fbpx

Trials Rising, il nuovo capitolo dell’arcade motociclistico di RedLynx e Ubisoft Kiev, è stato annunciato durante la conferenza di Ubisoft con la solita energia dall’istrionico finlandese Antii Ilvessuo, direttore creativo dello studio di Helsinki. Abbiamo avuto modo di provare in anteprima il gioco, in arrivo il prossimo febbraio su PC, Xbox One, PlayStation 4 e Nintendo Switch, che conferma il tradizionale approccio trial & error della saga.

L'evoluzione della specie

Trials Rising non è un racing game classico, ma più un gioco di abilità. Riprendendo solo nominalmente l’omonima disciplina sportiva, nel titolo di RedLynx bisogna gestire al meglio il gas, il freno della moto e la posizione del centauro per riuscire completare percorsi complessi, fatti di salite impervie, salti fuori di testa e ostacoli imprevisti. Per riuscire nell’impresa l’unica possibilità è quella di conoscere alla perfezione la moto e il livello, provando e riprovando fino a strappare il tempo migliore.

Rising non fa eccezione, e l’idea alla base è quella di ripartire da Fusion, il precedente episodio, e rendere tutto più bello, grande e divertente. Al momento sembra un piano vincente e, nonostante la data d’uscita sia ancora lontana, il gioco sembra essere tecnicamente solido e stabile, capace di tenere 60 fps granitici fondamentali per restituire il senso di velocità e garantire la giusta reattività ai controlli. A colpire poi è la profondità di campo, che, messi da parte lo scorrimento orizzontale e la visuale in 2.5D, regala un bel colpo d’occhio ai livelli ambientati nei quattro angoli del pianeta, con gli scenari che diventano parte integrante dei percorsi e regalano esplosioni, reazioni a catena e momenti di caos inaspettato che, inizialmente, avranno come risultato incidenti disastrosi. D’altronde la strada per il successo in Trials è fatta di lacrime e sangue. In ogni caso, i tre livelli di difficoltà servono a offrire un’esperienza graduale, ma vi assicuriamo che per dominare quello estremo c’è davvero bisogno di fare tanta pratica.

Trials Rising: anche in due

Tra le novità di Trials Rising spicca sicuramente quella di poter giocare in co-op con un amico a bordo di un tandem, una modalità che costringe a dividersi i comandi della moto e ad affrontare con una sincronia perfetta i livelli. Ovviamente le prime volte vi sembrerà totalmente impossibile e il gioco metterà a dura prova sia la vostra pazienza che le vostre amicizie, ma vi strapperà anche sonore risate.

Bella anche l’idea della contemporaneità delle run online, che regala un colpo d’occhio più concitato e un feedback immediato della qualità della propria run, mentre in single player a tenere alto il livello di sfida ci penseranno i ghost degli altri utenti.

Come tradizione per la saga, nella maggior parte dei livelli conterà principalmente la velocità, ma non mancano quelli dove è lo stile a sancire il vincitore, in un tripudio di acrobazie folli e sconsiderate. Per Trials Rising, infine, RedLynx ha lavorato molto anche sulla personalizzazione: completando le gare e gli obiettivi proposti dal gioco si otterranno tonnellate di ricompense, come nuove parti per la moto, decalcomanie, accessori, caschi e elementi di vestiario più o meno appariscenti. Tornerà, ovviamente, anche il preziosissimo editor di tracciati, che permetterà a tutti gli appassionati di esprimere le proprie velleità creative.

Complessivamente, Trials Rising ci è sembrato un titolo divertente e dall’ottimo potenziale, sebbene dedicato soprattutto agli appassionati della saga e del genere


What's Your Reaction?

Rabbia Rabbia
0
Rabbia
Confusione Confusione
0
Confusione
Felicità Felicità
0
Felicità
Amore Amore
0
Amore
Paura Paura
0
Paura
Tristezza Tristezza
0
Tristezza
Wow Wow
0
Wow
WTF WTF
0
WTF
Vittorio Manti

author-publish-post-icon
Gamer per passione da quando avevo 9 anni e chiesi come regalo della comunione una console invece della bicicletta (era il lontano 1979), da oltre vent’anni scrivo di tecnologia e videogiochi e ho diretto alcune delle testate più importanti del panorama editoriale italiano, come Il Mio Computer, Chip e negli ultimi anni Euronics Movies&Games.