i pagamenti con NFC con Google Pay, ma avete anche la possibilità di condividere contatti o media con l’NFC. Motorola ha fatto anche valere la propria esperienza software con ThinkShield for mobile, che assicura i più alti standard di sicurezza: non incide sull’uso dello smartphone, ma permette di sentirvi tranquilli.

    Infine, Motorola permette di collegare il vostro smartphone velocemente a uno schermo più grande (tablet, PC, TV) sia via cavo che wireless con Ready For. Che risulta particolarmente utile per vedere video in streaming ma anche per usare lo smartphone come webcam durante le videochiamate PC. Un’idea interessante e ben implementata: forse non la sfrutterete molto, ma è un’arma in più per questo smartphone.

    Recensione di Motorola Edge 30 Pro: vale la pena?

    Il nuovo Motorola Edge 30 Pro ha tantissime qualità in suo favore. Un processore potentissimo, con prestazioni ottime anche grazie ad Android 12. Con tante opzioni di personalizzazione, un batteria buona con ricarica rapida e uno schermo di qualità. La fotocamera ci è sembrata più che all’altezza, anche se manca il sensore telefoto.

    Forse non può competere con i top di gamma sopra quota mille euro. Ma con un prezzo di partenza di 849,90 euro, potrebbe essere un investimento interessante per chi vuole sfruttare Android 12 al massimo. La competizione è elevatissima. Ma l’ampia personalizzazione, le prestazioni scattanti e l’esperienza utente completa e di qualità rendono Motorola Edge 30 Pro un prodotto davvero interessante.

    Potete trovare da subito Motorola Edge 30 Pro in preordine su Amazon, in entrambe le colorazioni. Ed entro il 6 marzo potete acquistarlo a 749 euro per il prezzo early bird: un’offerta di lancio davvero interessante, che rende molto più facile consigliare l’acquisto a chi vuole provare il massimo di Android 12.

    PRO

    • Prestazioni eccezionali
    • Android 12 puro 
    • Molte personalizzazioni

    CONTRO

    • Manca il telefoto
    • Batteria buona ma non ottima
    Motorola Edge 30 Pro - Smartphone 5G, Fotocamera 50 + 60 MP,...
    • Tripla fotocamera 50 MP e selfie cam 60 MP - Cattura ogni dettaglio sia da vicino che da lontano con la tripla...
    • Display FHD+ OLED a 144 Hz - Guarda i tuoi contenuti preferiti con colori intensi e luminosi sullo straordinario display...
    • Connettività 5G ultraveloce - Scarica film in pochi secondi e ottieni prestazioni straordinarie con il processore...
    Motorola Edge 30 Pro Smartphone, 5G, Android 12, Bianco...
    • Tripla fotocamera 50 MP e selfie cam 60 MP - Cattura ogni dettaglio sia da vicino che da lontano con la tripla...
    • Display FHD OLED a 144 Hz - Guarda i tuoi contenuti preferiti con colori intensi e luminosi sullo straordinario display...
    • Connettività 5G ultraveloce - Scarica film in pochi secondi e ottieni prestazioni straordinarie con il processore...

    Da non perdere questa settimana su Techprincess

    🎮 Xbox Games Showcase 2024: tantissimi annunci, tra grandi ritorni e novità
    💻A Taiwan per toccare con mano i nuovi AI PC di ASUSEd è solo l’inizio
    💬Google lancia l’app Gemini in Italia: ecco come provare l’AI su Android e iOS
    🧩La strategia di Jansen Huang, il CEO-rockstar: mi ha offerto da bere e chiesto del turismo in Italia
    ✒️ La nostra imperdibile newsletter Caffellattech! Iscriviti qui
    🎧 Ma lo sai che anche Fjona ha la sua newsletter?! Iscriviti a SuggeriPODCAST!
    📺 Trovi Fjona anche su RAI Play con Touch - Impronta digitale!
    💌 Risolviamo i tuoi problemi di cuore con B1NARY
    🎧 Ascolta il nostro imperdibile podcast Le vie del Tech
    💸E trovi un po' di offerte interessanti su Telegram!

     

    Autore

    • Stefano Regazzi

      Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.

      Visualizza tutti gli articoli

    Ti potrebbero interessare anche:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button