fbpx
LifestyleNews

Il futuro dello shopping secondo Snapchat

La realtà aumentata sarà l'elemento chiave del processo di acquisto online

Dopo gli stravolgimenti subiti dal settore del retail nel corso della pandemia, l’App di Snapchat ha rilasciato una ricerca a tema “Il futuro dello shopping“. Uno studio condotto in ben 12 Paesi, tra cui l’Italia, con l’obiettivo di avere “un quadro approfondito del panorama degli acquisti in questo momento critico“. Ad emergere è il potenziale della realtà aumentata, che si è dimostrata ben in grado di colmare il divario tra acquisti fatti nella vita reale ed online. Analizzando i dati, infatti, notiamo che il 37% dei resi si sarebbero potuti evitare sfruttando la realtà aumentata nel percorso d’acquisto. E questo è solo uno dei tanti dati interessanti della ricerca di Snapchat.

Snapchat: App conferma che la realtà aumentata supporta lo shopping online

La crescita dello shopping online ha indubbiamente avuto un impatto sugli acquisti nei negozi tradizionali nel corso degli ultimi anni, tendenza che si è ulteriormente accelerata durante la pandemia. Ma la tecnologia ha anche aiutato e ispirato i retailer a contribuire alla crescente sovrapposizione tra ambienti online e fisici, e oggi è diventata fondamentale per molte delle nostre esperienze quotidiane. In questo modo la tecnologia, piuttosto che annunciare ufficialmente la fine del commercio al dettaglio nei negozi fisici, ha favorito una trasformazione che è vantaggiosa sia per i consumatori che per i commercianti“. Così ha commentato Claire Valoti, VP EMEA di Snap Inc.

Snapchat App shopping

D’altronde, la ricerca “Il futuro dello shopping” rilasciata dall’App di Snapchat non fa altro che dimostrare il supporto fornito dalla tecnologia allo shopping online. In particolare, è la realtà aumentata ad incrementare gli acquisti soddisfacenti. Secondo i dati condivisi dalla piattaforma, il 13% dei consumatori italiani ha già utilizzato l’AR nel processo di acquisto. E ben il il 56% afferma di essere stato incoraggiato a comprare qualcosa. Anzi, il 24% degli utenti addirittura “si aspetta di incrementare il proprio utilizzo dei try-on virtuali nel prossimo anno“. Un monito importante per i retailer.

Secondo la ricerca dell’App di Snapchat, il ricorso alla realtà aumentata nel processo di acquisto crescerà notevolmente entro il 2025. In particolare, la piattaforma ha previsto un aumento del 27% nella proporzione di acquirenti della Gen Z entro i prossimi cinque anni. Ma quali sarebbero i motivi che porteranno i più giovani a voler utilizzare l’AR per lo shopping online? Anzitutto, la possibilità di vedere come vestono i prodotti (37%). Poi quella di vederli a 360° (34%) e infine anche quella di capirne la dimensione esatta (34%). In questo senso, allora, diventa fondamentale essere in possesso di uno smartphone per riuscire a seguire alla perfezione l’intero processo di acquisto.

Non a caso, il report dell’App di Snapchat riferisce che questo è il canale preferito dal 31% dei consumatori italiani per lo shopping. Una percentuale che sale al 43% se si considera la Gen Z. E al 46% con i Millennial. Eppure, nonostante tutto, quello che vi stupirà sapere è che l’acquisto in negozio guida la testa della classifica delle abitudini degli Italiani. Nonostante la pandemia, e la realtà aumentata.

Apple iPhone 13 (128GB) - Azzurro
  • Display Super Retina XDR da 6,1"
  • Modalità Cinema con profondità di campo smart e spostamento automatico della messa a fuoco nei video
  • Evoluto sistema a doppia fotocamera da 12MP (grandangolo e ultra-grandangolo) con Stili fotografici, Smart HDR 4,...
Apple iPhone 13 mini (512GB) - Rosa
  • Display Super Retina XDR da 5,4"
  • Modalità Cinema con profondità di campo smart e spostamento automatico della messa a fuoco nei video
  • Evoluto sistema a doppia fotocamera da 12MP (grandangolo e ultra-grandangolo) con Stili fotografici, Smart HDR 4,...

Chiara Crescenzi

Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button