fbpx
CulturaNewsTech

L’Università di Padova lancia due nuovi servizi

Affluences e GalileoDiscovery: due soluzioni tecnologiche a disposizione di tutta la cittadinanza per usufruire dei servizi bibliotecari in sicurezza

Continua l’impegno dell’Università di Padova per garantire la fruizione dei servizi offerti e incentivare la frequentazione degli spazi dell’Ateneo nel rispetto delle norme sanitarie vigenti. Questa volta rendendo disponibili i beni librari a tutta la cittadinanza, oltre che agli studenti, grazie alla tecnologia. L’istituto lancia, infatti, due soluzioni gratuite: GalileoDiscovery per accedere da remoto ai contenuti digitali e l’App Affluences e per prenotare un posto in biblioteca evitando la congestione degli spazi e agevolando il tracciamento all’occorrenza.

L’Università di Padova lancia due nuovi servizi per gli studenti

Da tempo l’Università di Padova, tramite il Centro di Ateneo per le Biblioteche, gestisce il proprio patrimonio librario attraverso una piattaforma informatica. Condivisa con il Comune di Padova e la Biblioteca Universitaria del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, lo scopo è di valorizzare la rispettiva offerta e migliorare l’efficienza operativa dei servizi. Il periodo di emergenza di questi mesi ha indotto le istituzioni cittadine ad ampliare le attività di cooperazione per migliorare l’erogazione dei servizi agli utenti.

In particolare, GalileoDiscovery agevolerà la consultazione dei contenuti digitali da remoto. Fornendo uno strumento di ricerca rapido, intuitivo e facilmente accessibile da smartphone, pc e tablet. D’altro canto, App Affluences, consentirà di accedere e permanere nei locali delle biblioteche dell’Ateneo prenotando la propria postazione. L’adozione di questo strumento renderà possibile il tracciamento dei presenti allo stesso tavolo. Limitando, in caso di positività di un soggetto, l’eventuale quarantena ai vicini e non a tutti gli utenti della biblioteca quel giorno.

Dal prossimo ottobre anche la Biblioteca Universitaria del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e le Biblioteche del Comune di Padova implementeranno lo stesso sistema. In questo modo gli utenti potranno verificare tramite il proprio smartphone sia le prenotazioni che le percentuali di occupazione dei posti, individuando con immediatezza la biblioteca dove recarsi, in sicurezza.

GalileoDiscovery

GalileoDiscovery università di padova

GalileoDiscovery, disponibile dal 14 settembre, costituirà un unico punto di accesso ai libri e alle riviste cartacee. Ma anche a: e-books, e-journals, articoli contenuti nelle banche dati, prodotti della ricerca, dataset, tesi, immagini, audio, video, rapporti tecnici, dati statistici, siti web, brevetti, spartiti, papers e altro ancora. GalileoDiscovery è interrogabile da computer, smartphone e tablet.

App Affluencers

App Affluencers è molto semplice da usare: l’utente sceglie la biblioteca di interesse, prenota il posto che preferisce selezionando il giorno e l’ora. Una volta arrivato in postazione, conferma la propria presenza cliccando sul tasto “Convalida la mia presenza” e fotografando il QR Code che troverà sul tavolo al posto prenotato. Se il posto riservato non verrà confermato entro 20 minuti dall’inizio della prenotazione, verrà reso disponibile per un altro utente.

Questa procedura ha due vantaggi: da un lato consente di ottimizzare l’offerta dei posti disponibili evitando che vi siano posti prenotati non utilizzati. Dall’altro permette di tracciare le presenze allo stesso tavolo di studio limitando, in caso di necessità, l’eventuale quarantena ai vicini di tavolo.

Sara Grigolin

Amo le serie tv, i libri, la musica e sono malata di tecnologia. Soprattutto se è dotata di led RGB.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button