fbpx
spider man miles morales

La recensione di Marvel’s Spider-Man Miles Morales
Abbiamo provato il nuovo capitolo di Marvel's Spider-Man, in arrivo sia su PS4 che su PS5 il 12 novembre.


Recensione Marvel’s Spider-Man Miles Morales

PS5 sbarcherà sul mercato in accoppiata con il piccolo capolavoro visivo che risponde al nome di Marvel’s Spider-Man Miles Morales, ovvero il seguito del primo e glorioso capitolo uscito su PS4 nel 2018 e sviluppato in esclusiva da Insomniac Games. Perché questo titolo è così speciale? Beh perché dal punto di vista tecnico è capace di mostrare realmente ciò che la next-gen ci potrà riservare nei prossimi anni. Vi raccontiamo tutto nella nostra recensione. Anche se non è tutto oro ciò che luccica.

Squadra che vince non si cambia, sarà un bene?

Marvel’s Spider-Man Miles Morales è una nuova spider-avventura in pieno stile Marvel.
Il gioco si apre con con due Spider-Man: lo storico e ormai collaudato Peter Parker e Miles Morales, un adolescente newyorkese che per qualche “misterioso” motivo si ritrova ad avere gli stessi poteri dell’originale. Come nelle migliori tradizioni nulla andrà per il verso giusto e Miles si ritroverà a ricalcare le orme dell’originale fino a sostituirsi completamente a esso in una strenua lotta contro i cattivi di turno; cattivi che questa volta sono guidati da Tinkerer.

spider man miles morales

La trama non è tra le più entusiasmanti viste fino ad ora ma risulta comunque scorrevole e con i giusti colpi di scena che ribalteranno la situazione più e più volte. A costellare la storia troviamo poi uno degli elementi di forza del precedente capitolo: la comicità. Le battute infatti si rincorrono veloci senza essere mai stucchevoli.

A non averci del tutto convinto invece è l’ambientazione. Ritroviamo infatti il medesimo scenario del primo capitolo, seppur vestito e pettinato meglio.
Mi spiego. Le avventure di Miles Morales ci riportano a New York e sfruttano la stessa mappa di gioco del capitolo precedente. Questo potrebbe dare ai giocatori la sensazione di essere davanti a un DLC ma Sony ci ha tenuto a sottolineare il contrario: è un’avventura standalone e come tale può essere giocata anche senza aver provato il titolo del 2018.
Il nostro consiglio però è quello di mettere comunque le mani sul primo Spider-Man: vi darà un po’ di contesto, vi aiuterà a conoscere Miles e soprattutto vi intratterrà per ore.

LEGGI ANCHE: Playstation 5, la nostra recensione 

Tecnica di indubbia qualità

Playstation 5 spider man miles morales recensione raytracingMarverl’s Spider-Man Miles Morales sembra quasi essere una tech demo, un prodottino confezionato ad arte per mostrare le qualità tecniche della nuova arrivata Playstation 5. Se all’inizio potreste pensare a un gigantesco deja-vu, dopo i primi minuti rimarrete a bocca aperta: quello che vi si parerà di fronte agli occhi saranno esplosioni e inseguimenti mozzafiato, abilmente arricchiti da una gestione della luce senza confronti. Il tramonto su New York vi sembrerà vero e ogni singolo dettaglio sembra quasi cesellato.

Sony PlayStation 5
  • Prova un caricamento ultra rapido con un'unità SSD ad altissima velocità, un coinvolgimento ancora maggiore grazie al...
  • Lasciati stupire dalla grafica incredibile e prova le nuove funzionalità di PS5.
  • Scopri un'esperienza di gioco più profonda con supporto per feedback tattile, trigger adattivi e tecnologia audio 3D

Tutto questo è possibile grazie al ray traycing, il rinnovato sistema di illuminazione che i giocatori PC conoscono già, ma che rappresenta una novità assoluta per tutti coloro che hanno sempre giocato con le console casalinghe.

Vi segnalo inoltre la presenza della funzionalità “Performance” opzionale che punterà ai 60 frame per secondo, concedendo nuova linfa all’universo di Spider-Man. Grazie al framerate molto alto, Marvel’s Spider-Man Miles Morales non ha esitazioni né incertezze di nessun genere: il gioco infatti risulta sempre fluido e ben godibile.
Aggiungiamoci i tempi di caricamento completamente nulli  grazie ai quali non vi accorgerete nemmeno della transizione tra una cutscenes e l’inizio del gameplay.

Ad essere convincente è anche l’elevata distruttibilità degli ambienti durante i combattimenti, resa possibile dalle potenzialità tecniche della nuova console Playstation 5.

Detto questo, le cut-scenes sono un piacere per gli occhi: dalle naturali imperfezioni della pelle ai movimenti delle acconciature dei capelli, dai i tessuti dell’abbigliamento fino ad ad arrivare ai soprammobili.  Insomma, sembra di essere li dentro a chiacchierare con Miles Morales e i suoi amici.

Gameplay ben riuscito e rivisitato

La prima volta che provai Marvel’s Spider-Man ciò che mi incuriosì maggiormente fu il gameplay, forse troppo complesso e non intuitivo. In realtà anche questa volta il team di Insomniac Games ha fatto un ottimo lavoro per rendere l’apprendimento delle decine e decine di mosse più fluido e facilmente assimilabile dal giocatore. Questo non significa che potrete abbassare la guardia, tutt’altro. Se vi capiterà di prendere dei combattimenti sotto gamba, questi saranno in grado di sopraffarvi, portandovi con grande facilità al “game-over”.
Tra le novità introdotte con Marvel’s Spider-Man Miles Morales trovano posto gli attacchi Venom, ossia abilità bioelettriche mai viste prima che – ad esempio – potranno regalarvi il dono dell’invisibilità  permettendovi così nuovi approcci creativi ai combattimenti. Ma non finisce qui: a disposizione avrete anche nuovi gadget e nuove tute.

Stupisce anche l’integrazione con il nuovo controller DualSense. A ogni ragnatela sparata, a ogni pugno sferrato corrisponderà una precisa vibrazione del DualSense, capace di restituire una piacevole sensazione di immersività. Non manca infine l’integrazione con i trigger adattivi, che simulano le ragnatele lanciate da Miles Morales durante la pressione dei tasti L2 e R2.

Per il resto il gioco è caratterizzato da un grande senso di familiarità unito qualche volta alla frustrazione. Sappiate comunque che avrete a disposizione 4 livelli di difficoltà, selezionabili anche durante qualsiasi fase di gioco.

Parliamo infine della città di New York. È sempre la stessa e potrete muoversi tra i suoi grattaceli abbastanza agilmente; così come accadeva nel precedente capitolo, non potrete entrare in nessuno degli edifici a meno che non lo preveda la trama. Tutto questo dona una sensazione di open-world anche se in realtà non lo è.

Scegliere come spendere il vostro denaro

Il nuovo titolo con protagonista Spider-Man è capace di lasciare a bocca aperta dal punto di vista tecnico e – nonostante sia un deja-vu del precedente capito – di intrattenere il giocatore per svariate ore senza mai annoiare e senza diventare stucchevole. Se state cercando qualcosa di nuovo, nuovissimo, forse rimarrete delusi perché spendere oltre 70 € per un gioco ambientato sempre all’interno della stessa mappa con le stesse meccaniche di gioco (seppur rinnovate), potrebbe farvi storcere il naso. Personalmente l’ho trovato godibile e divertente ma lascio a voi le valutazioni finali.

Marvel’s Spider-Man Miles Morales sarà disponibile per PS5 e PS4 a partire dal giorno 12 novembre 2020.

Offerta

Fjona Cakalli

Amo la tecnologia, adoro guidare auto/camion/trattori, non lasciatemi senza videogiochi e libri. Volete rendermi felice? Mandatemi del cibo :)
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link