NewsTechViaggi

Symantec rileva una fuga di dati nei siti di prenotazione di Hotel

Una fuga di dati mette a rischio centinaia di prenotazioni negli alberghi. La risposta alla nuova norma GDPR

Symantec ha rilasciato una nuova ricerca dove rivela alcune falle e problematiche in siti per la prenotazione di Hotel, che comportano una fuga di dati sensibili. Secondo la nota azienda statunitense, alcune pagine web di alberghi, circa il 76%, perdono inavvertitamente i dettagli delle prenotazioni, con il rischio di finire in società di terze parti, oppure, nel caso peggiore, nelle mani di hacker.

Data l’entrata in vigore della GDPR, la nuova norma sulla sicurezza dei dati informatici, questo problema evidenzia l’effettiva lentezza nel cambiamento dei sistemi per la tutela della privacy. Symantec ha elencato alcuni problemi derivanti dalla fuga di dati: Prima di tutto i nostri dati più sensibili, come nome, indirizzo email e numero di carta di credito, sono alla portata di aziende di terze parti.

L’accesso a queste informazioni consente a un malintenzionato di agire sulle nostre prenotazioni. Inoltre, potenziali hacker sono sempre più interessati ai movimenti di figure importanti, come professionisti o impiegati governativi. Questa fuga di notizie permette di entrare in contatto con dati sensibili, dando la possibilità di modificare i nostri appuntamenti.

Symantec ha informato gli Hotel dopo la scoperta. Il fatto più sconcertane è stata la risposta degli alberghi. Nella maggior parte dei casi ha tardato ad arrivare, con una media di circa 10 giorni. Altri hanno ammesso di essere ancora in fase di aggiornamento per l norma GDPR. Il 25% dei responsabili privacy non ha risposto in cinque settimane.

 

Tags

Michele Caliani

Innamorato del mondo e affascinato dalle cose impossibili. Convivo con il mio smartphone e la rete. Nella mia vita suono il pianoforte e nel tempo libero grattugio il violoncello.
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker