Motori

Targhe auto con Emoji: presto in arrivo in Australia

In Australia, precisamente a Queensland, sarà possibile personalizzare la targa della propria auto aggiungendo una simpatica Emoji

Dal prossimo 1 marzo i guidatori di Queensland in Australia potranno personalizzare la targa della loro vettura inserendo delle simpatiche Emoji! Il fornitore delle targhe, con licenza ufficiale rilasciata dal governo, sarà Personalised Plates Queensland (PPQ) e i preordini per prenotare il servizio sono già disponibili.

Targhe Emoji

Targhe auto con Emoji: come è nato il progetto e in che modo è possibile realizzarle

PPQ offriva già la possibilità di compiere numerose personalizzazioni alle targhe: dall’uso di un colore, di un tema specifico o del logo delle squadre sportive locali. L’introduzione degli Emoji, così in uso nella nostra quotidianità, non sembra, dunque, così strana. Così come un numero o un simbolo, un Emoji non è altro che un modo per comunicare agli altri qualcosa di sé.

Le possibilità di scelta, tuttavia, sono limitate: ci sono solo 5 Emoji tra cui scegliere e senz’altro si tratta di quelle più utilizzate. Faccina che piange lacrime di gioia, faccina con occhiali da sole, faccina che fa l’occhiolino, quella sorridente e quella con gli occhi a cuoricino: per tutti i gusti!

Polemiche e prezzo del servizio

Questa novità non poteva che destare polemiche e sollevare qualche dubbio. In molti si sono chiesti, data la possibile difficoltà di interpretare gli Emoji, se queste nuove targhe non potrebbero comportare problemi per così dire “burocratici” nel caso in cui ci si ritrovasse coinvolti in un incidente.

PPQ assicura che gli Emoji sono puramente decorative e che non influirebbero in alcun modo sulla registrazione numerica della targa. Addirittura potrebbero essere d’aiuto nell’identificazione di una vettura. Del tipo “Ehi, il tizio con l’Emoji che ride mi ha tagliato la strada!”

Scherzi a parte, a non essere molto divertente è il prezzo di tale servizio: circa 340$, ovvero 300 euro.

Li spendereste per una personalizzazione del genere?!

Via
The Verge
Tags

Valeria Schifano

Passo le mie giornate a leggere e scrivere. Vivo in costante simbiosi col mio smartphone, o meglio con quello di turno: è a tutti gli effetti un'appendice del mio corpo. Nulla sfugge all'occhio attento della mia fotocamera: amo scattare. Sì, specialmente il cibo.
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker