fbpx
NewsTech

Satispay cresce e si rende utile contro la diffusione del coronavirus

Satispay, l’innovativo sistema di mobile payment, ha superato l’importante traguardo di 100.000 esercenti aderenti al proprio network. È uno dei metodi di pagamento consigliati ai tempi del Coronavirus.

Satispay cresce e si rende utilecontrola diffusione del coronavirus

Continua a crescere a ritmo serrato Satispay, l’innovativo sistema di mobile payment che sta modificando l’approccio ai pagamenti elettronici, che ha superato l’importante traguardo di 100.000 esercenti aderenti al proprio network.

Sono sempre più i negozianti che colgono le opportunità che Satispay, sistema indipendente dalle carte di credito e di debito, offre. Per loro non sono previsti costi di attivazione o canoni mensili, ma solo una commissione fissa di 20 centesimi per i pagamenti superiori a 10 euro, mentre tutti gli incassi inferiori a questa soglia non prevedono alcuna commissione.

Contestualmente alla continua crescita dei merchant, è proprio di queste ultime ore il monito dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) che invita tutti i cittadini a limitare l’utilizzo di contanti e carte di credito tradizionali in quanto, come dichiarato: “Il denaro può catturare ogni tipo di batterio o di virus, per questo suggeriamo alle persone di lavarsi le mani dopo aver maneggiato i soldi” e in particolare di “non toccarsi la faccia” prima di averlo fatto.

 

In merito al tema coronavirus, Satispay offre il grande vantaggio di scambiare denaro tra privati a distanza e, nei negozi, di pagare senza maneggiare contanti né di appoggiare il telefono sul POS che toccano quelli che pagano prima. Per questo sono molti gli esercenti che caldeggiano il pagamento con Satispay.

 

 

 

 

 

Preso alla sprovvista da una pandemia e non sai come affrontarla ed aspettare che il pericolo rientri? Niente paura, segui i nostri consigli nella “Guida semiseria alla sopravvivenza ad una pandemia ?

Livio Marino

Sangue siciliano, milanese d'adozione, mi piace essere immerso in tutto ciò che è tech. Passo le giornate dando ordini ad Alexa, Google ed al mio cane, Maverick.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button