fbpx
RecensioniVideogiochi

TES Legends: Fauci dell’Oblivion recensione, arrivano i Dremora

Abbiamo provato la nuova espansione di The Elder Scrolls: Legends intitolata Fauci dell'Oblivion, ecco cosa ne pensiamo

Dopo aver introdotto le esotiche carte di Khajiiti con le Lune di Elsweyr, The Elder Scrolls Legends cambia decisamente registro introducendo nel gioco l’oscuro mondo dei Daedra con la nuova espansione Fauci dell’Oblivion.

TES Legends: Fauci dell’Oblivion Recensione

L’espansione si collo durante gli eventi raccontanti in The Elder Scrolls IV: Oblivion. Il conflitto tra gli imperiali di Cyrodiil e l’Ordine daedrico della mitica alba raggiunge l’apice con la morte di Uriel Septim scatenando la cosiddetta “Crisi dell’Oblivion”. Le 75 carte introdotte con l’espansione sono tutte ispirate a quel periodo della storia di Tamriel. Troviamo quindi le forze imperiali impegnate nel conflitto, i membri e le magie della mitica alba, l’ordine delle Lame, personaggi come Martin Septim e ovviamente, gli immancabili Dremora.

I Cancelli dell’Oblivion si sono aperti

Fauci dell’Oblivion porta con se una nuova meccanica da padroneggiare chiamata Invasione. Questa abilità permette di evocare un Cancello dell’Oblivion, una carta a tutti gli effetti che viene posizionata nella Zona Oscura del campo, imprigionata e silenziata. Le abilità del Cancello variano a seconda del suo livello, che aumenta ogni qualvolta viene giocata una carta che possiede l’effetto Invasione. Questo meccanismo rende necessario avere nel mazzo più magie o unità munite di tale abilità così da sfruttare al meglio i vantaggi del cancello.

Il portale dell’Oblivion permette ai Daedra di avere +1/+1, costare meno magika e guadagnare degli effetti casuali. Tutto varia a seconda del livello del portale come anche la sua resistenza contro gli attacchi o le magie dell’avversario. Il cancello è infatti una carta bersagliabile dalle unità nemiche e dovrete impiegare molte risorse per proteggerlo. Molte carte del deck svolgono infatti questa funzione avendo spesso e volentieri abilità come Protezione o Guardia, da donare ad un’altra unità. C’è da dire, però, che nonostante questi stratagemmi, liberarsi di un cancello è abbastanza semplice. Ciò rende marginale la sua importanza e l’efficacia del tratto Invasione.

Per questo motivo, non è consigliabile focalizzare il proprio deck esclusivamente sulla nuova meccanica, ma adattarlo sapientemente alle carte già presenti nel gioco. Gran parte delle nuove carte, infatti, sono più neutre e simili, in termini di gameplay, alle carte del gioco base. Se da un lato abbiamo gli abitanti dell’Oblivion, dall’altro, infatti, troviamo le altre creature e unità ispirate a The Elder Scrolls IV. Tra nuovi ladri e assassini, non mancano ovviamente varianti interessanti come la carta di Martin Septim che può trasformarsi ne l’Avatar di Akatosh grazie alla magika.

TES Legends: Fauci dell’Oblivion recensione – Parere finale

Da grandi amanti della serie, speravamo che Fauci dell’Oblivion potesse darci più emozioni e carte più efficaci. L’assenza di una campagna in single player, ancora una volta, si è fatta sentire e ci è sembrata un vero e proprio spreco date le potenzialità del mondo dei Daedra. La nuova meccanica introdotta ha un impatto sulle partite basso o nullo, il che rende l’espansione del tutto marginale. È vero anche che gli autori vogliono evitare di rendere il gioco eccessivamente confusionario. Hanno così focalizzato l’attenzione sul design delle carte che resta comunque impareggiabile.

Insieme al DLC sono state però apportate diversi miglioramenti a Legends oltre che moltissimi contenuti estetici. È stato infatti introdotto un nuovo tavolo di gioco, quattro nuovi dorsi, due nuovi mazzi a tema, nuova musica e nuovi effetti video.

È difficile capire se Bethesda e Dire Wolf Digital abbiano voluto limitarsi per non stravolgere il gioco eccessivamente o se l’interesse nei confronti di The Elder Scrolls: Legends si stia affievolendo. Quello che sappiamo che è Fauci dell’Oblivion si è dimostrata un’espansione debole e poco caratterizzata.

The Elder Scrolls Legends: Fauci dell'Oblivion

  • Splendide carte ispirate a TES IV: Oblivion
  • Invasione si è dimostrata una meccanica interessante...
  • ...sebbene del tutto marginale
  • Ancora una volta non è stata introdotta una storia dedicata al DLC
Tags

Daniele Cicarelli

Indigente giramondo con la grande passione per i videogiochi, l'Arte e tutte le storie Fantasy e Sci-Fi che parlano di mondi alternativi senza zanzare. Fermo sostenitore dell'innovazione, del progresso tecnologico e della superiorità del Tipo Erba. Dalla parte dei Villains dal 1991.
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker