fbpx
CulturaNewsTech

Cosa cerca la community LGBTQI+ su Tinder?

Ecco i risultati dell'ultimo sondaggio di Tinder

In che modo vuole essere trattata la community LGBTQI+ su Tinder? E cosa cerca nello specifico sull’app di incontri più famosa nel mondo? Scopriamo insieme tutto questo e molto di più direttamente dalla generazione più fluida di sempre, la generazione Z.

La community LGBTQI+ su Tinder

Che la generazione Z sia una generazione fluida, lontana dagli stereotipi e molto inclusiva è ormai risaputo. Tinder, l’app leader nel mondo degli incontri ha scoperto tramite un sondaggio che un match su 5 è Queer. A rivelarlo è proprio l’app di incontri.

Di recente ha infatti condiviso alcuni dati, ricavati da un sondaggio interno sul tema diversità, per cui il 56% degli italiani della Gen Z crede che identificarsi come “fluido” possa essere un modo di definirsi per includere genere, sessualità e stile di vita.

Quest’anno, per celebrare il Pride, Tinder ha puntato i riflettori sui propri membri più giovani, offrendo loro la possibilità di esprimersi al meglio: come vogliono incontrare nuove persone, i giovani della comunità LGBTQI+?

Di seguito vi riportiamo i risultati del sondaggio.

  • Siate voi stessi – la spontaneità è tutto per la Gen Z ed essere naturali può portare a un secondo appuntamento. Per Megane, “quello che dovrebbe succedere durante un primo appuntamento, è che dovresti scoprire il desiderio di incontrare di nuovo quella persona”.
  • Mostrate i vostri hobby e mostratevi interessati agli hobby altrui – non abbiate paura di rivelare i vostri gusti o il vostro stile di vita: siamo diversi. Killer Queen racconta che quando parla della propria vita di drag queen, le persone con cui esce “vogliono sempre saperne di più”.
  • Il rispetto reciproco è sexy – l’atteggiamento da “persona figa” è molto anni 2000. Ora, invece, si preferisce un atteggiamento più intimo, che cerchi di connettersi emotivamente con l’altra persona. Dopo alcuni mesi difficili, questa “estate dell’amore” sta inaugurando una nuova era, in cui l’empatia e il rispetto saranno la chiave per avere successo.

Tinder desidera essere un luogo sicuro per la comunità LGBTQI+, impegnandosi sia a proteggere che dare visibilità ai membri della comunità, in particolare attraverso funzionalità come Sexual Orientation (lanciato in Italia un anno fa) e More Genders (nel 2017 ).

Veronica Ronnie Lorenzini

Videogiochi, serie tv ad ogni ora del giorno, film e una tazza di thé caldo: ripetere, se necessario.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button