fbpx
CulturaNewsTech

Take My Things: l’app che vi aiuta nelle spedizioni di ogni giorno

Immaginate di dimenticarvi le chiavi della casa al mare e di dover ripercorrere 150 km per andarle a prendere. Ecco, questo è quello che è capitato a Francesco Demichelis ed è il motivo per cui è nato Take My Things.

Take My Things è una startup, fondata da Francesco e Guido Balbis e lanciata ufficialmente a gennaio 2016, specializzata in consegne. L'idea di base è molto semplice e si sposa perfettamente con l'ormai diffusissima sharing economy: mettere in contatto chi deve trasportare un pacco e chi è disposto a farlo.

Il servizio, per ora attivo a Milano e Torino, si basa su un'applicazione gratuita – disponibile sia per dispositivi Android che iOS – che vi chiederà di inserire l'oggetto da trasportare, l'indirizzo di presa e consegna, la data e l'ora massima per l'arrivo a destinazione e la cifra che si è disposti a pagare. Una volta fatto questo sarà Take My Things a fare il resto, incrociando i dati inseriti per trovare qualcuno che faccia al caso vostro. Di base insomma somiglia moltissimo a BlaBlaCar solo che, invece di trasportare persone, si trasportano cose, che siano documenti da un ufficio ad un altro o pacchi pieni di delizie inviate direttamente dalla famiglia lontana.

Insomma, quella di Francesco e Guido è una soluzione molto pratica ad un problema apparentemente semplice, una soluzione che consente a chi è senza lavoro, agli studenti e a chi ha bisogno di arrotondare il proprio stipendio di guadagnare qualche soldo aiutando gli altri. Non male, vero?

Erika Gherardi

Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button