fbpx
AttualitàCulturaNews

Il valore delle criptovalute sta calando (sì, di tutte)

Dal Bitcoin ad Ethereum, i prezzi stanno calando. E il sito Coinbase ha avuto problemi di connessione

Nelle ultime ore il valore di tutte le criptovalute sta calando. Anche se si incomincia a vedere qualche assestamento (al momento della scrittura di quest’articolo il Bitcoin sta emergendo verso il segno positivo nelle ultime 24 ore, ma non è una crescita stabile), la situazione sembra generalizzata. E a minare la fiducia degli investitori arrivano anche i problemi ai server della piattaforma di scambio Coinbase.

Valore delle criptovalute in calo

Le ragioni per un calo generalizzato sono spesso troppo complicate per essere ascrivibili a un unico problema. In questo periodo si sono sommate alcune questioni come la crescente preoccupazione per l’impatto ambientale delle criptovalute. Questo ha portato persino alla nascita di alcune monete che promettono di essere più sensibili nei confronti del pianeta. Ma anche portato Tesla a rinunciare al pagamento in Bitcoin, a cui ha fatto seguito poche ore dopo l’abbandono dei servizi di blockchain da parte di Microsoft Azure.

Va anche detto che le criptovalute hanno segnato un aumento costante dall’inizio dell’anno, per cui un calo era previsto. Anche perché ricordiamo che le criptovalute sono un investimento piuttosto rischioso e proprio per questo più remunerativo, quando le cose vanno bene.

Bitcoin e criptovalute

A complicare ulteriormente la situazione c’è stata la notizia dei problemi di connessione a Coinbase, il più popolare mercato di criptovalute negli Stati Uniti e in Europa. La piattaforma ha annunciato: “Stiamo avendo dei problemi con Coinbase e Coinbase Pro e alcune funzioni potrebbero non funzionare a dovere. Stiamo investigando sui problemi e forniremo aggiornamenti non appena possibile”.

Un’altra popolare piattaforma, Binance, ha di recente attirato l’attenzione delle agenzie federali americane. Una fonte di incertezza in più che non fa bene sul mercato. Il rischio di questi investimenti è noto alla maggior parte degli investitori, che però potrebbero aver scommesso più del dovuto visto il continuo aumento degli ultimi mesi. Forse è arrivato il momento di diversificare il proprio portafoglio virtuale.

Source
Gizchina

Stefano Regazzi

Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.

Ti potrebbero interessare anche:

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button