fbpx
twitter disinformazione reactions

Tweet vocali: la novità di Twitter. ma solo per gli utenti iOS
Twitter testa la nuova funzionalità di registrazione tweet vocali soltanto per alcuni utenti iOS


Nuovo incredibile annuncio da parte di Twitter, che ultimamente sta aggiornando non poco la piattaforma. Che sia stata l’ascesa di TikTok a spaventare il social dei cinguettii oppure la ribalta di Facebook durante la quarantena non è chiaro. Quello che è certo che è l’App ha da poco annunciato un’incredibile innovazione.Da qualche giorno, Twitter sta testando i tweet vocali, una nuova funzionalità che permette agli utenti di registrare un audio della durata massima di 140 secondi. Avete qualcosa da dire ad un utente della piattaforma o ad un personaggio di spicco che seguite? Ora potete finalmente farlo con la vostra voce.

Tweet vocali, la nuova funzionalità di Twitter

Se volete provare i tweet vocali, dovrete aspettare il vostro turno. Twitter ha infatti dichiarato che la funzionalità è al momento in fase di test soltanto per alcuni utenti iOS, ma che presto sarà ampliata ad un pubblico più ampio. Per ora, a quanto pare, si tratterebbe comunque di un test condotto esclusivamente su dispositivi Apple. Gli utenti selezionati avranno la possibilità di registrare un tweet vocale cliccando sull’icona della lunghezza d’onda.

tweet vocali

Inutile dire che si tratta di una novità che ha incuriosito non poco il mondo dei social, ma che al tempo stesso ha preoccupato chi utilizza le piattaforme. Twitter non è stato estraneo alle critiche sulla diffusione di contenuti poco informativi nel periodo del Covid-19 (ed anche dopo). La piattaforma ha di recente oscurato anche un video condiviso dal Presidente Donald Trump, dichiarando chiaramente di voler garantire agli utenti un’informazione trasparente e priva di violenza.

Ma come farà a controllare i tweet vocali? A rispondere è stata la portavoce di Twitter Aly Pavela: “Esamineremo tutti i tweet vocali segnalati in linea con le nostre regole e prenderemo provvedimenti, compresa l’etichettatura, se necessario“. Una mossa molto sensata da parte della piattaforma, che sta lavorando molto sia sull’aggiornamento delle funzionalità sia sulla sicurezza dei suoi utenti. Pronti a registrare il vostro primo tweet allora?

 


Chiara Crescenzi

author-publish-post-icon
Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link